HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Buon anno e felice mercato. Juve sul centrocampista, Milan su qualsiasi cosa, sarà intrigo per Lavezzi. Un classe 1991 per il Napoli, sembra il mister X di Galliani

01.01.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 57787 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Impossibile non fare gli auguri a chi ci segue tutto l'anno. Perché il mercato chiude, sì, ma tra voci, controvoci, parametri zero, allenatori che saltano, tecnici che tornano, liste aperte fino a marzo, scadenze di giugno... La vacanza in realtà non esiste.
Il grande colpo è in canna, un po' per tutte a dire la verità. Nessuno ha già chiuso un possibile botto con cui spostare gli equilibri. Partendo dalla Juventus, che è alla ricerca di un centrocampista. Forte, fortissimo, altrimenti è quasi meglio rimanere così, perché Massimiliano Allegri, dopo una partenza non perfetta, ha trovato la quadratura del cerchio. Però è inutile ripercorrere la strada già fatta con Hernanes, arrivato come rinforzo last minute della scorsa sessione, quando gli obiettivi in realtà erano Julian Draxler e Mario Gotze. Ora l'avanzamento di Pogba - e la solita presenza di Pereyra - oppure il passaggio al 4-3-3 impone l'approdo di un centrocampista in più. Oltre a un cursore di fascia, soprattutto qualora Simone Zaza dovesse andare via. Meglio spendere, e bene, solo su un giocatore che fare ulteriormente mercato a "rattoppi". Detto che comunque una annata come quella scorsa è molto complicata, perché in Serie A c'è più di una squadra che può vincere il campionato.
Come l'Inter, con Thohir che prova ad alzare l'asticella, vorrebbe Lavezzi - sarebbe un acquisto molto sensato, considerata l'attitudine dei nerazzurri a difendersi e attaccare - ma è difficile che il Paris Saint Germain lo possa sacrificare anzitempo. La rosa vale per tre competizioni, Mancini ne gioca di fatto una e mezza. La Coppa Italia è una sola partita, contro il Napoli, e non porta via grandi energie mentali. Il passaggio del turno sarebbe ben visto, un'eliminazione non un dramma: l'obiettivo è arrivare terzi in campionato, per una questione prettamente monetaria. Ci dovesse essere la possibilità di vincere sarà un di più. Per ammazzare il campionato servirebbe il miglior Kondogbia, ancora molto distante dall'ottimo rendimento che aveva al Monaco, e probabilmente non basterebbe in ogni caso. Sarà un mercato, in ogni caso, incentrato sugli esuberi. Da Martin Montoya a Ranocchia, passando per Dodò e D'Ambrosio. Un centravanti, Calleri a parte, potrebbe essere una necessità.
E il Milan? Mercato low cost in attesa del closing con mr Bee - che per assonanza sembra più Rowan Atkinson, anche per i continui tira e molla - solo con addii potrebbero arrivare nuovi acquisti: ci sarà da risolvere la grana El Shaarawy, dopo che il Monaco ha comunicato ufficialmente al Milan di non voler riscattarlo per 14 milioni di euro. Da Zapata a Mexes, forse Cerci, sicuramente Honda, probabilmente Poli. E Luiz Adriano? Con il nuovo modulo il campo lo vede poco, davanti ha un Bacca che è l'unico giocatore straordinario di questo Milan - con Bonaventura - e dalla sua cessione arriverebbero, probabilmente, quei contanti che andrebbero a finanziare un paio di acquisti. Il problema è comunque societario, perché le idee sono tante, ma un po' troppo confuse.
Invece De Laurentiis si comporta alla Galliani, parlando di un classe 1991 - l'amministratore delegato del Milan aveva parlato di occhio ceruleo, anni fa - che potrebbe arrivare. Kramer, Vecino, Maksimovic e chi più ne ha, più ne metta. L'intenzione è quella di spendere, a gennaio, perché la situazione finanziaria del Napoli è molto buona, la rosa e il morale anche, la sensazione è quella di potere competere fino alla fine, soprattutto con un Higuain così. A proposito, 94 milioni di euro potrebbero essere anche pochi, alla fine dell'anno, dovesse continuare con questa media realizzativa.
Dal quattro si parte sul serio, qualcosina è già andato in porto. Così qualche nome che infiammerà il 2016, ovviamente chiave mercato. Perotti, Ocampos, Rugani, Berardi, Kramaric, Felipe Anderson, Candreva, Biglia, Xhaka, Grassi, El Kaddouri, Gomez, Najar, Cuenca, Berisha, Torosidis, Diawara, Matos, Caceres, Karelis, Sensi, Sportiello, Perin, Benaloaune, Immobile, Banega, Gabbiadini, Lapadula, Diego Lopez. E Cristiano Ronaldo. Perché i fischi del Bernabeu non sono un caso: la lotta intestina in Blancos continua, e il portoghese potrebbe essere il sacrificato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.