HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Aveva ragione Conte sulla Juve europea: primi dubbi. Ecco perché Agnelli elogia Allegri e accusa il calcio italiano. Ma con la Roma bianconeri favoriti. Cuadrado non firma, lo vuole il Manchester a gennaio

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
03.10.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 31137 volte
Aveva ragione Conte sulla Juve europea: primi dubbi. Ecco perché Agnelli elogia Allegri e accusa il calcio italiano. Ma con la Roma bianconeri favoriti. Cuadrado non firma, lo vuole il Manchester a gennaio

Dopo la sconfitta della Juventus a Madrid contro l'Atletico, guarda caso, è arrivata la lettera di Andrea Agnelli che vuol dire tante cose. Niente succede mai per caso. Nella società bianconera, infatti, avevano annusato i primi rumors tra i tifosi e qualche commento sui social network non è piaciuto.

E' vero che la Juventus avrebbe meritato il pareggio per come ha lottato contro la squadra di Simeone, ma è altrettanto vero che ha giocato una gara femmina, come avrebbe detto Brera, senza coraggio, limitandosi al possesso palla e alla fase difensiva, senza mai affrontare l'Atletico a viso aperto.

I limiti di questa squadra, di personalità di sicuro, ma anche tecnici, sono apparsi evidenti e siccome nel calcio contano i risultati, mentre il sofferto pareggio sarebbe stato un trionfo, la sconfitta quasi senza giocarsi la partita ha fatto male a molti tifosi che sperano (vorrebbero) di ritrovare prima o poi una Juventus capace di competere con le più grandi d'Europa come faceva una volta.

Di Champions ne ha vinte poche la Signora, ma spesso è arrivata in finale, molto spesso in semifinale e comunque ha sempre giocato alla pari battendo spesso Real, Barcellona, Bayern o Manchester.

Oggi non ci riesce più e allora qualcuno sta tirando in ballo Conte che si era stufato di vincere in Italia (non aveva più stimoli) e ha sbattuto la porta bianconera quando ha capito che neanche quest'anno avrebbero fatto una squadra forte per la Champions.

La previsione sembra azzeccata perché a Madrid la Juve ha giocato da provinciale, cercando di non prenderle e con questa mentalità prima o poi il golletto lo incassi e difficilmente puoi guardare l'avversario negli occhi, alla pari.

Andrea Agnelli queste cose le sa benissimo, sa che il tasso tecnico europeo di questa squadra è ancora bassa, che Tevez non basta, che ci sarebbe voluto Sanchez (che partita contro il Galatasaray!) o gente del genere. Gente che costa troppo e la Juve non può permettersi.

Morale? Le probabilità di passare il turno e di qualificarsi per gli ottavi sono tante, ma è difficile fare di più.

Le colpe? Non dell'allenatore, secondo Agnelli. Il presidente si è affrettato a dire che Allegri è un vincente e ha portato nuova passione tra gli juventini. Questo è vero, ma non può fare miracoli.

Per parare il colpo di chi è pronto a rinfacciare una campagna acquisti non europea Agnelli ha gettato la croce sul calcio italiano che non si riforma e non garantisce organizzazione nuova e altri fonti di guadagno. E su questo ha ragione.

L'Europa ha mostrato però che credendoci, giocando un calcio più coraggioso come fa la Roma, si possono comunque ottenere dei risultati importanti come quello di Manchester. E se è vero che molte squadre sono più forti della Juve è altrettanto vero che lo sono anche della Roma.

Perché allora la Roma gioca meglio e non sfigura? Per il calcio diverso che gioca, più verticale, più propositivo, più veloce, più coraggioso. In Europa Garcia batte Allegri e su questo non c'è dubbio.

Domenica, però, nella sfida diretta l'equilibrio pende ancora dalla parte della Juventus. Non è più il tempo del 3-0 della scorsa stagione, Garcia ha capito molto meglio il calcio italiano, ma la Roma gioca e lascia giocare e questo contro la Juventus diventa uno svantaggio importante.

L'organizzazione difensiva bianconera, la capacità di chiudere gli spazi e di fare possesso palla, possono sicuramente contrastare il gioco verticale e veloce della Roma. Senza spazi non puoi andare, quando il campo è presidiato tutto diventa piu' difficile e senza De Rossi davanti alla difesa, Tevez tra le linee può diventare devastante.

Ma Allegri deve consentire ai centrocampisti di verticalizzare di più senza palla, Vidal non è uno da possesso, deve liberarlo per proporsi, le penetrazioni sono la sua forza. E su questo la Roma soffre.

Quindi Roma più forte in Europa, ma Juve ancora più esperta e con un gioco più italiano che in campionato paga. Si accettano scommesse.

Nel frattempo, in un mercato che non si muove ancora, l'unico problema ce l'ha la Fiorentina. Parliamo di Cuadrado, il giocatore che tutti volevano e nessuno ha preso. Di fronte a 40 milioni (richiesta viola) i potenziali acquirenti si sono scoraggiati e il giocatore dopo essere rimasto a Firenze ora pretende quello che gli avevano promesso le altre società. A fronte dei 4 milioni netti promessi dal Barcellona e dal Manchester United, ora Cuadrado chiede alla Fiorentina un rinnovo a 3,3 milioni. La cifra va oltre il budget, sfonderebbe il monte-ingaggi e porterebbe fibrillazione nello spogliatoio. I viola sperano di riuscire a convincere Cuadrado, si fermano attorno ai 2-2,2 milioni più bonus, ma non andranno oltre.

Che fare se Cuadrado non rinnova? E' vero che il suo contratto scade nel 2017, ma la situazione non è serena, meglio affrontare subito il nodo perché Montella vuole un giocatore motivato. Non è un caso se da Manchester rimbalzano nuove voci di un interessamento per gennaio. Questa volta Ferguson sarebbe disposto a pagare 35 milioni di sterline (quasi 40 milioni) e allora forse converrà parlarne. Se il giocatore non è felice, con quella cifra si comprano altre tre uomini importanti.

Se invece stare a Firenze alle condizioni della Fiorentina tornerà ad essere una gioia come negli anni passati, Andrea Della Valle sarà ben lieto di tenersi il suo fantasioso-fantasista. L'uomo dei sogni di gloria.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.