HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Beffa Milan. Juve, un pari che sa di vittoria. Ranieri ci crede ancora. Il Napoli vola sulle note del "Blues". Lazio e Fiorentina, chi perde va in crisi

Primo Direttore Sportivo di colore a laurearsi a Coverciano con il massimo dei voti. Ds della Nazionale congolese, ex ds del Catanzaro e Colognese. Opinionista tv per Sportitalia e Sky, commentatore dei Mondiali Under 20.
26.02.2012 00.00 di Malu' Mpasinkatu  articolo letto 15824 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Un pari che sa molto di vittoria per la Juventus che esce imbattuta da San Siro. I bianconeri pareggiano contro il Milan rimettendo in piedi un match che sembrava incanalato verso i binari del successo per i padroni di casa. Un bel Milan beffato nel finale dall'assalto dei bianconeri, ma andiamo con ordine. Al quindicesimo il Milan sblocca la partita con l'ottavo centro stagionale di Antonio Nocerino. La fantastica stagione del centrocampista napoletano diventa perfetta quando con un gran destro, deviato dalla difesa bianconera, trafigge Gigi Buffon. Esplode il San Siro per il meritato vantaggio degli uomini di Allegri. In realtà il Milan trova anche il secondo gol dopo pochi minuti con Muntari, ma inspiegabilmente la rete non viene convalidata. Il primo tempo è un monologo dei rossoneri, la Juve si limita ad arginare le ripartenze dei tre velocisti del Milan. Nella ripresa Allegri toglie uno spento Pato per l'ispiratissimo El Shaarawy che dopo pochi minuti fa subito vedere di poter giocare alla grande in questa squadra. L'occasione più ghiotta per la Juve capita al 23esimo della ripresa quando Quagliarella viene stoppato da Abbiati in uscita. Poi la solita grinta della formazione di Conte che riesce ad acciuffare il pareggio proprio a nove minuti dalla fine con Matri. Lo sforzo dei bianconeri viene premiato perché il Milan nel finale perde lucidità e si fa sorprendere su un cross dalla destra. Milan che deve rimboccarsi le maniche, è ancora in vantaggio in classifica ma la Juve deve recuperare una partita.
L'Inter invece sta affrontando una delle crisi più profonde della storia recente del club. Claudio Ranieri nonostante le quattro sconfitte nelle ultime sei partite tra campionato e Champions, è sembrato tranquillo in conferenza stampa. Il merito di questo allenatore è quello di non scomporsi mai, anche perché ha l'esperienza giusta per gestire problemi come questi. L'Inter doveva ripartire già da Marsiglia, invece la terra di rilancio sarà quella napoletana. Occhio però agli azzurri che arrivano da un ottimo periodo di forma, ora volano anche sulle ali dell'entusiasmo per il grande successo contro il Chelsea. Il Napoli non avrà Hamsik ma potrà contare sull'ex di turno Goran Pandev. Cavani e Lavezzi potrebbero far impazzire la retroguardia interista, vista in enorme difficoltà nelle ultime uscite contro Novara, Bologna e Marsiglia. La coppia sudamericana ha fatto impazzire il San Paolo negli ottavi di finale di Champions, e potrebbe trovare il guizzo giusto contro l'Inter. Stando alle recenti prestazioni i campani partono favoriti, ma scommetto anche sull'orgoglio dei grandi campioni dell'Inter. Sarà una partita tra due grandi di questo campionato che però fino ad oggi hanno lasciato troppi punti per strada. L'Inter per un motivo, il Napoli per un altro. L'altra bella sfida di giornata è quella tra Fiorentina e Lazio. I biancocelesti non devono commettere l'errore di depauperare tutto in poche settimane. Reja vuole andarsene, la proprietà ha respinto le dimissioni ma sta cercando di trovare un sostituto. Il quadro non è semplice, la Lazio è uscita anche dall'Europa e la batosta col Palermo ha mandato in tilt il tecnico goriziano che a gennaio voleva rinforzi. La Fiorentina invece continua ad arrancare. I toscani alternano belle partite a gare disastrose. Delio Rossi sta lavorando benissimo ma deve spesso fare i conti con un'infermeria sempre colma e con un attacco abulico. Entrambe in caso di sconfitta aprirebbero ufficialmente la crisi.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
29.07 - E niente, questa settimana tento l'esperimento "editoriale live". L'ennesima boiata insomma. Il fatto è che non potevo non approfittare dell'invito nella lussuosissima sede Sky di Rogoredo per il mega sorteggione galattico dei calendari e, quindi, scrivo direttamente dal...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Michele Criscitiello
28.07 - Se il buongiorno si vede dal mattino, allora, è preferibile rimettersi a letto e rimboccarsi le coperte. Se il Milan perde una partita a luglio o agosto, Galliani fa venire giù il finimondo perché il Milan è il Milan 12 mesi all'anno e non può fare brutte figure neanche in...
Editoriale DI: Mauro Suma
26.07 - Inutile girarci attorno. Un buon Mondiale da parte di Balotelli avrebbe dato il via ad una serie di operazioni importanti per il Milan, in vero e proprio stile fuochi d'artificio. Oggi invece, nonostante la partenza di Kakà, non ci sono prospettive di accelerazioni immediate...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
25.07 - Sappiamo bene che oggi basta un tweet o un procuratore che passa per Place Vendome e gli sembra di avere visto un sosia di Conte, per far diventare una non notizia in una quasi notizia. Ma nessuno si sbagli e nessuno cerchi di inquinare le acque di un addio limpido e genuino...
Editoriale DI: Luca Marchetti
24.07 - La scena se l'è presa tutta Astori, senza dubbio. Già era una vicenda intricata con il Cagliari che non lo voleva mollare e la Lazio che lo corteggiava da un mese. Nel giro di poche ore si è passati dal rinnovo con il Cagliari alla cessione alla Roma ad un passo. Com'è stati...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
23.07 - Oggi mi sento più mistico del solito. Merito (o colpa) di De Laurentiis. Quando parla il patron del Napoli, tutto può accadere. E' una sorta di certezza incrollabile. Ospite ad Aspettando il Calciomercato, mi sono cuccato l'intero show del grande DeLa. Ad una platea formata...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
22.07 - "Cinque giorni che ti ho perso" cantava uno straordinario Michele Zarrillo in un Sanremo di qualche anno fa. Solo che oggi siamo al settimo giorno di "Juve senza Conte" e quindi Zarrillo c'azzecca una fava, al limite solo perché la tristezza della sua canzonetta ben si sposa...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
21.07 - Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per...
Editoriale DI: Italo Cucci
20.07 - Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni...
Editoriale DI: Mauro Suma
19.07 - Le cose si vedono. E la fretta di ripulire la fedina sportiva di Max Allegri per farlo digerire il prima possibile ai tifosi bianconeri, non è una buona cosa. Con tutte le aperture di credito cui Allegri ha comunque diritto, prima, se permettete, lui, Antonio Conte. Merita di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510