HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Berlusconi spariglia: arrivano i capitali. Brozovic: l'ultima psicosi rossonera. Juve: Pazzini "no", Cassano no. Canada: Borriello come Giovinco. Viola: Gilardino e Aquilani ok

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
24.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 42492 volte

La settimana iniziata all'insegna del Berlusconi che ci hanno raccontato, furioso e torvo all'indirizzo dei suoi giocatori, si è conclusa con un presidente visto all'opera in carne e ossa: saldo nelle sue convinzioni sulla rosa rossonera, indisponibile ad arretrare anche di un solo millimetro rispetto alle cose pensate e dette nelle scorse settimane. Di più: comprensivo, protettivo, fiducioso verso i suoi giocatori. La settimana proseguita con un Berlusconi fatto trapelare stanco, preoccupato e crepuscolare sul tema Milan si è infranta sulle parole di Tarak Ben Ammar. Il quale, nelle sue dichiarazioni e sul suo lavoro di finanziere (a lui si deve la brillantissima partecipazione di Al Walid alla quotazione di Mediaset), non solo è attendibile. Ma è il più attendibile di tutti. Mai messo piede a Milanello, Tarak. Lo ha fatto ieri, per dare un segnale fortissimo e chiarissimo. I sentimenti non si quotano, è stata la posizione storica di Berlusconi sul Milan in Borsa. Vero, ma era un mondo diverso da questo. Ecco cosa significava "Sono preoccupato per il Milan...": non si stava piangendo addosso...era l'urlo di battaglia. Borsistica ma pur sempre battaglia. Bisogna saperlo capire il presidente Berlusconi...e non è da tutti...In ogni caso l'energia di ieri a Milanello, tra i corridoi, i vialetti e la sala da pranzo di Silvio Berlusconi verso Tarak era fuori dall'ordinario. Lo chiamava, lo cercava, lo voleva. La quotazione del Milan nei paesi ben noti a Tarak, non solo Hong Kong e Dubai ma anche Shanghai e Singapore, può portare capitali molto ma molto importanti. E' la svolta buona. La proprietà resta, come da smentita dell'altro giorno fatta a questo punto non a caso direttamente da Silvio Berlusconi, quella storica e inimitabile del Milan, ma contaminata in positivo dallo sbarco azionario nei Continenti in cui il Milan è una reliquia. I tifosi rossoneri ne devono essere felici. Con buona pace di tutte le "sole" sulla vendita del Club che dall'Ottobre 2009 ci siamo dovuti sorbire, ogni qual volta il Milan è andato male per tre, quattro partite.

Brozovic all'Inter ha scatenato e avvelenato i tifosi rossoneri. Ecco, loro sì e noi no. A parte che dopo Bonaventura e Cerci, ci sta un Brozovic, ma non intendiamo cavarcela a buon mercato. L'Inter sta rischiando tanto e con coraggio. Mancini, il cui contratto è un contrattone da quasi 4 milioni di euro tutto sommato, era un segnale. E lui ci sta mettendo del suo, nel far giocare all'attacco anche la dirigenza e non solo la squadra. Complimenti, e senza rosicamenti. Veniamo al Milan. Sono giorni e giorni che i mezzi ufficiali del Milan raccontano di un mercato privo di illusioni, senza mai far cenno ad un centrocampista. Il Milan e il centrocampo, dunque: per tre giorni a inizio Gennaio, Axel Witsel era stato un sogno, ma Witsel, non Brozovic...E Adriano Galliani con gli amici era stato molto chiaro: "I sogni muoiono all'alba"...Più o meno lo stesso dicasi per Mario Suarez. Il Milan c'è, sa tutto di tutti i giocatori, ma il capitolo Borsa è la dimostrazione che Arcore non vuole comprare e sperare in Dio, ma lavorare e attrezzarsi per il futuro. Senza salti nel buio. Per il bene del Milan negli anni. Non fino a Giugno.

Antonio Cassano, in questo momento in tutt'altre faccende affacendato con il Parma, non andrà alla Juventus. Massimiliano Allegri non ha dimenticato la sua scarsa riconoscenza verso un Milan che lo aveva riportato due volte in azzurro, e la seconda volta all'Europeo, ma non solo. La linea societaria juventina non ammette deroghe. Curiosamente, quello che accadde fra lo stesso Cassano e Pazzini, fra Milan e Inter nell'estate 2012, riguarda anche oggi la Juventus. E cioè dalla sponda pugliese a quella carrarina. Pazzini non è sul mercato. Il Milan non ha allacciato trattative per la sua sostituzione e Pazzini non accetta offerte per sei mesi. Tutto chiaro e tutto trasparente. Perché allora la Juventus, in giro, chiede di Pazzini, fa domande su di lui e si informa a fari spenti?

Notizie da Firenze. Il ritorno di Gilardino viene dato per fatto in città e magari tutto questo ha messo un po' di pungolo e di sano prurito a Mario Gomez come abbiamo visto in Coppa Italia contro l'Atalanta. Strano calcio quello italiano, strani giri e strani amori. Perché far partire Gila nel 2012 se poi lo si va a riprendere nel 2015? L'altra notizia riguarda Alberto Aquilani, alla fine prolungherà il suo contratto in viola. E anche questa è una buona notizia in chiave Fiorentina, perché Aqua è persona seria e giocatore di qualità.

Non solo Sebastiano Giovinco. Ma anche Marco Borriello. L'attuale attaccante della Roma in scadenza a Giugno veleggia non verso Toronto, ma verso Montreal. L'attracco di Di Vaio e Nesta è tutt'altro che un ripiego per Borriellone. Tra Cesena e Montreal, con tutto il rispetto per la bellissima realtà romagnola, gli Impact sono anche un scelta di vita e non solo uno snodo calcistico. Quindi per Borriello, in questo momento alla Roma, niente Genoa e niente altro. Il Canada l'aria è buona, il calcio in crescita e non manca la possibilità di stringere mani importanti per il futuro. Borriello e Montreal ci stanno pensando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.