HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Braccio di ferro Allegri-Marotta: deciso l'ultimo acquisto Juve. Inter: 24 ore per il difensore, ma non è Caceres. Milan e il tassello salva-Montella: un nome c'è! Napoli a capofitto sul bomber...

30.08.2016 08.52 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 174030 volte
© foto di Alessio Alaimo

Se al liceo andavo dalla professoressa di latino e le dicevo "prof, posso uscire?", lei mi rispondeva: "E dove cazzo devi andare che son passati dieci minuti?". E io: "Al bagno, mi scappa". E lei: "Fatti tuoi, dovevi farla prima. Prima della seconda ora non se ne parla". E io: "Guardi che qui rischiamo". E lei: "Al limite passeremo il mocio Vileda". E così via.
Converrete che si trattava di un grande scambio dialettico.

E voi direte: "Dove vuole arrivare questa volta siffatto ominicchio? Perché insiste col cazzeggiare anche oggi che siamo a poche ore dalla fine del santo mercato?".
Ve lo dico subito.
Se io dovevo aspettare la seconda ora per andare a fare la plin-plin, non capisco perché quelli della serie A debbano fare la pausa per la nazionale dopo solo due giornate di campionato.
Io odio la pausa per la nazionale. Non potevano farla prima? Non potevano farla a metà ottobre? Non potevano farla mai? Perché alla Fifa non comanda la mia professoressa di latino?
Io davvero non capisco, uno aspetta due mesi che si quietino le esagerazioni del mercato, i fanatismi del compra-vendi, e quelli cosa fanno? Un paio di partite giusto per farti venire l'acquolina e poi un devastante ambo-nazionale tra Francia e Israele.
Sono un merdone di quelli che salgono sul carro alla bisogna quando incombono Mondiali ed Europei? Sì, lo sono. E comunque continuerò a combattere la mia inutile battaglia contro le "pause per la nazionale".

Ora, se dipendesse da me andrei avanti a scrivere 12341 pagine contro gli ideatori della "pausa per la nazionale", ma sono le 22 e in redazione è arrivata la notizia della morte di Gene Wilder, la qual cosa mi devasta il ritorno dalle vacanze per almeno quattro motivi:
1) Gene Wilder era un fenomeno. Soprattutto "gestito" da Brooks.
2) Devo buttare via una pagina e rifarne una daccapo.
3) Non posso dilungarmi con le mie invettive contro la "pausa per la nazionale".
4) La darò vinta a quelli che "invece di ammorbarci con le tue cazzate vai da uno psichiatra. Ce ne sono di buoni a prezzi convenienti".

E quindi parliamo di calcio. E per una volta davvero "rapidamente".

L'Inter non esce dal sottobosco della mediocrità. Lo ha fatto la società con due colpi da oltre 70 milioni che hanno giustamente esaltato i tifosi. Non lo ha fatto la squadra, capace di fare "tre passi avanti" (cit. Frank) rispetto al Chievo, ma non di portare a casa i tre punti, in questo momento decisamente più importanti del bel giuoco.
Non è una tragedia irrimediabile, per carità, ma dà parecchio fastidio, soprattutto se si pensa che "il tutto" era certamente evitabile. Bastava prendere determinate decisioni a suo tempo e non a ridosso dell'inizio del campionato. Ma tant'è, le due settimane di "pausa" serviranno al tecnico olandese per imparare qualche parola di italiano e per dare ordine a una rosa "disordinata".
E veniamo al punto. La società si sta comportando bene: cosa vuoi dire a un magnate che zitto-zitto butta sul piatto un centinaio di milioni? Assolutamente niente. Un appunto però va fatto: al tempo delle "vacche magre" Ausilio aveva meno possibilità di pescare, ma più possibilità di utilizzare la logica. Oggi la situazione è un filo cambiata: arrivano i giocatori, ma si bada meno all'equilibrio. Si vuole impressionare più che organizzare. Almeno questa è la sensazione.
Mancano poche ore alla chiusura del mercato e i nerazzurri nonostante tutto danno l'idea di essere una squadra super competitiva ma un po' sbilanciata: tante frecce in avanti, poche da metà campo in giù. Il tempo per rimediare è poco e sappiamo che: 1) Lo scambio Fabregas-Brozovic piacerebbe molto al Chelesea, molto meno all'Inter. 2) Caceres non è stato preso in considerazione. 3) Si punta a un terzino (il sempreverde Criscito o Darmian) ma solo se si riuscirà a sfoltire la rosa e non solo nel reparto avanzato (Jovetic è sempre più vicino alla Fiorentina).
Chi scrive è troppo pessimista? A pensarci bene sì, lo è: un mercato che ha consegnato al suo allenatore Banega, Candreva, Joao Mario, Gabigol, forse un terzino e dove i "sicuri partenti" sono diventati i "sicuri restanti" non si può criticare. Altrimenti si rischia di diventare incontentabili, suvvia.

Discorso opposto per il Milan, squadra assolutamente apprezzabile per quello che ha fatto vedere nei primi due turni di campionato, ma abbandonata a se stessa quanto a "supporto gestionale".
Montella mastica amaro perché ben sa cosa rischia: rischia di dover fare settimanalmente la conta di quelli "all'altezza", rischia soprattutto di dover abdicare al suo credo tattico in nome di una rosa che non ammette stravolgimenti. Kucka e Niang devono saltare un turno per questioni disciplinari? Sono problemi. Se la stessa cosa capitasse a Romagnoli, poi, diventerebbe complicatissimo trovare un rimedio adeguato. Si parla di Rodrigo Caio come possibile ingranaggio da aggiungere in extremis: che sia un potenziale fenomeno o anche solo un giocatore "normale" è giusto che il club tenti qualunque acrobazia per portarlo a Milano. Viceversa vorrebbe dire che "il Milan ha abbandonato il Milan" con la scusa della società vecchia che non vuole venire incontro a quella nuova e quella nuova che non vuole interferire negli affari di quella vecchia. A farne le spese, al solito, i tifosi.

Poi la Juve. L'inciso è d'obbligo. Settimanalmente vi propiniamo il nome di turno "per completare il centrocampo", vi diciamo "che è fatta", che Marotta e Paratici "hanno deciso". E tutte le volte cambiano nomi e prospettive. Ebbene, a mercato quasi archiviato alziamo le mani: la Signora che già ha un accordo con Witsel per la prossima stagione (a costo zero) su insistenza di Allegri sta provando a convincere lo Zenit a liberare subito il belga. L'offerta è cospicua: 15 milioni, i russi ne vogliono 22. Ci si può accordare. E pazienza se probabilmente il giocatore non era proprio al numero 1 della lista stilata dai bianconeri: la Juve completa un mercato che al di là delle critiche dei soliti "incontentabili" dimostra la volontà del club di fare il grande salto. Cento milioni di incassi derivati da plusvalenze (10 probabili solo con l'ultima cessione, quella di Zaza) a fronte di investimenti addirittura superiori per portare a casa giocatori di primissima fascia sono la prova che si stia lavorando per costruire qualcosa di grande. Complimenti vivissimi.

Anche il Napoli ha fatto il suo dovere: Milik ha già dimostrato quel che vale, Rog arriva e darà una bella mano. L'unico appunto che si può muovere a De Laurentiis riguarda le energie sprecate per stare dietro a questioni più mediatiche che concrete. Con Icardi, l'interesse iniziale si è infine trasformato in assist buono solo per realizzare l'interesse della signora Wanda. Il tutto ha determinato un ritardo sulla scelta di un'alternativa all'argentino: Pavoletti può arrivare solo per cifre senza senso, Cavani non è mai stato preso in considerazione per questioni economiche e, soprattutto, logiche (se con l'uruguaiano hai incassato una determinata cifra che senso ha bruciarla tutta per riportarlo a casa?). Resta in piedi la pista Kalinic, ma solo se sul piatto verrà messo Gabbiadini. Avrebbe senso? Probabilmente no.

Avrei voluto salutarvi con l'ultima boiata estiva per chiudere il "trittico da spiaggia": dopo i coccari e Carmandino doveva essere il turno dei temibili nudisti.
Ma un conto è scherzare sull'"essere minchioni", altra cosa è fingere che settimana scorsa in Italia non sia successo niente. Molto meglio ricordare un numero: 45500. Sapete già a cosa serve, usatelo se potete (Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.