VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Caos paracadute: di cosa si tratta, chi ha danneggiato e perché ha scontentato (quasi) tutti. Tavecchio, l'uomo del... dire: quando la riduzione delle squadre? Juve e Napoli: priorità alla difesa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.05.2016 12.49 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 67618 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Zamparini attacca, il Carpi risponde, il Verona replica con un comunicato. E così più e più volte in poche settimane, per dar vita all'ennesimo caso di cui il calcio italiano avrebbe fatto volentieri a meno. E' il caos attorno all'ultima retrocessa che ormai da giorni catalizza l'attenzione dei club in coda. Una questione spiegata poco e male, che ha acceso gli animi anche di chi è già spacciato.
In questa storia ci sono due aspetti chiave. Una partita, quella che andrà in scena questa sera al Barbera tra Palermo ed Hellas Verona. E una parola: 'paracadute'. La vulgata inesatta passata in questi giorni è grossomodo questa: se i rosanero si salvano il Verona incassa 15 milioni di euro in più, quindi gli scaligeri non avranno alcun motivo per opporre resistenza in una gara (insieme a Udinese-Carpi) che deciderà l'ultima retrocessa. Non è proprio così, ma andiamo con ordine.

DI COSA SI TRATTA - La questione, come spesso accade nel nostro calcio, è stata sollevata a stagione in corso. Non era stata prevista e l'accordo in Lega Serie A è arrivato solo quando era iniziato anche il girone di ritorno. Con tutte le conseguenze del caso. Tutto ruota attorno ai diritti tv, all'inizio del nuovo triennio 2015/18 che ha permesso alle società di incassare più soldi rispetto alla passata stagione.
In pratica, un anno fa le società di Serie A si sono divise 809 milioni di euro, mentre quest'anno la cifra era superiore ai 980 mln. Come dividere il residuo incrementale? Premesso che gli 809 mln sono stati ripartiti come l'anno precedente, in ballo per settimane sul piatto della Lega ci sono stati oltre 170 milioni di euro. Dopo tante riunioni, s'è deciso di suddividere 46.1 milioni in parti uguali, di destinare 69.2 milioni alle prime dieci classificate (il 15% a testa per prima, seconda e terza, il 10% per quarta, quinta e sesta, l'8% per la settima, il 7% per l'ottava, il 5% per nona e decima), di dare un milione di euro a tutte le squadre classificate tra l'undicesimo a la 17esima posizione e, infine, di consegnare 60 milioni di euro alle squadre retrocesse. Il paracadute, appunto. Una cifra doppia rispetto alla stagione precedente. Una ripartizione che, nota nemmeno troppo a margine, è stata votata da 18 club su 20, con Chievo Verona (12esimo al momento dell'accordo) e Palermo (16esimo dopo la 26esima giornata) contrari.
Sessanta milioni, quindi. Questo il budget a disposizione per le tre squadre retrocesse. Ma non tutte le squadre che vanno in Serie B sono uguali: la Lega stabilì a febbraio di dare 10 milioni alle squadre che hanno giocato una stagione in Serie A (quindi Frosinone ed, eventualmente, Carpi), 15 alle squadre che sono nel massimo campionato da due (nessuna di quelle in corsa) e 25 mln a quelle che sono in Serie A da almeno tre anni (quindi Hellas Verona, ed eventualmente, Palermo).
Facile a questo punto fare i conti. Dovesse retrocedere il Palermo, il budget si esaurirebbe del tutto: 25 mln ai rosanero e agli scaligeri, dieci al Frosinone. In caso di retrocessione del Carpi, invece, ne resterebbero altri 15, che andrebbero - eventualmente - all'Hellas Verona perché da tre anni in Serie A. Già, eventualmente. Perché quei soldi la società di Setti li incasserebbe solo se non dovesse centrare immediatamente la promozione. Una eventualità disastrosa dal punto di vista sportivo per una piazza importante come Verona, ma nemmeno così rosea anche da quello economico. Perché restare in B per un altro anno vorrebbe dire incassare, è vero, altri 15 milioni, ma anche rinunciare a tutti quei soldi provenienti dai diritti tv e non solo che esclusivamente il massimo campionato ti può dare.

CHI HA DANNEGGIATO E PERCHÉ HA SCONTENTATO (QUASI) TUTTI - La beffa delle beffe è stata quella di ritrovarsi in calendario Palermo-Hellas Verona all'ultima giornata. Gli scaligeri, già retrocessi, saranno arbitri della corsa salvezza perché solo fermando i rosanero al Barbera potranno permettere al Carpi di effettuare un clamoroso contro-sorpasso.
Il conflitto di interessi appare evidente ed è il motivo per cui Stefano Bonacini, due giorni fa, ha presentato un esposto alla Procura Federale. E' vero infatti che il prossimo anno il Verona avrà tutto l'interesse a tornare immediatamente in Serie A, ma è altrettanto vero che solo con la retrocessione del Carpi - in caso di permanenza in cadetteria per una seconda stagione - usufruirebbe di un ulteriore bonus da 15 milioni di euro che in caso contrario non avrebbe a disposizione.
Nessuna illazione, solo lo stato dei fatti. Che provoca innanzitutto un danno d'immagine alla Lega e alla Serie A. Da questa vicenda, però, ne esce danneggiata anche la Lega Serie B. Dare un paracadute così importante a una squadra come il Verona (ed eventualmente al Palermo) vuol dire inserire in un campionato una-due corazzate con un budget infinitamente superiore rispetto a quello delle altre squadre. Ecco perché Andrea Abodi, circa due mesi dopo la decisione presa dalla Lega di Serie A, ha risposto annunciando al termine di un'Assemblea che alle retrocesse non andranno i soldi della mutualità e che la cifra a loro destinata verrà ripartita tra le altre 19 società di B. Una contromossa che - paradosso dei paradossi - ha scontentato a quel punto Frosinone e Carpi, squadre che hanno avuto un percorso piuttosto simile negli ultimi anni. Leggete, infatti, cosa ha detto pochi giorni fa Maurizio Stirpe, numero uno del club ciociaro: "Sotto questo aspetto, devo dire che il paracadute non tiene conto di due situazioni. Noi abbiamo dovuto pagare tre milioni di premio per la Serie B. Se noi, ai dieci milioni che arriveranno, sottraiamo i tre milioni che abbiamo dato alla Serie B e il milione e mezzo che continuiamo a pagare alla Lega Pro come mutualità, possiamo serenamente dire che di questo paracadute riceveremo le briciole. La recente decisione assunta dall'Assemblea di B di escludere dalla mutualità di B le società retrocesse che hanno percepito il paracadute è quantomeno inopportuna e ingiusta, perché poi non tiene conto delle differenze sostanziali di paracadute".
Il 'paracadute', insomma, a conti fatti ha creato più danni che benefici. Rimpingua in maniera importante le casse dell'Hellas Verona, fa scontenti tutti gli altri. La fortuna (se così si può chiamare) è che vale solo per questa stagione e che dal prossimo campionato si tornerà a discutere di questa ripartizione. Con risultati si spera migliori.

TAVECCHIO, L'UOMO DEL... DIRE - Quando nel luglio 2014 Tavecchio presentò la sua candidatura alla presidenza della FIGC, mise al centro del suo programma due punti principali, due priorità. La prima era la promozione dei vivai, abbozzò a parole una riforma arrivata qualche mese dopo che, però, a conti fatti ha riformato ben poco (clicca il link in basso per leggere). Il secondo era la riduzione delle squadre, con la Serie A che sarebbe dovuta tornare in poco tempo a 18.
E' infatti chiaro da tempo che un massimo campionato a 20 squadre - così come una cadetteria a 22 squadre - non è più sostenibile. Portare in A squadre con rose non all'altezza fa calare drasticamente la competitività. Lo si è visto nello scorso campionato col Cesena, così come in quello attuale con Frosinone e Carpi. Entrambe quest'anno hanno fatto una figura dignitosissima e se gli emiliani a 90 minuti dal termine sono ancora in corsa per non retrocedere vuol dire che hanno fatto il massimo possibile. Discorso simile per i ciociari, che nell'ultima gara casalinga che ha sancito la matematicamente retrocessione hanno dato un esempio di civiltà che per il nostro calcio rappresenta una sana boccata d'ossigeno.
Il problema, quindi, non sono Carpi e Frosinone in sé, ma che in Serie A arrivano compagini non strutturate - economicamente e tecnicamente - per affrontare il massimo campionato. Un rischio che corre il prossimo anno anche il Crotone. Nessuno, ci mancherebbe, vuole eliminare le favole dal calcio. Sono il bello di questo sport, il Leicester insegna. Ma se le favole sono belle è proprio perché sono eccezioni. Se lo straordinario diventa ordinario vuol dire che qualcosa non va. Ben vengano nuovi underdog, ma solo se superano una Serie B più competitiva e fanno i conti con una corsa promozione molto più impervia. Questa altalena non fa bene a nessuno.

JUVE E NAPOLI RIPARTONO DALLA DIFESA - Paragrafo finale dedicato al calciomercato, alle prime due della classe. Entrambe, con la fase a gironi di Champions in tasca, possono attuare i piani programmati nelle scorse settimane.
La Juventus ha rinnovato il contratto di Andrea Barzagli per altre due stagioni, ma sa che il difensore di Fiesole, classe '81, non potrà avere un ruolo centrale nel prossimo biennio. Serve un difensore all'altezza dei titolari che è già stato individuato: Mehdi Benatia. Il difensore marocchino vuole rientrare in Italia perché a Monaco di Baviera - anche a causa dei continui problemi fisici - ha avuto un ruolo marginale. Un ruolo che diventerà ancora meno importante con l'inserimento in rosa di Mats Hummels. I rapporti tra i due club sono ottimi e la fiducia per la chiusura dell'affare è alta.
Può programmare e trattare concretamente anche il Napoli. Con Raul Albiol (in scadenza tra un anno) che non ha dato certezze sul suo futuro e strizza l'occhio al Valencia, è necessario per i partenopei preventivare almeno due acquisti per la difesa: Lorenzo Tonelli (già ufficializzato) ed Emanuel Mammana. Per l'argentino il club partenopeo è avanti rispetto a tutte le altre squadre interessate, un doppio colpo da più di 20 milioni complessivi. In attesa, quindi, di certezze sul futuro dei big - sul futuro di Morata, Higuain e Pogba - le prime due della classe hanno deciso di partire dalle fondamenta.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.