HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Bravo Galliani, Lapadula ottimo colpo. De Laurentiis, sveglia: Napoli non merita tanti "no"! Direttori: addio alle vecchie volpi; avanti con i giovani

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
27.06.2016 15.51 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42662 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Preziosi si è offeso che Galliani gli ha soffiato Lapadula mancandogli di rispetto. Quando vi dicevamo che alcune sinergia non fanno il bene delle società che rappresentano non ci credevate. Così tutti si sentono autorizzati ad avere pretese assurde. Pensate se il Milan non deve andare su Lapadula perché sull'ex pescarese c'era anche Preziosi. Cose assurde. Questa volta Galliani, invece, ha fatto un grande colpo e gli va riconosciuto. Presi i 13 milioni di El Shaarawy dalla Roma ha subito battuto la concorrenza. Eppure, per le note ragioni, i rossoneri sono quelli che si erano seduti al tavolo di Alessandro Moggi e Daniele Sebastiani per ultimi. Galliani ha piazzato il colpo e - se vanno fatti i complimenti al Milan - c'è da dire che ne esce malissimo il Napoli e vengono beffate due società importanti come Genoa e Sassuolo. Il discorso è semplice: il Napoli si era mosso scomodando anche Sarri pur di convincere Lapadula a vestire la maglia azzurra. Si era parlato anche di un cambio di modulo per agevolare la cessione di Lapadula da Pescara a Napoli. Non è servito a nulla e, se De Laurentiis continua così, i napoletani devono capire che i rifiuti saranno sempre di più. Il Napoli si muove, li sonda, li tratta e li perde. L'atteggiamento si sta consolidando sempre più e una squadra che fa la Champions League e ha un entusiasmo alle spalle clamoroso non può permettersi di perdere un giocatore seguito e scelto, in favore del Milan, che è in crisi nera e le coppe le vedrà anche quest'anno in televisione. Non vorremmo essere nei panni di Cristiano Giuntoli che da buon Direttore segue e punta i rinforzi ma poi - quando arriva la fase della concretezza - non riesce a chiudere un colpo. Il Presidente De Laurentiis dovrà interrogarsi su queste situazioni di mercato che danneggiano anche a livello di immagine il Napoli. Non venite a dirci adesso che Lapadula non era un obiettivo primario perché ci viene da ridere. Se un allenatore telefona ad un calciatore pur di convincerlo significa che nei piani degli azzurri Lapadula era in cima alla lista. In tutto questo marasma qualcuno ha capito se Gabbiadini resterà o meno a Napoli?
Il problema del calcio diventa sempre più comune. Ed è nei Direttori Sportivi. Troppa gente che lavora per amicizia e non per competenze. La meritocrazia non esiste e prevale sempre l'amico dell'amico del fidanzato della zia di nonna Peppina sul giovane che ha voglia di andare a vedere mille partite sui campi, con tanto di relazioni scritte. Le vecchie volpi non vanno più bene, hanno mangiato troppo e ormai scoppiano. Considerate anche che i Presidenti sono sempre più Direttori Sportivi e hanno voglia di fare il mercato in piena autonomia per due principali motivi: il primo è che non si fidano dei Direttori che gli ciullano i soldi tramite procuratori e il secondo che giustamente si vogliono divertire con il loro giocattolino. Vedete Sebastiani a Pescara. Il Presidente è molto bravo e non ha avuto bisogno di un vero Direttore Sportivo per incassare una barca di soldi e per raggiungere la serie A; fa quasi tutto da solo. Complimenti. Sabatini a Roma ha perso anche quel briciolo di considerazione che gli era rimasta tra gli addetti ai lavori. Per tutto l'anno scorso ci ha raccontato che sarebbe andato via ed è rimasto. Ci ha fatto credere che se fosse andato via Garcia sarebbe andato via anche lui, invece al posto delle rotelle sotto la poltrona si è messo i bulloni. Sarei curioso di andare a Trigoria solo per vedere la scrivania di Walter. Un genio. Pallotta dagli Usa guarda i cartoni animati. Lo Monaco è dovuto ripartire dalla serie C pur di lavorare a condizioni imposte da Pulvirenti ai limiti della decenza per un Direttore che a Catania ha fatto la storia e, invece, pur di rientrare ha accettato condizioni assurde. I giovani che crescono sono bravi. Su tutti Giuntoli, giovane ma big. Napoli ha pescato bene ma Giuntoli non basta se De Laurentiis non lo segue. Un altro che farà carriera è Luca Nember del Chievo Verona. Dopo Sartori al Chievo avevano preparato il drappo in segno di lutto, invece con Nember hanno fatto bingo. Giovane e gran lavoratore, la fortuna del Chievo è il Direttore che ha gestito con grandissima personalità la difficile situazione Maran quando doveva andare a Bergamo e invece con convinzione e senza isterismi Nember lo ha blindato, forte del contratto firmato. Faggiano a Trapani continua a fare miracoli, Goretti a Perugia costruisce squadre forti ogni anno per puntare alla promozione. I giovani sono il futuro, le vecchie volpi non riescono neanche più ad arrivare all'uva. Semplicemente perché è finita e da mangiare sull'albero è rimasto poco o nulla.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Mercato, soldi e Cina. Ecco cosa è successo a gennaio 09.02 - Tutti a dire che è stato forse il peggior mercato invernale della storia. E forse per emozioni (anche dell’ultimo giorno) è anche vero. Ma non siate così sicuri però. Anzi andate a guardare i numeri, guardiamoli insieme. Il Cies ha preso in analisi i trasferimenti delle big five...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.