HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Bee, Inzaghi e il Milan: battute finali. Benitez, ora la palla passa a te, Inter ritorno al futuro, Pogba-PSG e i complimenti al Carpi

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
30.04.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 38407 volte
© foto di Federico De Luca

Per il Milan è stata una lunga giornata, una lunga serata e sarà una lunga nottata. Soltanto durante la mattina sapremo se ci sarà ancora Inzaghi sulla panchina dei rossoneri anche pe l'allenamento del pomeriggio soltanto domani mattina sapremo se Berlusoni rimarrà proprietario del Milan. Diciamolo chiaramente: entrambe le cose sono molto poco probabili. Bee Teaucheabeaul ha incontrato Berlusconi, hanno cenato insieme, non hanno visto la partita e alle undici, con l'1-3 sul groppone se ne è tornato a casa. Chissà se l'ennesima brutta prestazione dei rossoneri gli ha fatto cambiare idea. Scherzi a parte l'entuorage di Mr Bee si dice fiducioso. E crede di poter chiudere positivamente la trattativa. All'incontro con Berlusconi non è andato da solo. C'era Dana, il suo consulente a futuro amministratore delegato, e c'erano anche i rappresentanti della banca di Abu Dhabi (di proprietà dello sceicco) che aiuteranno Teaucheabeaul nell'operazione. Nel frattempo la squadra dormirà a Milanello e probabilmente sarà anche l'ultima notte di Inzaghi come allenatore rossonero. I risultati non lo aiutano affatto, contestazione continua, la squadra non lo segue. Brocchi dovrebbe traghettare la squadra fino alla fine della stagione. Progetti più a lungo termine ora non ce ne possono essere. Tutto sarà poi deciso da Mr Bee e dal suo entourage. Ci sono molte ipotesi sul tavolo: anche quella di mantenere l'attuale dirigenza, aggiungendola ai nomi che ha in testa la nuova proprietà: anche se la convivenza non sembra affatto semplice...

Al Napoli invece De Laurentiis parla eccome. E ora? Ora Benitez che dirà? Sabato quando si incontreranno di nuovo cosa verrà fuori? Ormai siamo arrivati quasi a maggio. Come abbiamo sempre detto i risultati avrebbero potuto capovolgere una situazione che comunque ancora rosea non è. Il Napoli in semifinale di Europa League e a un passo dal potersi riprendere la qualificazione in Champions (anche ) in campionato, ha ribaltato un po' i piani. Ma Benitez sempre una risposta deve dare.Non era molto tempo fa quando il feeling era ai minimi termini. Attenzione: non era mai stato messo in discussione il valore professionale dell'allenatore. Ma evidentemente De Laurentiis vuole avere una sintonia completa con i suoi dirigenti. E con Benitez questo non c'è stato più da un po' di tempo. Chiacchierate ridotte al minimo (più che altro utilizzo di sms), diversità di vedute sui risultati, impieghi di giocatori e soprattutti ritiri. Benitez vuole avere la sicurezza di investimenti continui nel tempo (almeno tre acquisti per essere competitivi anche in Europa), di programmazioni concrete sul settore giovanile e di un rinnovamento dello stadio. Queste tre indicatori sui quali riflettere per capire cosa farà Benitez. Al momento ribadiamo: più no che sì. E ribadiamo anche il nome di Mihajlovic come probabile successore di Rafa.

La Juve è a un passo dal quarto scudetto consecutivo e l'unica vibrazione arriva da Parigi dove scrivono che Pogba si è incontrato con il presidente del Psg. La Juve conferma l'incontro ma puntualizza con forza e decisione: intanto l'incontro è stato completamente casuale e sicuramente non è stato possibile intavolare una trattativa, la seconda è che nessuno ha mai parlato con la Juventus. Quindi trattativa non c'è. E Marotta fa capire che se dovesse esserci non sarebbe certo semplice...

Anche l'Inter continua a lavorare per il futuro. Yaya Touré è nettamente la priorità. Le scelte saranno subordinate a quanti soldi spenderà l'Inter pe il centrocampista preferito di Mancini. Solo se dovesse arrivare un no preciso l'Inter mollerà. E le alternative allora sono Song (del Barcellona, suo quale c'è anche l'Interesse del Milan) e Allan dell'Udinese. Curiosa la storia di Allan perché l'Inter (proprio con Dybala) li aveva praticamente presi, prima ancor che arrivassero in Italia. Prezzi naturalmente differenti da questi di cui sentiamo parlare ora. Ma evidentemente l'Inter aveva visto lungo anche allora, ma forse non ha avuto le risorse giuste per poter piazzare questo doppio colpo che si sarebbe ritrovato in casa. Non sempre è facile fare questo tipo di scelte, il calciomercato ne è pieno.

Chiudiamo con il miracolo di questi giorni: il Carpi. Definirlo miracolo non è però giusto nei confronti di chi a questo progetto ha lavorato anima e corpo in questi anni. 5 anni fa nei dilettanti, da ieri in A. Come si fa? Fortuna? Tutti al posto giusto e al momento giusto? Congiunzione astrale? A me oiace pensare che Bonacini e Giuntoli, presidente e direttore sportivo, abbiano creato insieme questo gioiello. Non si vincono 4 campionati per caso o soltanto per congiunzione astrale. Non si arriva in serie A così. Forse serviranno anni per capire cosa è successo in questa piccola città di provincia, qual è il segreto dei Castori-boys. Scriveremo in tanti, proveremo a chiederlo ai protagonisti mille volte. In realtà il lavoro paga e stavolta si è visto. Nel migliore dei modi possibili. Io sinceramente sono convinto che Giuntoli abbia fatto un lavoro straordinario. Abbia cercato con la costanza di un fuoriclasse i giocatori (e gli uomini) adatti alla sua idea di calcio. E ha avuto la fortuna di trovare un presidente come Bonacini che la pensa come lui. Un binomio finora inscindibile che ha raccolto solo successi. Sembrano complimenti troppo importanti: provate voi a portare il Carpi in A. E per cercare di farlo rimanere sono pronti già i primi movimenti: Melchiorri del Pescara, Gavazzi (ora alla Ternana ma della Sampdoria), piace il capocannoniere Toni insieme a Moras del Verona. Interessa Sampirisi. E per l'attacco l'altro nome è Pavoletti. Gente che ha fame, più che conto in banca. Gente che corre per la gloria. Come il Carpi ha corso fino alla serie A. Come in una storia che tutti avrebbero voluto vivere. Quelle storie che rendono unico il calcio, quelle che ti ricordi per tutta la vita. In questo momento siamo tutti tifosi del Carpi: incarna il motivo per cui tutti seguono il calcio. Che nulla è precluso: basta saperlo fare. Anche alla faccia di chi ti vuole male!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.