VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Balotelli non è un campione: ecco perché Seedorf attacca Mario. Un Milan da rifare. Juve, assalto a Nani. Diego Della Valle innamorato della Fiorentina: domani vede l'Inter

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
14.02.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33432 volte
© foto di Federico De Luca

Non vanno sottovalutate le parole di Seedorf dette appena ieri: "Balotelli non è un campione". Qualcuno potrebbe pensare che sia un modo come un altro per stimolare un ragazzo che appena pochi giorni prima era caduto in un pianto pubblico che ha suscitato qualche perplessità sulla sua tenuta nervosa. Sicuramente l'intenzione di Seedorf era questa, ma siccome l'allenatore del Milan è una persona intelligente, forse dietro questa frase c'è la presa d'atto di una situazione di difficile gestione.
Balotelli era un caso all'Inter che non per nulla l'ha ceduto, era un caso al Manchester City che dopo aver investito su di lui ha pensato bene di rimandarlo in Italia e (purtroppo) sta diventando un caso anche per il Milan.
Sicuramente Barbara Berlusconi e il suo entourage stanno riflettendo se è il caso di continuare con un eterno ragazzo che costa moltissimo d'ingaggio, che costa moltissimo in assoluto anche per la presenza di un procuratore ingombrante come Rajola, per il quale devono ancora essere pagate pesanti rate al City. Un interrogativo che presto avrà una risposta definita e definitiva. Se qualcuno pensava di prendere Balotelli e di mettergli in mano il Milan dei prossimi anni molto probabilmente si sta ricredendo.
E qui entra in ballo la personalità di un ragazzo che è stato costruito in laboratorio, al quale hanno cucito addosso la casacca del campione, al quale si è chiesto tutto e subito troppo presto, salvo poi scoprire una fragilità assoluta dietro la finta corazza.
E qui sta tutto il problema. Le lacrime per la sostituzione hanno messo a nudo Balotelli e fatto riflettere sulla situazione di un ragazzo che sembra un super man, ma che in realtà fatica a trovare un equilibrio in campo e fuori.
Balotelli è costretto a recitare una parte che non è la sua, fatica a trovare un equilibrio come persona e di conseguenza come giocatore. Passa da fasi di esaltazione e questo è il momento delle Balotellate, quando pensa di essere invincibile, a fasi di debolezza come quella del pianto, acuite dalla responsabilità di essere padre che forse avverte come una cosa più grande di lui.
Sicuramente ha ragione Seedorf, il campione Balotelli non c'è ancora. E forse chissà quando arriverà. Il miglior Mario si è visto quando ha passato periodi di tranquillità e di equilibrio in campo e fuori come durante gli Europei del 2012 o nel primo periodo al Milan. Poi gli alti e bassi sono costanti ed è quasi normale che una società importante come il Milan che sta pensando alla ricostruzione, si interroghi sul ruolo che potrà affidare a Balotelli in futuro. Ad oggi, se non maturerà in fretta, non è sicuramente un campione, ha ragione Seedorf. Toccherà a lui crescere, migliorare e trovare continuità. Ci riuscirà? Balotelli non è più giovanissimo, siamo tentati di dire ora o mai più. E lo sta dicendo anche il Milan.
Quindi, dietro le parole di Seedorf potrebbe nascondersi una sorta di ultimatum per capire se il Milan potrà ancora contare su di lui o forse non è meglio monetizzare il suo contratto per poi puntare su giocatori alla lunga più affidabile.
Teniamo anche conto che Berlusconi non ha mai amato i giocatori alla Balotelli, i geni maledetti, e questa sua avversione non l'ha mai nascosta. Ricorderete cosa disse proprio di Balotelli "è una mela marcia", salvo poi correggersi quando Galliani l'anno scorso lo convinse che prendere Mario era un affare. In effetti nel gennaio scorso è stato un affare, Galliani l'ha pagato relativamente poco, con Balotelli in stato di grazia ha conquistato la Champions League che altrimenti avrebbe visto con il binocolo, ma Balotelli un po' come Cassano, fa presto a rompere con gli ambienti.
La rifondazione Milan con giovani di qualità e serietà affidata a Seedorf potrebbe perciò anche fare a meno di Balotelli. La risposta dovrà darla soltanto lui in questi ultimi tre mesi e mezzo di campionato e nel mondiale brasiliano.
Se Balotelli è destinato a rimanere un campione potenziale o ha la forza per diventare un campione vero si saprà presto. Intanto il Milan e Seedorf stanno riflettendo e Raiola si sta guardando attorno. Gli eventuali acquirenti non mancano, soprattutto in Francia e in Spagna. Vedremo.
Intanto dobbiamo continuare a seguire la pista Nani, grande obiettivo estivo della Juventus. Esterno di grandi qualità tecniche, giocatore di esperienza, è l'uomo giusto per far felice Conte tanto più che la Juventus ha capito che sarà impossibile arrivare a Cuadrado.
Come già anticipato qualche mese fa, la Fiorentina e l'Udinese sono già d'accordo: il giocatore resterà a Firenze per almeno un altro anno, riscattato dalla società viola per una cifra attorno ai 13-15 milioni di euro. In caso di cessione dopo il 2015 e ulteriore plusvalenza, gli utili saranno comunque ridistribuiti tra Pozzo e Andrea Della Valle che vorrebbe prendere in comproprietà anche Muriel.
A proposito di Della Valle, il grande lavoro fatto dal fratello Andrea che ha costruito una squadra divertente e la conquista della finale di coppa Italia, hanno avuto l'effetto di riavvicinare Diego Della Valle al calcio. Presente sugli spalti l'altra sera nella gara con l'Udinese, si sente un po' il portafortuna e ha confidato ad alcuni amici che tornerà molto più spesso, tra un impegno e l'altro, a seguire la Fiorentina. Gli è piaciuto il clima dello stadio, il gioco visto, il fair play dei tifosi al Franchi che, ricordiamolo è senza barriere di alcun tipo, sotto tutto il parterre di tribuna. Uno stadio all'inglese che esalta il calcio.
E Diego Della Valle ci sarà anche domani sera, sabato, per vedere la sfida contro l'Inter un altro momento particolare per la Fiorentina a caccia della Champions.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.