HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Bologna, tre motivi per la cessione di Diamanti: lascia il ricordo dei suoi gol, cincin Cina!

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
23.02.2014 00.00 di Italo Cucci  articolo letto 24773 volte
Bologna, tre motivi per la cessione di Diamanti: lascia il ricordo dei suoi gol, cincin Cina!

Scrivo prima di Bologna-Roma perchè ho idea di parlare di Alino Diamanti e non voglio essere influenzato dal risultato della partita. Uscito di scena lui, il Bologna ha ottenuto una sorprendente vittoria sul campo del Torino e subìto una beffarda sconfitta a San Siro, con quel magico gol di Balotelli. Scrivo di Alino Diamanti perché un gruppo di gentlemen si è scatenato contro di lui, contro l'unico giocatore di alta qualità sbarcato sotto le Due Torri dai tempi di Beppe Signori e Marco Di Vaio (avrei voluto dire Baggio ma scherza coi fanti e lascia stare i santi). Alino ha scelto di andare in Cina, a Canton, al seguito di Lippi, non tanto per far felice la moglie Silvia Hsieh, nativa di Taiwan, ma per tre buoni motivi:

1)Un contratto favoloso che può garantirgli per sempre una vita agiata, alla faccia di chi sbaverebbe per avere un decimo di quegli euromilioni.

2) La sensibilità di capire che la sua stagione bolognese stava arrivando al capolinea (perdendo anche il Mondiale) quando nel disastro generale restava solo lui a garantire una minima qualità del gioco, senza peraltro poter garantire successi e salvezza, purtroppo messi in dubbio dalla sostanza collettiva - molto discutibile - e dalle guide tecniche.

3) Guaraldi doveva pagare gli stipendi e solo le svanziche cinesi potevano aiutarlo: senza infamia nè lode, il presidente ha pensato al club, agli altri giocatori, anche allo stipendio del tecnico, e ha fatto l'affare. Amen.

Le stelle di Diamanti - milioni di milioni - hanno salvato il glorioso Bologna dalla bancarotta e inoculato energia per tentare la salvezza nell'anno in cui si dovrebbe festeggiare il Cinquantesimo e ultimo Scudetto . Peccato non avere in rossoblù, quel giorno, Alino Diamanti. Quando Gino Corioni - il presidente bresciano che alla guida del Bologna fece godere una città - lo "regalò" al Bologna fui fra i pochissimi ad accoglierlo a braccia aperte: tifavo per lui fin dai giorni di Livorno, mi parve subito degno della tradizione tecnica rossoblù.

Dagli altri, prima pernacchie, poi l'amorosa marcia indietro ai primi gol, ai primi naturali colpi di classe che avevano innamorato anche Prandelli. Ma sapete cosa succede: quando uno è costretto a smentirsi davanti a fatti nuovi, fa finta d'esser felice ma sta sempre pronto a cogliere il primo accenno di... raffreddore per tornare a sparare; Alino è così passato dai fischi agli applausi, dalle critiche astiose ai peana finchè ha capito che stava tornando la bufera critica. Amato solo dai tifosi competenti, ha preferito lasciare a Bologna il ricordo dei suoi gol, delle sue sgroppate, del suo amore nato improvvisamente sul campo di Haller e Bulgarelli. E adesso, cincin, Cina!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.