HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Basta con gli stranieri se non sono campioni, la Russia chiude le porte e da noi sono il 60% in serie A: il calcio così muore

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
05.09.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36174 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato appena chiuso si presta ad amare riflessioni sullo stato di salute del nostro calcio, sulla situazione delle società e sulle idee dei dirigenti. Un fallimento completo. A parte le risorse investite (duecento milioni) inferiori a quelle degli anni passati e lontane anni luce da quello che hanno fatto i campionati che contano, dobbiamo sottolineare che a fronte di uscite importanti sono arrivati tutti giocatori di seconda e terza fascia.

Se ne sono andati Immobile capocannoniere, Reina e Cerci tanto per dirne alcuni, ma anche Vucinic, Pandev ed altri campioni che hanno finito la loro corsa (Milito e Cambiasso) mentre i nomi più importanti importati sono Torres che il Chelsea ha liquidato, un giovane da scoprire (Morata) o Vidic, Saviola e Marquez a fine corsa.

Insomma, il nostro calcio è più povero, più vecchio e più straniero. E questo è il problema vero. Nella prima giornata di campionato il 59 per cento dei giocatori impiegati erano stranieri, il tetto dei cinquanta già ampiamente superato altre volte, si sta drammaticamente avvicinando al sessanta. Gli stranieri nel nostro campionato sono 313, gli stessi dell'anno scorso, ma quello che stupisce e che sempre più stanno prendendo il posto da titolare, giocano, a scapito degli italiani. E soprattutto dei giovani.

Di questo passo la nostra cultura calcistica scomparirà e non avendo risorse da investire su campioni dall'estero, le società saranno costrette a dirottare i loro interessi su stranieri di scarso valore.

Che fare? Il problema non è solo italiano. Se pensate che ogni anno dall'Argentina emigrano circa duemila calciatori professionisti, è facile capire a che punto siamo arrivati. Ma anche dal Brasile e da altre nazioni sudamericane l'esodo è massiccio. Ora anche dall'Africa.

La Russia ha il nostro stesso problema. I soldi dei magnati hanno attirato una massa enorme dei giocatori, il calcio russo non sforna più talenti e la Nazionale fatica. Giusto ieri il ministro dello sport ha annunciato delle leggi che sfoltiranno la presenza di atleti non russi dal calcio, ma anche da altri sport. Gradualmente vogliono tornare a una situazione più ragione con 3-4 stranieri per questa, l'obbligo di utilizzare giocatori dei vivai e tutte quelle altre misure capaci di ridare un senso nazionale allo sport.

Se la globalizzazione ha portato il progresso in diverse attività, lo sport ha radici, cultura e valori che si differenziano a seconda dei territori e vanno salvaguardate. Perché lo sport è anche bandiera e appartenenza, questo esprimono le nazionali.

O si aboliscono le nazionali dando spazio soltanto ai club, oppure le nazioni con grandi bacini di calciatori appunto come Brasile e Argentina, presto segneranno un solco incolmabile con le altre.

L'esempio della Russia deve far riflettere. Il nuovo presidente della Federcalcio Tavecchio ha fatto una bandiera del ritorno ai vivai e ai giovani, speriamo riesca a far passare presto dei blocchi numerici anche se con un consigliere come Lotito abbiamo forti dubbi.

Il nostro calcio ha sempre prodotto campioni, bisogna imporre il ritorno ai vivai e all'utilizzo dei giovani più interessanti perché i ragazzi se non giocano sfioriscono e poi si perdono. Ma il discorso deve investire tutto il movimento calcio e non soltanto il campionato di serie A.

Una volta le società pescavano anche dalla serie C, molto giocatori importanti sono nati nelle categorie minori che ora servono soltanto a far posto a vecchi a fine carriera o a modesti mestieranti.

Se vogliamo tornare a riempire gli stadi, prima bisogna farli nuovi, ma poi bisogna rimettere in moto anche la cultura del campanile. Se il Barcellona riesce ogni anno a sfornare sei-sette giocatori catalani dalla sua Cantera e li aggrega alla prima squadra, non riusciamo a capire come non lo possano fare le squadre italiane.

Non tocca a noi suggerire soluzioni, quello che possiamo fare è insistere perché quelle riforme promesse vengano attuate in fretta: il tempo è scaduto.

Dalla pochezza delle squadre di club piene di stranieri alla Nazionale, il discorso è collegato. In Brasile si è toccato il punto di non ritorno. Se è vero che Prandelli ci ha messo molto del suo presentando una formazione psicologicamente fragile e calcisticamente confusa, è altrettanto vero che è difficile andare oltre una rosa di una trentina di giocatori, molti dei quali modesti, che offre il nostro campionato. E di questo passo sarà sempre peggio. Se gli italiani non giocano, quelli che giocano sono scarsi e molti dei migliori se ne vanno perché all'estero guadagnano di più, tirate voi le somme.

Conte ha già dato e darà una bella scossa. E' un condottiero sul modelli Lippi-Sacchi, sicuramente con lui si ritroverà la grinta e lo spirito di appartenenza naufragate nel finto buonismo di Prandelli, il primo esempio è arrivato contro l'Olanda terza ai mondiali battuta con facilità. La nazionale sembra già una squadra vera, oltre la vittoria la sensazione che il nostro calcio se fatto bene, se capace di ritrovare le radici e gli uomini giusti come Conte possa riprendersi. Simone Zaza la dimostrazione che nel nostro calcio i giovani ci sono e possono emergere se qualcuno com e il Sassuolo li fa giocare con continuità. Ma potrebbe non bastare se non arriveranno in fretta le riforme necessarie e promesse da Tavecchio, se non si bloccherà l'utilizzo degli stranieri e se non si punterà di nuovo forte sui vivai. Fate in fretta.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.