HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi spariglia: arrivano i capitali. Brozovic: l'ultima psicosi rossonera. Juve: Pazzini "no", Cassano no. Canada: Borriello come Giovinco. Viola: Gilardino e Aquilani ok

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
24.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 42496 volte

La settimana iniziata all'insegna del Berlusconi che ci hanno raccontato, furioso e torvo all'indirizzo dei suoi giocatori, si è conclusa con un presidente visto all'opera in carne e ossa: saldo nelle sue convinzioni sulla rosa rossonera, indisponibile ad arretrare anche di un solo millimetro rispetto alle cose pensate e dette nelle scorse settimane. Di più: comprensivo, protettivo, fiducioso verso i suoi giocatori. La settimana proseguita con un Berlusconi fatto trapelare stanco, preoccupato e crepuscolare sul tema Milan si è infranta sulle parole di Tarak Ben Ammar. Il quale, nelle sue dichiarazioni e sul suo lavoro di finanziere (a lui si deve la brillantissima partecipazione di Al Walid alla quotazione di Mediaset), non solo è attendibile. Ma è il più attendibile di tutti. Mai messo piede a Milanello, Tarak. Lo ha fatto ieri, per dare un segnale fortissimo e chiarissimo. I sentimenti non si quotano, è stata la posizione storica di Berlusconi sul Milan in Borsa. Vero, ma era un mondo diverso da questo. Ecco cosa significava "Sono preoccupato per il Milan...": non si stava piangendo addosso...era l'urlo di battaglia. Borsistica ma pur sempre battaglia. Bisogna saperlo capire il presidente Berlusconi...e non è da tutti...In ogni caso l'energia di ieri a Milanello, tra i corridoi, i vialetti e la sala da pranzo di Silvio Berlusconi verso Tarak era fuori dall'ordinario. Lo chiamava, lo cercava, lo voleva. La quotazione del Milan nei paesi ben noti a Tarak, non solo Hong Kong e Dubai ma anche Shanghai e Singapore, può portare capitali molto ma molto importanti. E' la svolta buona. La proprietà resta, come da smentita dell'altro giorno fatta a questo punto non a caso direttamente da Silvio Berlusconi, quella storica e inimitabile del Milan, ma contaminata in positivo dallo sbarco azionario nei Continenti in cui il Milan è una reliquia. I tifosi rossoneri ne devono essere felici. Con buona pace di tutte le "sole" sulla vendita del Club che dall'Ottobre 2009 ci siamo dovuti sorbire, ogni qual volta il Milan è andato male per tre, quattro partite.

Brozovic all'Inter ha scatenato e avvelenato i tifosi rossoneri. Ecco, loro sì e noi no. A parte che dopo Bonaventura e Cerci, ci sta un Brozovic, ma non intendiamo cavarcela a buon mercato. L'Inter sta rischiando tanto e con coraggio. Mancini, il cui contratto è un contrattone da quasi 4 milioni di euro tutto sommato, era un segnale. E lui ci sta mettendo del suo, nel far giocare all'attacco anche la dirigenza e non solo la squadra. Complimenti, e senza rosicamenti. Veniamo al Milan. Sono giorni e giorni che i mezzi ufficiali del Milan raccontano di un mercato privo di illusioni, senza mai far cenno ad un centrocampista. Il Milan e il centrocampo, dunque: per tre giorni a inizio Gennaio, Axel Witsel era stato un sogno, ma Witsel, non Brozovic...E Adriano Galliani con gli amici era stato molto chiaro: "I sogni muoiono all'alba"...Più o meno lo stesso dicasi per Mario Suarez. Il Milan c'è, sa tutto di tutti i giocatori, ma il capitolo Borsa è la dimostrazione che Arcore non vuole comprare e sperare in Dio, ma lavorare e attrezzarsi per il futuro. Senza salti nel buio. Per il bene del Milan negli anni. Non fino a Giugno.

Antonio Cassano, in questo momento in tutt'altre faccende affacendato con il Parma, non andrà alla Juventus. Massimiliano Allegri non ha dimenticato la sua scarsa riconoscenza verso un Milan che lo aveva riportato due volte in azzurro, e la seconda volta all'Europeo, ma non solo. La linea societaria juventina non ammette deroghe. Curiosamente, quello che accadde fra lo stesso Cassano e Pazzini, fra Milan e Inter nell'estate 2012, riguarda anche oggi la Juventus. E cioè dalla sponda pugliese a quella carrarina. Pazzini non è sul mercato. Il Milan non ha allacciato trattative per la sua sostituzione e Pazzini non accetta offerte per sei mesi. Tutto chiaro e tutto trasparente. Perché allora la Juventus, in giro, chiede di Pazzini, fa domande su di lui e si informa a fari spenti?

Notizie da Firenze. Il ritorno di Gilardino viene dato per fatto in città e magari tutto questo ha messo un po' di pungolo e di sano prurito a Mario Gomez come abbiamo visto in Coppa Italia contro l'Atalanta. Strano calcio quello italiano, strani giri e strani amori. Perché far partire Gila nel 2012 se poi lo si va a riprendere nel 2015? L'altra notizia riguarda Alberto Aquilani, alla fine prolungherà il suo contratto in viola. E anche questa è una buona notizia in chiave Fiorentina, perché Aqua è persona seria e giocatore di qualità.

Non solo Sebastiano Giovinco. Ma anche Marco Borriello. L'attuale attaccante della Roma in scadenza a Giugno veleggia non verso Toronto, ma verso Montreal. L'attracco di Di Vaio e Nesta è tutt'altro che un ripiego per Borriellone. Tra Cesena e Montreal, con tutto il rispetto per la bellissima realtà romagnola, gli Impact sono anche un scelta di vita e non solo uno snodo calcistico. Quindi per Borriello, in questo momento alla Roma, niente Genoa e niente altro. Il Canada l'aria è buona, il calcio in crescita e non manca la possibilità di stringere mani importanti per il futuro. Borriello e Montreal ci stanno pensando.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.