HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi: a lui Kovacic piace. Berlusconi sdrammatizza il Faraone... Mancini: il mercato in panchina. Mosca-Roma come Bilbao-Napoli: attenzione. Garcia: più freddo e razionale l'anno scorso

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
29.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24580 volte

C'è un apprezzamento implicito nelle parole del presidente del Milan di ieri. E non è rivolto ad un suo giocatore, ma ad un avversario. I complimenti ad Essien per il gioco di interdizione fatto su Kovacic nell'ultimo derby, richiamano alla memoria lo sfogo presidenziale di quell'estate 2000. Ne fu oggetto Zoff. Bisognava fermare Zidane…era la finale europea fra Italia e Francia a Rotterdam. Alluvione di polemiche. Nella concezione di Silvio Berlusconi è fondamentale inaridire la principale fonte di gioco avversaria, il giocatore di maggiore talento. Che, secondo il presidente Berlusconi ma non secondo Mazzarri, e nemmeno secondo Mancini che lo ha decentrato sulla sinistra, in casa nerazzurra è proprio il nazionale croato Mateo Kovacic. Il numero uno rossonero ne ha intuito non soltanto la potenzialità, ma anche l'importanza. La speranza, per i tifosi rossoneri, è che dall'altra parte della città non colgano il suggerimento implicito.

Le immagini di Milan Channel del discorso del presidente alla squadra, sempre ieri a Milanello, hanno regalato il primo sorriso della settimana da parte di Stephan El Shaarawy. Quando ha sentito parlare del suo ciuffo e della testa da reclinare al momento del tiro, il giovane attaccante rossonero si è divertito. Gli ha fatto piacere godere delle attenzioni del protagonista e gli è piaciuto il modo bonario con cui gli si è rivolto Silvio Berlusconi. Era fondamentale che Stephan ridesse di quella traversa. Ha tenuto la testa bassa per fin troppi minuti per quella giocata che può capitare. Errore importante e decisivo per carità, non nascondiamolo. Ma non sarà certo l'ultimo e non va drammatizzato. Via, resettare, si riparte. Stephan è forte, è un attaccante completo, di gamba e prestazione, non un goleador. Ci sta che gli riescano i gol d'autore come quello di Genova e che vadano sulla traversa i gol da bomber puro come quello di domenica sera. Ma la vita continua e il calcio offre sempre un'altra palla.

Da illo tempore sosteniamo che il mercato estivo dell'Inter sia stato oggetto di un luogo comune: intelligente. Ma non efficace. Non all'altezza. Il classico mercato che non ti cambia la vita. E questo non va inteso come rilievo a Piero Ausilio che è persona di calcio perbene, molto competente e molto preparata. Ausilio ha centrato il delta fra opportunità di mercato e disponibilità di cassa. E' stato bravo e ha fatto bene. Ma del suo mercato non ci è piaciuta la propaganda che altri, tifosi ma non solo tifosi, ne hanno fatto fuori dalla sua sfera dirigenziale. L'operatività di Ausilio non si discute, ma la sopravvalutazione mediatica e di popolo del mercato estivo nerazzurro resta eccessiva. E lo ha dimostrato proprio Roberto Mancini che, nella partita della scossa, nella partita che l'Inter più forte del Milan doveva vincere ma che poi per motivi strani e misteriosi è diventata un successo aver pareggiato, ha tenuto gentilmente fuori quattro quinti del mercato intelligente. Non ha giocato Medel per via di una squalifica abbastanza maldestra rimediata contro il Verona. Idem Vidic perché giocavano Juan Jesus e Ranocchia, idem M'Vila perché giocava Kuzmanovic, idem Osvaldo perché giocavano Icardi e Palacio.

Il Napoli ci ha messo più di un mese per riprendersi dalla botta di Bilbao. Il Club azzurro attendeva la spinta economica giusta dalla qualificazione Champions, ci puntava, ci contava. Anche per dare la giusta ribalta ad alcuni dei suoi big. E invece la mazzata del San Mames è pesata per diverse settimane, in Campionato, sulle gambe e sul morale della squadra di Benitez. Più o meno la stessa situazione è all'ordine del giorno per la Roma. Il club di Sabatini che ha fatto follie non da poco sul mercato, attendeva il conforto della Champions League per il suo bilancio e per lo slancio da dare alla crescita della squadra. E Champions era. Ottavi belli caldi e confezionati, fino a quella palla persa da Strootman. Mancavano 40 secondi. Gol del Cska. E come arrivare in cima ad una dura salita e poi tornare indietro. Il contraccolpo può essere di quelli duri. Anche in casa Roma, a parte qualche sprazzo di Iturbe a inizio stagione, il mercato non ha granchè rinforzato la squadra dell'anno scorso. E la Champions, spietatamente onesta sul momento della Roma, rischia di essere un fardello non da poco anche nel duello con la Juventus.

La sensazione generale, da lontano, è che Garcia l'anno scorso fosse più freddo, più razionale, più cecchino. Anche più abbottonato ed essenziale. Quest'anno appare più personaggio, più retorico, più invasivo. Quella sostituzione di Nainggolan con l'ingresso di Strootman, fatalmente freddo nel momento forse più caldo dell'intera stagione giallorossa, sembra confermarlo. Sono Garcia e quindi rischio, posso permettermelo: non vorremmo fosse stato questo lo stato d'animo del tecnico francese nel momento decisivo più decisivo di tutti. La Roma e soprattutto la città di Roma devono gestire e disciplinare certi umori, non bisogna infoiarli. Ci vuole la stessa mano, molto meno emotiva e molto più fredda, del Garcia dell'anno scorso per provare a far rendere al meglio gli ulteriori e costosi sforzi di mercato fatti dalla Società nel corso dell'ultima estate di lavoro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Icardi giura amore eterno ed ecco la squadra per vincere. Il Milan scommette sul suo futuro, la Roma guarda in giro per le panchine, la Juve e gli attaccanti…  30.03 - Icardi lancia il messaggio d’amore all’Inter. Il problema del rinnovo di contratto di quest’estate sembra lontano anni luce, ora è nerazzurro a vita. E c’è da credergli, perché l’ha detto a tutto il mondo, senza filtri, rispondendo alle domande dei suoi tifosi. Vuole rimanere all’Inter,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.