HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Beffa Milan. Juve, un pari che sa di vittoria. Ranieri ci crede ancora. Il Napoli vola sulle note del "Blues". Lazio e Fiorentina, chi perde va in crisi

Primo Direttore Sportivo di colore a laurearsi a Coverciano con il massimo dei voti. Ds della Nazionale congolese, ex ds del Catanzaro e Colognese. Opinionista tv per Sportitalia e Sky, commentatore dei Mondiali Under 20.
26.02.2012 00.00 di Malu' Mpasinkatu  articolo letto 16033 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Un pari che sa molto di vittoria per la Juventus che esce imbattuta da San Siro. I bianconeri pareggiano contro il Milan rimettendo in piedi un match che sembrava incanalato verso i binari del successo per i padroni di casa. Un bel Milan beffato nel finale dall'assalto dei bianconeri, ma andiamo con ordine. Al quindicesimo il Milan sblocca la partita con l'ottavo centro stagionale di Antonio Nocerino. La fantastica stagione del centrocampista napoletano diventa perfetta quando con un gran destro, deviato dalla difesa bianconera, trafigge Gigi Buffon. Esplode il San Siro per il meritato vantaggio degli uomini di Allegri. In realtà il Milan trova anche il secondo gol dopo pochi minuti con Muntari, ma inspiegabilmente la rete non viene convalidata. Il primo tempo è un monologo dei rossoneri, la Juve si limita ad arginare le ripartenze dei tre velocisti del Milan. Nella ripresa Allegri toglie uno spento Pato per l'ispiratissimo El Shaarawy che dopo pochi minuti fa subito vedere di poter giocare alla grande in questa squadra. L'occasione più ghiotta per la Juve capita al 23esimo della ripresa quando Quagliarella viene stoppato da Abbiati in uscita. Poi la solita grinta della formazione di Conte che riesce ad acciuffare il pareggio proprio a nove minuti dalla fine con Matri. Lo sforzo dei bianconeri viene premiato perché il Milan nel finale perde lucidità e si fa sorprendere su un cross dalla destra. Milan che deve rimboccarsi le maniche, è ancora in vantaggio in classifica ma la Juve deve recuperare una partita.
L'Inter invece sta affrontando una delle crisi più profonde della storia recente del club. Claudio Ranieri nonostante le quattro sconfitte nelle ultime sei partite tra campionato e Champions, è sembrato tranquillo in conferenza stampa. Il merito di questo allenatore è quello di non scomporsi mai, anche perché ha l'esperienza giusta per gestire problemi come questi. L'Inter doveva ripartire già da Marsiglia, invece la terra di rilancio sarà quella napoletana. Occhio però agli azzurri che arrivano da un ottimo periodo di forma, ora volano anche sulle ali dell'entusiasmo per il grande successo contro il Chelsea. Il Napoli non avrà Hamsik ma potrà contare sull'ex di turno Goran Pandev. Cavani e Lavezzi potrebbero far impazzire la retroguardia interista, vista in enorme difficoltà nelle ultime uscite contro Novara, Bologna e Marsiglia. La coppia sudamericana ha fatto impazzire il San Paolo negli ottavi di finale di Champions, e potrebbe trovare il guizzo giusto contro l'Inter. Stando alle recenti prestazioni i campani partono favoriti, ma scommetto anche sull'orgoglio dei grandi campioni dell'Inter. Sarà una partita tra due grandi di questo campionato che però fino ad oggi hanno lasciato troppi punti per strada. L'Inter per un motivo, il Napoli per un altro. L'altra bella sfida di giornata è quella tra Fiorentina e Lazio. I biancocelesti non devono commettere l'errore di depauperare tutto in poche settimane. Reja vuole andarsene, la proprietà ha respinto le dimissioni ma sta cercando di trovare un sostituto. Il quadro non è semplice, la Lazio è uscita anche dall'Europa e la batosta col Palermo ha mandato in tilt il tecnico goriziano che a gennaio voleva rinforzi. La Fiorentina invece continua ad arrancare. I toscani alternano belle partite a gare disastrose. Delio Rossi sta lavorando benissimo ma deve spesso fare i conti con un'infermeria sempre colma e con un attacco abulico. Entrambe in caso di sconfitta aprirebbero ufficialmente la crisi.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
22.10 - Se ne stanno vedendo di tutti i colori. Icardi che chiede al popolo nerazzurro di non fischiare, Gasperini che duella, dialetticamente parlando, con i tifosi del Grifone, Galliani che "sente un profumo diverso a San Siro" e, nello stesso tempo, predica massima collaborazione...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
21.10 - Dieci cose/fatti/persone (sportive e non) che ho visto nell'ultima settimana e che mi sono rimaste particolarmente in mente: 1) Ho visto Inter-Napoli a San Siro. Ero seduto in una zona mista di tifosi napoletani e interisti. Molti erano concordi sul fatto che Mazzarri si...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
20.10 - La premessa è un atto dovuto: in questo momento così triste per il calcio italiano, dove ci entusiasmiamo per un 2-2 tra Inter e Napoli, bisogna dire grazie alla Roma e al suo tecnico, Garcia: grazie per regalarci qualche emozione e per non aver già steso il tappeto rosso alla...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
19.10 - Molto meglio anche la più scialba partita di pallone, piuttosto che sentirsi bombardati da informazioni su argomenti più o meno scivolosi quando il pallone è in sosta. Sceicchi e cinesi, banche americane o tycoon di ogni dove hanno animato queste due lunghissime settimane...
Editoriale DI: Mauro Suma
18.10 - A metà settimana Massimiliano Allegri ha chiamato a raccolta gli juventini, sulle colonne del Corriere della Sera. Doveva essere l'adunata, il segnale di un ambiente che si ricompatta e si ripropone. Invece si è rivelata una chiamate alle armi all'incontrario. Dopo la sua...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
17.10 - Dei veleni dopo Juve-Roma, quindici giorni dopo, e non se ne può davvero più. L'unico che è uscito da vero signore è il presidente della Roma Pallotta mentre per tutti gli altri tesserati che sono andati fuori dal seminato e dalle righe aspettiamo ancora il deferimento alla...
Editoriale DI: Luca Marchetti
16.10 - Stavolta ve lo scrivo da subito, più che notizie troverete un'analisi. A costo di perdere "numeri" di visualizzazioni sul mio editoriale, avevo piacere di condividere con voi queste riflessioni determinate da altri numeri, incontrovertibili, su come e quanto il mercato può...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
15.10 - Ci sono momenti che valgono una vita o, in questo caso, una carriera... Domenica sera, in un San Siro tutt'altro che amichevole, il condottiero Mazzarri si giocherà tutto. Personalmente mi ricorda molto il Neo di Matrix. Ve lo ricordate il suo primo incontro con Morpheus?...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
14.10 - L'ottavo giorno vide che si stavano divertendo troppo e quindi inventò "la pausa per la Nazionale". Ecco, ci piace pensare che la "pausa per la Nazionale" sia una punizione divina, una penitenza, la mannaia che colpisce noi appassionati di pallone per aver esagerato con le...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
13.10 - La sosta ha ammazzato Walter Mazzarri, semplicemente perchè ha dato il tempo a Thohir di pensare. Un Presidente che vive dall'altra parte del Mondo non può prendere decisioni drastiche in una settimana o poco più. La squadra di calcio è come una pasticceria, una pizzeria o un...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.