HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani...

24.11.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 24015 volte
© foto di Federico De Luca

La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le cose, più che un programma. Anche se nella stessa intervista aveva indicato anche le sue "condizioni" per rimanere presidente. Insomma non sembrava un Berlusconi rassegnato a lasciare: battagliero come sempre.
E infatti ieri sera ha ribadito: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano.

L'unica "novità", se così vogliamo definirla è che la data del 13 è uno spartiacque. Eh sì, perché si era anche ipotizzato che potesse slittare ancora di qualche giorno la data del passaggio definitivo di mano per consentire a Sino Europe di sbloccare la cifra necessaria per acquistare il Milan. Dalle parole di ieri traspare o il 13 o mi tengo volentieri il Milan.
Diciamo subito una cosa: sia Berlusconi in maniera esplicita, sia sponda Sino Europe si respira ottimismo per la chiusura dell'affare. Insomma non c'è preoccupazione o ansia, anche perché, come più volte spiegato dai colleghi che quotidianamente si occupano della vicenda (e che ormai sono diventati espertissimi di finanza internazionale) ci sono due possibili soluzioni: o si sbloccano i soldi (che ci sono in Cina) o se non dovesse succedere si sta cercando di garantire comunque l'arrivo del denaro attraverso istituti di credito europei. Si lavora, dunque. Ma se la parte acquirente non mostra segnali di nervosismo, Berlusconi è ancora più sereno. Se dovesse saltare il closing è pronto per un Milan giovane e italiano. Galvanizzato da questa prima parte di campionato, da Romagnoli, Donnarumma e Locatelli. Da un Montella più concreto che mai (anche senza trequartista!). E da una strada che lui stesso aveva tracciato qualche tempo fa e che ora sembra stia dando frutti. Può funzionare questa filosofia?

Di sicuro il Milan è la squadra italiana più giovane (25,37 di media), la 12esima in Europa. E c'è una bella inversione di tendenza, anche negli altri paesi. Il Lipsia che sta meravigliando in Germania è giovanissimo: 24,60 anni di media, il Nizza primo in Francia ancora meno (24,31). Il Liverpool (secondo in Premier a un punto dal Chelsea capolista) è la seconda squadra più giovane della Premier (26.09, la prima è il Tottenham, appena 3 punti più sotto). E i buoni segnali arrivano anche dalle altre italiane. Nelle prime 50 squadre più giovani nel big five ci sono Lazio, Sassuolo e Torino. Quindi può funzionare.
Ma attenzione: non significa che questa strada non possa essere intrapresa anche da Fassone e Mirabelli. Che stanno lavorando per il futuro (un ulteriore testimonianza della serenità che mostra il "nuovo" Milan). Come al solito viaggi, incontri, chiacchierate più o meno informali, approfittando dell'Europa. A Lisbona, per esempio, hanno assistito a Sporting-Real Madrid. Visionati (e sotto osservazione da tempo): Isco, Nélson Semedo e Mateo Kovacic. E chissà che approfittando di essere in Portogallo non ci sia stato modo di approfondire la conoscenza dell'entourage di Victor Lindelof, difensore del Benfica. Prossimamente Mirabelli sarà anche a Firenze per vedere Fiorentina-Paok. Sotto osservazione diversi giocatori viola, come Badelj, Kalinic, Vecino e Bernardeschi.

Il Napoli con la delusione per lo 0-0 in casa contro la Dinamo prova a consolarsi con il mercato. Ha un posto da extracomunitario libero, e potrebbe occuparlo con Leandrinho. La stellina brasiliana è sbarcata in Italia (e ci sono anche le immagini) anche se la situazione rimane molto complicata. Eventualmente andasse in porto si tratterebbe di un vero e proprio intrigo di mercato, visto che il ragazzo si svincola dal Ponte Preta (e chissà che non possa esserci una sorta di indennizzo per la sua società) e che in teoria decide lui dove andare. E pare aver scelto il Napoli.

Leandrinho era già stato a Napoli e aveva visitato Castel Volturno. Ora è tornato per definire l'accordo, sulla base di 5 anni di contratto.

Per il mercato di gennaio si comincia a muovere anche la Samp: sta cercando un'alternativa a Sala per la fascia destra e ha puntato Francesco Zampano, che è cresciuto nel settore giovanile blucerchiato. In attacco tutto dipende dall'eventuale partenza di Budimir (che piace a Pescara ed Empoli) e naturalmente dalla vicenda Muriel, proprio con il Napoli interessato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.