HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Benitez docet: all'Inter e al Milan non gioverà aver preso i campioni in questa campagna invernale. Strinic e Gabbiadini più utili per le carenze manifestate dal Napoli che deve tornare in Champions

01.02.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 34640 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

"Prendere un giocatore famoso può essere utile nell'immediato, poi in futuro chissà". La teoria di Rafa Benitez è apprezzabile, condivisibile, anche se lascia aperto il dubbio ad una considerazione supplementare: e se al Napoli avessero detto sì elementi del calibro di Lucas Leiva...? Battuta a parte, sarebbe stato diverso per le caratteristiche di un centrocampista che avrebbe arricchito un organico già forte, ancorché carente proprio in cabina di regia ed in difesa. Gli azzurri terzi in classifica e con ambizioni anche maggiori, forse non hanno nulla in meno rispetto a Roma e Juventus, entrambe battute in questa e nella passata stagione, e diventa spontaneo il pensiero che basterebbe uno sforzo sul mercato per battersi davvero alla pari in previsione scudetto. I campioni, i calciatori di qualità, quelli che ti permettono di fare la differenza, bisogna essere bravi a convincerli, anche quando non ti chiami Barcellona, Chelsea o Psg. È ciò che hanno fatto Inter e Milan ingaggiando Shaquiri e Podolski, Cerci e Destro: di certo non sarebbe stato sufficiente esporre il marchio del casato per strappare il sì a calciatori che vorrebbero lottare per qualcosa in più della modesta ipotesi di una futura partecipazione in Champions, gli avranno mostrato prospettive e cachet più ricchi di quanto attualmente esprima quella realtà. Su questo punto ha ragione Benitez, trattandosi di acquisti che fanno rumore eppure sono accompagnati dal sospetto che poco possano fare per raddrizzare la stagione di Inter e Milan. Insomma, i classici "colpi" di rabbia, effettuati dalle due dirigenze principalmente per raffreddare gli animi delle tifoserie in subbuglio. Molto più razionale finora il mercato di riparazione del Napoli, caratterizzato dalla scelta ponderata per ognuno dei nomi che poi vestono la maglia del Napoli. Può piacere o meno, ma Strinic e Gabbiadini rappresentano il meglio di questa finestra di mercato, e non tanto per il loro valore, ma per il contributo ulteriore che potranno dare ad una formazione che palesava delle carenze prima del loro arrivo. Soprattutto l'ex doriano, è destinato a diventare un Big nel Napoli del futuro e quasi certamente andrà a prendere il posto di Callejon il cui desiderio di tornare a Madrid è ormai noto a tutti. Oppure chissà, Gabbiadini potrebbe essere utilizzato anche come seconda punta, l'anno prossimo, da un altro allenatore, giacché sembra sempre più concreto il rischio che Rafa Benitez decida di non rinnovare il contratto con il Napoli. Sta accompagnando la gente di Napoli gradualmente verso questa soluzione, con il sorriso sulle labbra, utilizzando al meglio ognuna delle parole che pronuncia nelle conferenze stampa trasformate da tempo in agorà con discepoli trasognati, a bocca aperta nell'ascoltare il Verbo sulle cose del pallone. Parole e parabole, con un retrogusto di concretezza che non guasta: la continuità dei risultati è la vera, grande rivoluzione che Benitez ha annunciato e che dovrà completare per riportare il Napoli in Champions League.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.