HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi e Fassone, da voi pretendiamo chiarezza. Finora un solo vincitore. Pochettino e il Barcellona, Perin e la Lazio e quell'Icardi che di nome non fa Mauro... FIGC: il giorno del verdetto. Perché votare Tavecchio e perché Abodi

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.03.2017 13.24 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 33164 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus allunga anche quando frena: è la dimostrazione che il campionato è finito da un pezzo o, meglio ancora, non è mai cominciato. Siccome il campo regala solo noia e fatti scontati, dobbiamo trovare notizie fuori dal campo per restare svegli. Per parlare di mercato è presto, ma non prestissimo, per capire in che direzione sta andando il nostro calcio dovremmo aspettare le 15 circa di oggi.
Nel frattempo ringraziamo i fantomatici cinesi per tenerci svegli tutte le notti con il fantomatico closing. Diciamo la verità: nessuno sta capendo più nulla e - se anche Galliani è rimasto spiazzato da quest'ultimo rinvio - allora siamo in buona compagnia. Noi crediamo a quello che vediamo, a quello che leggiamo e alle comunicazioni ufficiali. Se dovessimo ipotizzare, allora, i tifosi non dovrebbero più leggere i giornali ma affidarsi agli avvocati per avere analisi più lucide. Sicuramente questa storia della cessione del Milan si è incanalata su un binario sbagliato e, comunque vada, qualcuno dovrà spiegare. Se il closing si farà, la preoccupazione del minuto riguarderà la solvibilità di questi nuovi padroni e il futuro di un club così glorioso affidato a dei cinesi che non hanno una buona fama in fase di partenza. Se il closing non si farà, allora, sarà davvero un disastro. E vi dirò di più: il vero disastro sarà per Berlusconi che - in un colpo solo - dovrà spiegare a stampa e tifosi (e ci auguriamo di finire qui) quale Santo deve ringraziare per aver incassato 200 milioni di euro senza aver venduto neanche il 2% della sua società. Ci sono troppi punti di domanda su questa cessione e troppi fari puntati addosso al Milan per poter pensare che questi cinesi siano ricchi come Mister Bee. Berlusconi dovrebbe fare delle dichiarazioni pubbliche e non rilasciare un'intervista di due righe. Fassone dovrebbe dare delle risposte e il tempo dei silenzi non è più consentito. Capiamo il patto di riservatezza, ma questa storia rischia di finire in farsa mondiale. Non possiamo leggere sul Corriere della Sera che il principale capo cordata cinese che vuole il Milan è un truffatore e il dirigente italiano che li rappresenta resta ancora in silenzio. Non possiamo pensare che Fassone faccia rescindere a MIrabelli un contratto con l'Inter e non gli abbia dato garanzie. Qui si sta giocando con la professionalità e la vita di dirigenti e, se manca la chiarezza, in questa fase, manca tutto. Fassone deve parlare. Berlusconi deve spiegare. Sinceramente restiamo convinti che una svolta debba pur esserci, altrimenti, davvero si rischia di contare morti e feriti lungo il percorso di una storia surreale. Nel frattempo c'è solo un vincitore: Adriano Galliani. L'ultima parola, l'ultimo sorriso e l'ultima zampata sono sempre sue. Nelle ultime sessioni aspettavamo sempre il colpo del Condor. Signori, nessuno ne parla ma per ora il vero colpo l'ha messo a segno il Condor al 92' con le squadre già sotto la doccia.
In Spagna, a Barcellona, non hanno problemi di closing ma hanno problemi di panchina. L'esperienza al Barça ha confermato quello che avevamo intravisto a Roma. Luis Enrique ha notevoli limiti per allenare club che puntano a vincere tutto. Il suo addio ha aperto il valzer delle panchine nel momento topico della stagione. Annuncio avvenuto nei tempi sbagliati. Il primo contatto il Barcellona l'ha avuto, mesi fa, con Koeman. Adesso si fanno altri nomi ma quello più caldo e attendibile è quello che porta a Mauricio Pochettino. I dirigenti blaugrana stanno verificando la fattibilità dell'operazione, ma vogliono sondare anche altri allenatori per non sbagliare la scelta. In Italia iniziano i movimenti di mercato. La Fiorentina sta lavorando per Giampaolo in ottica futura e spera di poter chiudere la stagione con Paulo Sousa, la Lazio cerca un portiere e l'ha individuato in Mattia Perin. L'accordo per il trasferimento alla Lazio c'è, ma Tare e Lotito hanno da sciogliere prima qualche riserva sul recupero del ragazzo dall'infortunio. Se ne riparlerà a maggio.
Avete visto Icardi come è forte e come trascina l'Inter di Pioli? Bene, non ce ne frega nulla. Lo sappiamo già. C'è un altro Icardi che ben più lontano da Milano è pronto a spiccare il volo verso una carriera importante. Di cognome fa Icardi ma di nome non fa Mauro bensì Simone. Non è sposato con Wanda e se lo becca per strada Maxi Lopez non gli gonfia la faccia. E' un ragazzo del 1996 e fa il centrocampista, un medianaccio dai piedi buoni. Icardi gioca nel Catanzaro, ieri ha anche segnato ed è un calciatore da prendere al volo. Sarebbe il classico calciatore da Chievo Verona o Sassuolo che poi parcheggerebbero un anno in serie B. Icardi ha grandi prospettive e ha tutto per fare una carriera importante. E' giovane, ha struttura fisica e ampi margini di miglioramento. Seguiamolo.
In chiusura il grande giorno del Presidente Federale. Oggi a Fiumicino, all'Hilton, sapremo chi sarà il numero 1 della FIGC per i prossimi 4 anni. Abodi sfida Tavecchio e il calcio dovrà pronunciarsi. I sondaggi premiano Tavecchio ma l'unica cosa che conta è l'urna. Verso le 15 sapremo tutto. Diretta su Sportitalia dalle 13 alle 15 per conoscere il nome del vincitore che, molto probabilmente, scopriremo solo al terzo scrutinio (50% + 1).
Perché votare Tavecchio?
1) In questi due anni ha lavorato bene e ha seminato tanto. Si era presentato male ma poi ha smentito tutti con i fatti
2) Tavecchio ha stretto rapporti politici internazionali, con Fifa e Uefa, molto importanti e strategici. Cambiare interlocutore per l'Italia sarebbe un disastro
3) Tavecchio è uomo del fare e non dell'apparire: arriva dal calcio dilettantistico e conosce benissimo tutte le categorie. Pronto a fare riforme sostanziali; il suo programma è chiaro e preciso. Se non lo rispetterà, saremo i primi a dirgli di andare a casa.
4) Piaccia o no, con Tavecchio ci sono tutte le big del nostro calcio (Juventus, Milan e Inter) e sono loro che muovo la macchina a vapore. Iniziare un mandato con queste tre società contro sarebbe da pazzi.
5) Votare Tavecchio sarebbe importante per ridurre le società in B e in Lega Pro e riformare completamente la serie D. Campionati che così allargati non servono a nessuno. Distribuiscono povertà e non ricchezza...
6) Votare Tavecchio perché in caso di vittoria di Abodi, un secondo dopo, ci sarebbero litigi clamorosi tra Abodi e i suoi principali sponsor dalla Lega Pro: Ghirelli e Gravina, vero motore della candidatura di Abodi.

Perché Votare Abodi?
1) Ottimo politico del pallone, parla bene e si presenta meglio di Tavecchio
2) Sposterebbe tutto il potere su Roma e annienterebbe la Lega Calcio con più poteri romani e meno milanesi (è un bene, sicuri?)
3) Giusto votare Abodi per dare un volto nuovo, definitivamente, alla Lega di serie B

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.