HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Bonaventura: che amarezza. Boateng: largo alle verginelle. Ancelotti: guarda l'oceano e sente Cr7. Real Madrid: Higuain supera Morata

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.12.2015 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 40306 volte

Giacomo Bonaventura è dovuto intervenire in diretta tv per far notare al mondo che non è un pupazzo che si fa manovrare da questo o quello nella scelta del suo procuratore. Ma, nella furia del risiko anti-Galliani dall'alto, il grande potentato tv che sfrutta la scia di Paolo Maldini una settimana prima dell'assemblea sui diritti tv di ieri, e dal basso, il mondo dei procuratori come sempre attraversato da una naturale fame di guadagni, nessuno lo ha ascoltato. Stiano tranquilli i tifosi rossoneri, Jack non è cambiato, è sempre lo stesso ragazzo acqua e sapone che non esce la sera se il Milan perde o pareggia, che sorride e fa battute se il Milan vince. Lo stato dell'arte di oggi è che si tratta di storie lontane da chi fa sacrifici per comprare il biglietto la domenica: per tentare di essere precisi, al giocatore rossonero è spiaciuto aver cambiato procuratore, ma il modo in cui il suo passato si sta comportando lo ha convinto di aver fatto una ottima scelta. Galliani sparito? Forse perché magari non voleva più sentirsi chiedere al telefono di intervenire sul ragazzo per convincerlo a non cambiare procuratore, rapporti nei quali un dirigente esperto non entra mai. E Jack, che fin dai suoi primi mesi al Milan nel 2014 non diceva nulla per rispetto ma non gradiva il troppo spazio riservato al suo procuratore piuttosto che a lui stesso (il rinnovo non centra nulla, è stato così ahinoi fin dall'inizio anche se noi stessi lo apprendiamo adesso), rimane attonito quando riceve voci di altri procuratori che magari ricevono altre telefonate per non prendere la sua procura. Insomma storie lontane dalla carne viva della gente, dal sangue che scorre della passione per il calcio. E' questa una delle sfumature dell'aria strana ottimamente colta, e non da oggi, da Sinisa Mihajlovic.

Tutte le verginelle in servizio permanente effettivo che hanno già dato o che non vedono l'ora di dare la loro augusta interpretazione sull'operazione Boateng al Milan, faranno prima melina e poi marmellata. Prima fingeranno di non sapere come è effettivamente andata e poi faranno tutto un conto al solito Galliani perché nell'era dell'aria strana va ormai di moda. Assisteremo divertiti e disincantati. Ma senza dire una parola in meno o una parola in più, senza fare il gioco delle etichette che il fronte composito dell'aria strana da tempo tenta di appiccicarci addosso senza capirci nulla. Siamo adulti e vaccinati e sappiamo quindi oggi come ieri e ieri l'altro che il Milan è sempre uno, che le decisioni finali, su questo non c'è dibattito, sono sempre une e non bine o trine. Direttore sportivo o non direttore sportivo, ritorni o non ritorni, errori di mercato o buone scelte di mercato, cose che ci stanno sempre (vedi i 350 milioni di euro di flop del Manchester United): insomma senza il sì finale e definitivo del presidente Berlusconi al Milan non succede nulla. In particolare nel caso di Boateng, esattamente come per Balotelli, non con un atto di forza ma con un metodo: il giocatore prima messo alla prova e poi valutato effettivamente sul campo, nel lavoro, nei comportamenti, dall'allenatore.

Carlo Ancelotti in pubblico è godibile, sereno, impeccabile come sempre. Lo è anche in privato. Solo che magari gli scappa qualche barzelletta e qualche racconto in più. E' stato così a Milano e a Londra, è stato così a Parigi e a Madrid. E' così anche a Vancouver, dove fra uno sguardo sull'Oceano e l'altro, Carletto non può fare a meno di rispondere al telefono, anche perché il suo rapporto con lo spogliatoio del Real è lo stesso, sorridente ed idilliaco, dell'immediato post-partita della magica notte della Decima al termine della Finale con l'Atletico. Ed è probabilmente da una di queste chiamate del cuore, che Ancelotti deve essersi convinto che Cristiano Ronaldo lascerà questa volta davvero il Club merengue a fine stagione. Certo che per Rafa Benitez, il passato ritorna. Non manca ancora oggi chi racconta delle telefonate dei giocatori interisti da Appiano a Madrid, dove allora c'era Mourinho, per raccontare ridacchiando o indignandosi questa o quella frase del nuovo tecnico Benitez all'inizio della stagione 2010-2011. Crediamo che la cosa si stia ripetendo, in direzione Canada questa volta. Il consiglio a Rafa è di guardarsi bene attorno, di essere più avvolgente e più prudente con tutte le stelle con cui lavora: il modo in cui dice le cose a cotanti big, non funziona. Ecco perché a Madrid rischia di finire male non solo per lui ma anche per il Club che con ogni probabilità perderà CR7.

Lo scenario di un Cristiano Ronaldo lontano dal Santiago Bernabeu infiammerà la prossima estate di calciomercato, fra quelle tre-quattro società che possono permettersi un giocatore così: PSG, Manchester City, Bayern Monaco, Barcellona. In questo caso, il Real Madrid avrà più soldi del solito da spendere e priorità uno sarà l'attacco, il centravanti. Scolorito per tanti motivi Benzema e alle prese con una stagione in chiaroscuro Morata, il presidente Perez andrà come sempre su un crack in grado di fare la differenza subito e di far vincere subito la sua squadra. Cavallo di ritorno per cavallo di ritorno, questo Pipita, mezzo Higuain e mezzo Ibra, che sta mozzando il fiato di tutto il mondo del calcio, non potrà che essere un pensiero fisso per la dirigenza merengue. Napoli, che sta spremendo il massimo da Higuain in questa stagione, a malincuore capirà come per Cavani e si consolerà con un grande mercato generato dalla gigantesca plusvalenza derivante dal Pipita. E la vita del grande calcio continuerà.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.