HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Bologna, tre motivi per la cessione di Diamanti: lascia il ricordo dei suoi gol, cincin Cina!

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
23.02.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 24775 volte
Bologna, tre motivi per la cessione di Diamanti: lascia il ricordo dei suoi gol, cincin Cina!

Scrivo prima di Bologna-Roma perchè ho idea di parlare di Alino Diamanti e non voglio essere influenzato dal risultato della partita. Uscito di scena lui, il Bologna ha ottenuto una sorprendente vittoria sul campo del Torino e subìto una beffarda sconfitta a San Siro, con quel magico gol di Balotelli. Scrivo di Alino Diamanti perché un gruppo di gentlemen si è scatenato contro di lui, contro l'unico giocatore di alta qualità sbarcato sotto le Due Torri dai tempi di Beppe Signori e Marco Di Vaio (avrei voluto dire Baggio ma scherza coi fanti e lascia stare i santi). Alino ha scelto di andare in Cina, a Canton, al seguito di Lippi, non tanto per far felice la moglie Silvia Hsieh, nativa di Taiwan, ma per tre buoni motivi:

1)Un contratto favoloso che può garantirgli per sempre una vita agiata, alla faccia di chi sbaverebbe per avere un decimo di quegli euromilioni.

2) La sensibilità di capire che la sua stagione bolognese stava arrivando al capolinea (perdendo anche il Mondiale) quando nel disastro generale restava solo lui a garantire una minima qualità del gioco, senza peraltro poter garantire successi e salvezza, purtroppo messi in dubbio dalla sostanza collettiva - molto discutibile - e dalle guide tecniche.

3) Guaraldi doveva pagare gli stipendi e solo le svanziche cinesi potevano aiutarlo: senza infamia nè lode, il presidente ha pensato al club, agli altri giocatori, anche allo stipendio del tecnico, e ha fatto l'affare. Amen.

Le stelle di Diamanti - milioni di milioni - hanno salvato il glorioso Bologna dalla bancarotta e inoculato energia per tentare la salvezza nell'anno in cui si dovrebbe festeggiare il Cinquantesimo e ultimo Scudetto . Peccato non avere in rossoblù, quel giorno, Alino Diamanti. Quando Gino Corioni - il presidente bresciano che alla guida del Bologna fece godere una città - lo "regalò" al Bologna fui fra i pochissimi ad accoglierlo a braccia aperte: tifavo per lui fin dai giorni di Livorno, mi parve subito degno della tradizione tecnica rossoblù.

Dagli altri, prima pernacchie, poi l'amorosa marcia indietro ai primi gol, ai primi naturali colpi di classe che avevano innamorato anche Prandelli. Ma sapete cosa succede: quando uno è costretto a smentirsi davanti a fatti nuovi, fa finta d'esser felice ma sta sempre pronto a cogliere il primo accenno di... raffreddore per tornare a sparare; Alino è così passato dai fischi agli applausi, dalle critiche astiose ai peana finchè ha capito che stava tornando la bufera critica. Amato solo dai tifosi competenti, ha preferito lasciare a Bologna il ricordo dei suoi gol, delle sue sgroppate, del suo amore nato improvvisamente sul campo di Haller e Bulgarelli. E adesso, cincin, Cina!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.