VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Bologna: Corvino aspetta Jovetic. Inter: Berardi vede nerazzurro. Saputo-Thohir: chi ha "messo" di più? Conte-Chelsea: Nazionale ok. Milan: Mihajlovic come Allegri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.03.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 39002 volte

Prima di Natale, Inter-Lazio a San Siro. Jovetic "teme" Candreva. L'ambiente sa all'epoca dell'interesse nerazzurro per l'esterno della Lazio e la gara assume quel motivo, quel contorno. Qualche mese dopo, ancora Jovetic al centro di una partita casalinga dell'Inter. Questa volta non per il "timore" di essere sostituito, ma per la "speranza" di raggiungere il suo papà calcistico. A Firenze, narrano le cronache che in privato JoJo chiamasse proprio "papà" l'attuale direttore sportivo del Bologna che a sua volta sa perfettamente che l'Inter farà di tutto per non riscattare il montenegrino o per non tenerlo una volta riscattato. Jovetic non è l'unica minaccia per il futuro rossoblù di Giaccherini che, sotto San Luca, è in prestito con diritto di riscatto. Giak punta su un buon finale di stagione e su una chance all'Europeo per assestarsi a Bologna o per riprendere quota sul mercato. Perché se non arrivasse Jovetic, una fiche vera per arrivare a Manolo Gabbiadini il Bologna la metterà sul tavolo dell'estate.

Tante ironie sull'assenza di Berardi da Juventus-Sassuolo di ieri sera, dopo i 2 gol (contro sia Inter che Milan) segnati a San Siro. Ma come il mondo del mercato sa bene, nonostante Juventus e Sassuolo dal punto di vista del mercato e da quello politico-televisivo abbiano una visione unica e condivisa, non c'è nulla di scritto fra bianconeri e neroverdi sul conto e sul futuro dell'esterno offensivo caro anche ad Antonio Conte. Quindi, tutto è possibile. Dipendesse dal giocatore, andrebbe all'Inter. E' il suo sogno, è la sua fede calcistica. Ma tra bilanci, casse che piangono e fair play finanziario, questo rischia di non essere possibile. La stagione molto mediatica ma molto meno di campo rispetto alla media/minuti giocati nel Sassuolo da parte di Zaza, sta facendo riflettere molto il "buon" Domenico.

Scrivevamo prima di obiettivi ambiziosi del mercato da parte del Bologna. Dice, come è possibile che possa permetterseli? Al tempo. Il Bologna non è molto mediatico, ma ci piace far sapere che da quando guida il Club, mister Joey Saputo ha "messo" nel Bologna 98 milioni cash, freschi, veri, sonanti. Novantotto milioni. Senza fare prestiti e senza virgolette. Messi. Spesi. Dalla tasca al pallone, dal conto corrente al campo di calcio. Non sappiamo fra fonti di Appiano e fonti giornalistiche quanto effettivamente abbia messo, speso, investito nella molto più mediatica Inter il presidente Erick Thohir, ma 98 restano comunque tanti. Una sorta di Cima Coppi dei nuovi presidenti di Club italiani che vengono dall'estero.

E' un bene per la Nazionale che Antonio Conte guidi il gruppo al'Europeo sapendo di essere di lì a poco il numero uno tecnico del Chelsea. Un bene per il Commissario tecnico: sa benissimo che l'esito dell'Europeo con l'Italia lo seguirà a Stamford Bridge. Fare bene sulla panchina azzurra nell'estate 2016 consentirà al tecnico salentino di approdare a Londra con il petto in fuori, credibile e autorevole. In caso contrario, un Europeo negativo farebbe giurisprudenza sui tabloid inglesi in coincidenza magari con le prime difficoltà, sempre possibili dopo un cambiemento del genere, sul fronte Blues. Non solo, Pensiamo anche ai giocatori della Nazionale italiana, quelli più giovani, quelli più ambiziosi. Anche loro in carne e ossa. Mettersi in luce agli occhi del Ct potrebbe voler dire per loro tenere testo un cordone ombelicale con il prossimo allenatore di una Società ricca e blasonata che "abita" in Champions League.

Semra ci fossero Niang ed El Shaarawy nel dopo Siena fra il presidente Berlusconi e Allegri. E si potrebbe interpretare ci siano sempre Niang e questa volta Menez fra il presidente Berlusconi e Mihajlovic. Paradossalmente, la giusta soluzione tecnica e di campo per il Milan senza l'impiego di Niang fuori causa per due mesi, potrebbe rimodellare lo scenario. Ma la settimana è stata scandita sul fronte dell'eterno triangolo presidenti-allenatori-tifosi, da due punti, da due tacche, a favore dei tecnici. Sia a Milano che a Palermo, i tifosi chiedono ai rispettivi presidenti più continuità di atteggiamento e più disponibilità nella valutazione degli allenatori. Il calcio di oggi è un lavoro delicato. Tutte le squadre sono all'avanguardia tatticamente. Le rose sono numerose e mettere a punto un equilibrio di campo, un sistema di gioco, è mestiere da orologiai svizzeri. E' un lavoro lento, delicato, in discussione ogni minuto, ogni ora, ogni giorno. In questo contesto è complicato che una idea presidenziale, quale che sia l'allenatore o quale che sia sia la squadra, sul tal giocatore o sul tal ruolo, venga assorbita da un tessuto che è andato formandosi fra lavoro quotidiano, passi avanti, passi indietro, conferme, errori, progressi. Non facciamo nomi e cognomi non per stare abbottonati e coperti o al riparo da chissà cosa: il tema non è particolare, ma generale, universale. E' il calcio di oggi, molto vicino alla Formula 1 con scuderie e ingegneri che cercano di superarsi ogni giorno, con un meccanismo, un dettaglio in più. In un calcio così tattico, così esasperato, così sul filo di lana, quando l'allenatore garantisce regole, lavoro, compattezza, ambiente e una doverosa apertura al dialogo con la Società e con il presidente, si è già molto più che a metà dell'opera. I tifosi di qualsiasi squadra lo percepiscono, lo sanno e lo fanno notare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.