HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Bee, Inzaghi e il Milan: battute finali. Benitez, ora la palla passa a te, Inter ritorno al futuro, Pogba-PSG e i complimenti al Carpi

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
30.04.2015 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 38393 volte
© foto di Federico De Luca

Per il Milan è stata una lunga giornata, una lunga serata e sarà una lunga nottata. Soltanto durante la mattina sapremo se ci sarà ancora Inzaghi sulla panchina dei rossoneri anche pe l'allenamento del pomeriggio soltanto domani mattina sapremo se Berlusoni rimarrà proprietario del Milan. Diciamolo chiaramente: entrambe le cose sono molto poco probabili. Bee Teaucheabeaul ha incontrato Berlusconi, hanno cenato insieme, non hanno visto la partita e alle undici, con l'1-3 sul groppone se ne è tornato a casa. Chissà se l'ennesima brutta prestazione dei rossoneri gli ha fatto cambiare idea. Scherzi a parte l'entuorage di Mr Bee si dice fiducioso. E crede di poter chiudere positivamente la trattativa. All'incontro con Berlusconi non è andato da solo. C'era Dana, il suo consulente a futuro amministratore delegato, e c'erano anche i rappresentanti della banca di Abu Dhabi (di proprietà dello sceicco) che aiuteranno Teaucheabeaul nell'operazione. Nel frattempo la squadra dormirà a Milanello e probabilmente sarà anche l'ultima notte di Inzaghi come allenatore rossonero. I risultati non lo aiutano affatto, contestazione continua, la squadra non lo segue. Brocchi dovrebbe traghettare la squadra fino alla fine della stagione. Progetti più a lungo termine ora non ce ne possono essere. Tutto sarà poi deciso da Mr Bee e dal suo entourage. Ci sono molte ipotesi sul tavolo: anche quella di mantenere l'attuale dirigenza, aggiungendola ai nomi che ha in testa la nuova proprietà: anche se la convivenza non sembra affatto semplice...

Al Napoli invece De Laurentiis parla eccome. E ora? Ora Benitez che dirà? Sabato quando si incontreranno di nuovo cosa verrà fuori? Ormai siamo arrivati quasi a maggio. Come abbiamo sempre detto i risultati avrebbero potuto capovolgere una situazione che comunque ancora rosea non è. Il Napoli in semifinale di Europa League e a un passo dal potersi riprendere la qualificazione in Champions (anche ) in campionato, ha ribaltato un po' i piani. Ma Benitez sempre una risposta deve dare.Non era molto tempo fa quando il feeling era ai minimi termini. Attenzione: non era mai stato messo in discussione il valore professionale dell'allenatore. Ma evidentemente De Laurentiis vuole avere una sintonia completa con i suoi dirigenti. E con Benitez questo non c'è stato più da un po' di tempo. Chiacchierate ridotte al minimo (più che altro utilizzo di sms), diversità di vedute sui risultati, impieghi di giocatori e soprattutti ritiri. Benitez vuole avere la sicurezza di investimenti continui nel tempo (almeno tre acquisti per essere competitivi anche in Europa), di programmazioni concrete sul settore giovanile e di un rinnovamento dello stadio. Queste tre indicatori sui quali riflettere per capire cosa farà Benitez. Al momento ribadiamo: più no che sì. E ribadiamo anche il nome di Mihajlovic come probabile successore di Rafa.

La Juve è a un passo dal quarto scudetto consecutivo e l'unica vibrazione arriva da Parigi dove scrivono che Pogba si è incontrato con il presidente del Psg. La Juve conferma l'incontro ma puntualizza con forza e decisione: intanto l'incontro è stato completamente casuale e sicuramente non è stato possibile intavolare una trattativa, la seconda è che nessuno ha mai parlato con la Juventus. Quindi trattativa non c'è. E Marotta fa capire che se dovesse esserci non sarebbe certo semplice...

Anche l'Inter continua a lavorare per il futuro. Yaya Touré è nettamente la priorità. Le scelte saranno subordinate a quanti soldi spenderà l'Inter pe il centrocampista preferito di Mancini. Solo se dovesse arrivare un no preciso l'Inter mollerà. E le alternative allora sono Song (del Barcellona, suo quale c'è anche l'Interesse del Milan) e Allan dell'Udinese. Curiosa la storia di Allan perché l'Inter (proprio con Dybala) li aveva praticamente presi, prima ancor che arrivassero in Italia. Prezzi naturalmente differenti da questi di cui sentiamo parlare ora. Ma evidentemente l'Inter aveva visto lungo anche allora, ma forse non ha avuto le risorse giuste per poter piazzare questo doppio colpo che si sarebbe ritrovato in casa. Non sempre è facile fare questo tipo di scelte, il calciomercato ne è pieno.

Chiudiamo con il miracolo di questi giorni: il Carpi. Definirlo miracolo non è però giusto nei confronti di chi a questo progetto ha lavorato anima e corpo in questi anni. 5 anni fa nei dilettanti, da ieri in A. Come si fa? Fortuna? Tutti al posto giusto e al momento giusto? Congiunzione astrale? A me oiace pensare che Bonacini e Giuntoli, presidente e direttore sportivo, abbiano creato insieme questo gioiello. Non si vincono 4 campionati per caso o soltanto per congiunzione astrale. Non si arriva in serie A così. Forse serviranno anni per capire cosa è successo in questa piccola città di provincia, qual è il segreto dei Castori-boys. Scriveremo in tanti, proveremo a chiederlo ai protagonisti mille volte. In realtà il lavoro paga e stavolta si è visto. Nel migliore dei modi possibili. Io sinceramente sono convinto che Giuntoli abbia fatto un lavoro straordinario. Abbia cercato con la costanza di un fuoriclasse i giocatori (e gli uomini) adatti alla sua idea di calcio. E ha avuto la fortuna di trovare un presidente come Bonacini che la pensa come lui. Un binomio finora inscindibile che ha raccolto solo successi. Sembrano complimenti troppo importanti: provate voi a portare il Carpi in A. E per cercare di farlo rimanere sono pronti già i primi movimenti: Melchiorri del Pescara, Gavazzi (ora alla Ternana ma della Sampdoria), piace il capocannoniere Toni insieme a Moras del Verona. Interessa Sampirisi. E per l'attacco l'altro nome è Pavoletti. Gente che ha fame, più che conto in banca. Gente che corre per la gloria. Come il Carpi ha corso fino alla serie A. Come in una storia che tutti avrebbero voluto vivere. Quelle storie che rendono unico il calcio, quelle che ti ricordi per tutta la vita. In questo momento siamo tutti tifosi del Carpi: incarna il motivo per cui tutti seguono il calcio. Che nulla è precluso: basta saperlo fare. Anche alla faccia di chi ti vuole male!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.