HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Buffon apre la crisi Juve: analisi a 360 gradi. Resta il campionato più bello di sempre. Roma e Napoli ci credono, Fiorentina e Inter aspettano. E poi gli allenatori in bilico...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
29.10.2015 07.56 di Luca Marchetti   articolo letto 66451 volte
© foto di Federico De Luca

E' decisamente il campionato più incerto che potevamo immaginare. Quattro squadre in due punti. E probabilmente questa incertezza è resa ancor più interessante dal ritardo ormai diventato pesante, della Juventus. Chi aveva dominato negli ultimi anni ora non riesce ad ingranare la quarta. Anzi di quarta è arrivata la sconfitta in campionato. Impensabile anche quest'estate, nonostante la Juve abbia deciso di chiudere un ciclo e di riaprirne un altro. Non c'è stato alcun errore di valutazione, nessun rischio eccessivo. Questa stagione non sta girando. Allegri e Buffon hanno parlato di mentalità, di eccessivo nervosismo, di umiltà da recuperare. Uno spirito Juve che è venuto a mancare in questo avvio di campionato. Sembra quasi che i bianconeri abbiano ansia da prestazione: la troppa foga di dimostrare che la Juve non è questa che stiamo vedendo porta però a un circolo vizioso. Da cui non riesce ad uscire.
Possiamo discutere fino alla noia sulle responsabilità di Allegri, su quelle del mercato, sulle colpe della squadra. Sugli episodi, sugli arbitri. E siamo sicuri che le analisi in casa Juventus sono serie e approfondite. Hanno parlato in molti in questi giorni: dal presidente Agnelli fino a tutti i tifosi. E ognuno ha individuato un motivo plausibile per cui in questo momento la Juve è a -11.
In tutta sincerità non sembra che Allegri sia in confusione, anzi. Le analisi fatte, anche a caldo, sono sempre lucide. Va dritto all'obiettivo: forse però in questo momento le difficoltà non aiutano a far passare i concetti. La squadra (che comunque è cambiata molto, soprattutto in mezzo al campo e in attacco) non riesce ad assimilare non solo i concetti di Allegri ma anche quelli a cui fa riferimento Buffon e a cui già in passato anche gli altri senatori avevano fatto riferimento.
L'analisi del momento nero della Juventus va fatto con calma, cercando di andare in profondità e non basta certo una breve chiacchierata per avere la presunzione di risolvere (o di capire) la situazione. Di sicuro non è da ora che si parla delle problematiche bianconere e se ne continuerà a parlare a lungo. La faccia di Allegri nelle interviste la dice lunga sui pensieri dell'allenatore juventino. Ora la rincorsa è dura, paradossalmente il girone di Champions che sembrava proibitivo è quello che invece può regalare più soddisfazioni: a patto di non perdere la testa. Le parole di Buffon sono molto forti, aprono un momento di profonda crisi e mettono alla luce il pensiero dei senatori: "la fase di rinnovamento poteva reggere fino a 4 domeniche fa, quando però rientrano tanti giocatori, non puoi fallire un tempo come stasera. Abbiamo una rosa con tanti giocatori validi, ma non abbiamo vinto un contrasto, abbiamo perso tutti i duelli aerei, non riuscivamo a far tre passaggi consecutivi. Non puoi pensare o mettere la lente di ingrandimento su un solo reparto. Le mancanze sono di tutti. Sono molto pratico, penso che siamo quattordicesimo e pensiamo al tredicesimo posto." Forse questa è l'unica medicina.
E il fatto che la Juve stenti lascia spazio a tutte le altre. Anzi forse la sconfitta della Juventus toglie smalto a una Roma che sembra realmente essersi ritrovata, dopo aver sbrigato la partita con l'Udinese in 9 minuti. O come la favola di Sarri a Napoli che si trova lassù dove tutti i tifosi avrebbero sperato e non avrebbero immaginato dopo un avvio stentato. La forza del Napoli è nell'attacco, senza dubbio. Ma non è da sottovalutare che la tenuta difensiva (che lo scorso anno sembra il vero tallone d'Achille degli azzurri) ora è solidissima. A Roma ora tutto riesce facile e anche a Roma hanno passato delle settimane di passione, addirittura con Garcia messo in discussione per alcune scelte non condivise. In questo momento sembrano avere il favore del vento. E si respira entusiasmo a tinte azzurre e giallorosse. Un passo indietro Fiorentina e Inter. I Sousa-boys si divertono e vincono. Senza i favori del pronostico sembrano giocare con la testa libera. E sembrano non fare fatica. Quella che fa l'Inter, cinica come non mai. Ma che rimane in scia scudetto. Una bella partita verità sarà proprio quella di sabato prossimo: l'esame proprio con la Roma ci dirà se l'Inter già da subito può pensare concretamente allo scudetto. L'esame di laurea, chiamatelo come volete. Ma vale per tutti e due.
Per questo è un campionato divertente. Bello. Pieno di spunti. Mai come quest'anno ci divertiamo a tutte le latitudini. Anche se per esempio a Napoli qualche malumore comincia a serpeggiare fra chi non riesce ad imporsi nella formazione titolare, e non solo: Sarri vuole le scuse di Insigne ai suoi compagni per il broncio della sostituzione. Mertens segna ed esulta rabbioso. Ma le vittorie aiutano a ritrovare il sorriso. E Sarri ha ridato un anima alla squadra. Un'identità precisa e una consapevolezza che cresce giornata dopo giornata. Quello che sta mancando al Milan. Servivano due vittorie a Mihajlovic per dare un senso diverso al pareggio con il Torino. Si era detto che con due vittorie Sinisa avrebbe puntellato la panchina. Le due vittorie sono arrivate ma sono arrivate grazie al cuore più che al gioco. La cosa positiva è che il gruppo è totalmente con l'allenatore. Quella negativa è che se il peggio è passato non è ancora sereno sopra Milanello.
Capitolo allenatori: saltato Delio Rossi, arriva Donadoni (che evidentemente ama le sfide difficili!) resiste ancora Mandorlini nonostante la sconfitta contro la Fiorentina. Decisiva la partita contro il Carpi di domenica. O dentro o fuori: l'ultimo posto in classifica pesa eccome.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.