HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Buffon apre la crisi Juve: analisi a 360 gradi. Resta il campionato più bello di sempre. Roma e Napoli ci credono, Fiorentina e Inter aspettano. E poi gli allenatori in bilico...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
29.10.2015 07.56 di Luca Marchetti  articolo letto 66426 volte
© foto di Federico De Luca

E' decisamente il campionato più incerto che potevamo immaginare. Quattro squadre in due punti. E probabilmente questa incertezza è resa ancor più interessante dal ritardo ormai diventato pesante, della Juventus. Chi aveva dominato negli ultimi anni ora non riesce ad ingranare la quarta. Anzi di quarta è arrivata la sconfitta in campionato. Impensabile anche quest'estate, nonostante la Juve abbia deciso di chiudere un ciclo e di riaprirne un altro. Non c'è stato alcun errore di valutazione, nessun rischio eccessivo. Questa stagione non sta girando. Allegri e Buffon hanno parlato di mentalità, di eccessivo nervosismo, di umiltà da recuperare. Uno spirito Juve che è venuto a mancare in questo avvio di campionato. Sembra quasi che i bianconeri abbiano ansia da prestazione: la troppa foga di dimostrare che la Juve non è questa che stiamo vedendo porta però a un circolo vizioso. Da cui non riesce ad uscire.
Possiamo discutere fino alla noia sulle responsabilità di Allegri, su quelle del mercato, sulle colpe della squadra. Sugli episodi, sugli arbitri. E siamo sicuri che le analisi in casa Juventus sono serie e approfondite. Hanno parlato in molti in questi giorni: dal presidente Agnelli fino a tutti i tifosi. E ognuno ha individuato un motivo plausibile per cui in questo momento la Juve è a -11.
In tutta sincerità non sembra che Allegri sia in confusione, anzi. Le analisi fatte, anche a caldo, sono sempre lucide. Va dritto all'obiettivo: forse però in questo momento le difficoltà non aiutano a far passare i concetti. La squadra (che comunque è cambiata molto, soprattutto in mezzo al campo e in attacco) non riesce ad assimilare non solo i concetti di Allegri ma anche quelli a cui fa riferimento Buffon e a cui già in passato anche gli altri senatori avevano fatto riferimento.
L'analisi del momento nero della Juventus va fatto con calma, cercando di andare in profondità e non basta certo una breve chiacchierata per avere la presunzione di risolvere (o di capire) la situazione. Di sicuro non è da ora che si parla delle problematiche bianconere e se ne continuerà a parlare a lungo. La faccia di Allegri nelle interviste la dice lunga sui pensieri dell'allenatore juventino. Ora la rincorsa è dura, paradossalmente il girone di Champions che sembrava proibitivo è quello che invece può regalare più soddisfazioni: a patto di non perdere la testa. Le parole di Buffon sono molto forti, aprono un momento di profonda crisi e mettono alla luce il pensiero dei senatori: "la fase di rinnovamento poteva reggere fino a 4 domeniche fa, quando però rientrano tanti giocatori, non puoi fallire un tempo come stasera. Abbiamo una rosa con tanti giocatori validi, ma non abbiamo vinto un contrasto, abbiamo perso tutti i duelli aerei, non riuscivamo a far tre passaggi consecutivi. Non puoi pensare o mettere la lente di ingrandimento su un solo reparto. Le mancanze sono di tutti. Sono molto pratico, penso che siamo quattordicesimo e pensiamo al tredicesimo posto." Forse questa è l'unica medicina.
E il fatto che la Juve stenti lascia spazio a tutte le altre. Anzi forse la sconfitta della Juventus toglie smalto a una Roma che sembra realmente essersi ritrovata, dopo aver sbrigato la partita con l'Udinese in 9 minuti. O come la favola di Sarri a Napoli che si trova lassù dove tutti i tifosi avrebbero sperato e non avrebbero immaginato dopo un avvio stentato. La forza del Napoli è nell'attacco, senza dubbio. Ma non è da sottovalutare che la tenuta difensiva (che lo scorso anno sembra il vero tallone d'Achille degli azzurri) ora è solidissima. A Roma ora tutto riesce facile e anche a Roma hanno passato delle settimane di passione, addirittura con Garcia messo in discussione per alcune scelte non condivise. In questo momento sembrano avere il favore del vento. E si respira entusiasmo a tinte azzurre e giallorosse. Un passo indietro Fiorentina e Inter. I Sousa-boys si divertono e vincono. Senza i favori del pronostico sembrano giocare con la testa libera. E sembrano non fare fatica. Quella che fa l'Inter, cinica come non mai. Ma che rimane in scia scudetto. Una bella partita verità sarà proprio quella di sabato prossimo: l'esame proprio con la Roma ci dirà se l'Inter già da subito può pensare concretamente allo scudetto. L'esame di laurea, chiamatelo come volete. Ma vale per tutti e due.
Per questo è un campionato divertente. Bello. Pieno di spunti. Mai come quest'anno ci divertiamo a tutte le latitudini. Anche se per esempio a Napoli qualche malumore comincia a serpeggiare fra chi non riesce ad imporsi nella formazione titolare, e non solo: Sarri vuole le scuse di Insigne ai suoi compagni per il broncio della sostituzione. Mertens segna ed esulta rabbioso. Ma le vittorie aiutano a ritrovare il sorriso. E Sarri ha ridato un anima alla squadra. Un'identità precisa e una consapevolezza che cresce giornata dopo giornata. Quello che sta mancando al Milan. Servivano due vittorie a Mihajlovic per dare un senso diverso al pareggio con il Torino. Si era detto che con due vittorie Sinisa avrebbe puntellato la panchina. Le due vittorie sono arrivate ma sono arrivate grazie al cuore più che al gioco. La cosa positiva è che il gruppo è totalmente con l'allenatore. Quella negativa è che se il peggio è passato non è ancora sereno sopra Milanello.
Capitolo allenatori: saltato Delio Rossi, arriva Donadoni (che evidentemente ama le sfide difficili!) resiste ancora Mandorlini nonostante la sconfitta contro la Fiorentina. Decisiva la partita contro il Carpi di domenica. O dentro o fuori: l'ultimo posto in classifica pesa eccome.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.