HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Balotelli a forza due: gol, pagella e palle. Isteria tanta, equilibrio poco, de Boer in quattro giorni da esonerato a imperatore galattico. Milan, ma che succede fuori dal campo?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
25.09.2016 07.54 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 65768 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Mario Balotelli è un caso spinoso e lo sarà per il resto della propria carriera. Perché basta un pizzico di quel talento che può mostrare per avere una convocazione in nazionale - per una partita complicata come quella con la Spagna - mentre altri giocatori devono sudarsi troppe magliette per un momento del genere. Cos'è Balo? Un falso d'autore oppure la Gioconda, come aveva spiegato Raiola? Certo, di Mino si possono dire tante cose, ma non che non sappia riconoscere un grande calciatore. Lo si è visto con Pogba, con Ibrahimovic, con Donnarumma. Certo, non ha mai detto che Mattioni era un Renoir, perché sapeva di non doversi sconfessare. Però questa difesa a Balotelli fa capire quanto l'italolandese creda in lui. Anche da un punto di vista mediatico, perché è impensabile credere a un giocatore che per anni (sono già tre di fila) fa flop più o meno su tutta la linea. Così, dopo la preconvocazione, bisogna interrogarsi su chi è Balotelli. Sicuramente è una creatura, oltre che di se stesso, della stampa italiana. Quella che s'accalca per la prima conferenza a Nizza - pur mai banale - e che saluta al campione rinato dopo i primi due gol. Quello che lo prende in giro per il due in pagella per l'Equipe (senza probabilmente conoscere i voti del giornale francese) o che lo reputa sempre acerbo quando viene escluso per un problema. Balotelli ha bisogno di un oblio mediatico anche per non credersi più di quel che è. Già il fatto di non essere stato convocato all'Europeo può essere una discreta sveglia, coccolarlo non aiuta.

Ecco, l'isteria per Balotelli è più o meno paragonabile a quello che è successo all'Inter per Frank de Boer. La partita con il Beer Sheva era un imbarazzo totale, ma è pur sempre una partita di Europa League, la prima, senza grande valore sulla qualificazione al turno successivo. De Boer ha avuto grossi problemi ma anche un tempo esageratamente limitato per capire un calcio completamente diverso da quello olandese, solitamente offensivo e senza dettami tattici capaci di irretire un avversario più forte. L'Inter aveva bisogno di partite, di giocare, di conoscersi. Perché Banega è un giocatore di classe mondiale, Joao Mario, pur con una valutazione eccessiva, ha comunque dato quantità e qualità rispetto a chi, come Felipe Melo e Kondogbia, aveva sì grande fisicità ma limitate doti tecniche. L'Inter ha una rosa molto competitiva, in attesa di Gabigol: ecco, la presentazione del brasiliano è più o meno come quella di Ronaldo vent'anni fa, utilizzata sì per una questione tecnica, ma anche il marketing fa la differenza nel calcio italiano. Se Gabigol dovesse rispondere alle attese sul campo diventerà davvero il "sogno" citato da Tronchetti Provera. De Boer è passato da quattro giorni da quasi esonerato - con sfida contro la Juventus a San Siro - a imperatore galattico, con l'acquario di dipendenti e le poltrone in pelle umana. La verità sta nel mezzo, come quasi sempre, il campionato è lungo e un mese può cambiare il corso degli eventi, ma senza pregiudicare del tutto la situazione.

Poi ci sono le questioni serie, importanti, quelle che cambiano davvero il corso degli eventi. Il closing del Milan è ancora in divenire, le voci si affastellano, diventano realtà se ripetute quelle x volte - e smentite senza forza - soprattutto guardando come l'Inter con Suning è tornata a essere una potenza economica del calcio globale, mentre i rossoneri hanno queste difficoltà. Eppure del caso se ne parla da parecchio tempo, ancor prima dell'avvento di Thohir. Chissà se è la volta buona.

Pensieri sparsi: Spalletti sa bene di non essere simpatico alla claque di Totti, ma forse gli sta allungando la carriera. La Fiorentina va sulle montagne russe, soprattutto come umore, mentre la Lazio ha qualche problema strutturale ma potenzialmente una grande capacità di esprimere talento. Dietro, considerando che il Crotone è la squadra più debole dell'intera Serie A, ad avere grossi limiti è l'Atalanta: tecnicamente si può salvare senza grossi problemi, l'impressione è che abbia imboccato una china pericolosa, più o meno come l'Hellas Verona dell'anno scorso. La differenza è che i nerazzurri hanno vinto una partita (e gli scaligeri dovettero aspettare parecchio) mentre i bergamaschi appaiono in confusione, un po' come Gasperini. L'isteria, in parte, ha toccato anche Allegri dopo il Siviglia e l'Inter. Ma può stare tranquillo, ha la squadra più forte d'Italia per distacco. Ed è giusto valutare le cose nel proprio complesso, non solo per un paio di risultati.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.