HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Capello: la Nazionale come la Juve. Nazionale: Lotito stoppa Mancini. Coman come El Shaarawy. Allegri punta De Sciglio...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
19.03.2016 08.16 di Mauro Suma   articolo letto 37144 volte

Al calcio piace fare giri strani e poi ritornare. Il calcio è fatto apposta per essere la scienza esatta dei precedenti, per mostrarsi ciclico come poche altre cose della vita. Fabio Capello, un grande del calcio giocato e un gigante del calcio vissuto dalla panchina, ha dichiarato in settimana che non intende ripartire da una Nazionale. In molti ci hanno creduto, quasi tutti hanno preso per buona la frase. E probabilmente sarà anche così. Ma attenzione, lupi di mare come Fabio Capello nel calcio italiano e mondiale ce ne sono pochi. Quando vuole, Don Fabio sa perfettamente come depistare, come far decantare le cose. Cosa aveva dichiarato infatti nei primi mesi del 2004? Che non sarebbe mai andato ad allenare la Juve...bene...pochi mesi dopo, nell'estate del 2004,diventava il nuovo tecnico bianconero. La storia ripassa e la storia richiama. Quel che risulta al povero cronista è che quando il presidente Tavecchio, per la successione di Antonio Conte, aveva dichiarato che il budget per il nuovo Ct sarebbe stato più basso pensava ad una soluzione che non prevedesse il "contributo" dello sponsor. Ma lo sponsor invece c'è, è prestigioso e pesante. E spinge proprio per Fabio Capello. Ha preso probabilmente tempo Don Fabio nell'attesa che anche il presidente Tavecchio converga sul suo nome: non vuole essere il Ct dello sponsor, ma di tutta la Federazione. Se così fosse, tutto sarebbe quadrato, legittimo e comprensibile.

A Roberto Mancini non sarebbe dispiaciuto affatto convolare con la Nazionale. Ci ha pensato e ha accarezzato il progetto. Il titolo nostro è eccessivo. Il presidente Lotito non ha stoppato Mancini, ma una delle remore del Mancio riguardava qualche piccola scoria rimasta fra lui e il numero uno della Lazio negli anni successivi all'esperienza biancoceleste. Probabilmente lo stesso presidente Lotito ci sarebbe passato sopra, ma non è detto. Quel che però appare abbastanza chiaro, negli ultimi giorni, è lo scenario di cui sopra. Quello del nuovo Ct azzurro, se fosse Capello, potrebbe essere un mandato di 2 anni fino al Mondiale, un arco di tempo fatto apposta per consentire a Mancini di proseguire nell'Inter. E poi...

I tifosi rossoneri hanno accusato la Società rossonera di aver rinforzato con ElShaarawy proprio una diretta concorrente per il terzo posto. Nessun tifoso bianconero accusa la propria Società di aver favorito con Coman proprio la squadra che senza il francese sembrava domata e che invece grazie al francese ha posto fine al sogno juventino nel modo più improvviso, lacerante e tranciante possibile. Questione di epoche e di cicli. In realtà le differenze ci sono e sono tutte a favore del Milan, ma in questo periodo tutto particolare non conta. Questo è il momento in cui se l'Inter chiude il bilancio a meno 100 tranquilli che adesso investe e compra, se invece il Milan chiude a meno 90 ecco che smobilita e perde i pezzi. E' la grande redazione trasversale politicamente corretta che disegna gli scenari e le uniche reazioni devono essere pazienza e disincanto. Torniamo a ElShaarawy e Coman. La Roma si è rilanciata grazie all'esonero di Garcia, all'arrivo di Spalletti, alla crescita di Pjanic, alla ri-esplosione di Salah, all'arrivo di Perotti e all'arrivo di ElShaarawy. Stephan è uno dei fattori importanti della Roma, non l'unico. Quella sera, invece, all'Allianz Arena, la partita era chiusa, vinta, risolta, dalla Juve padrona del campo per 70 minuti. Ed è uno e solo, unico e non trino, il fattore che la cambia, la ribalta, la ridisegna: Coman. Nessuna criminalizzazione del direttore Marotta per carità, il mercato in uscita quando deve essere fatto va fatto. Sia per ElShaarawy che per Coman. Ma non si può presentare un conto chilometrico al Milan e il nulla assoluto alla Juventus.

Nello scorso mese di Gennaio è stata la rivalità a 360 gradi, in campo e fuori, fra Milan e Juventus a impedire alle due società di parlare seriamente di Mattia De Sciglio. Le cose sono rimaste così e sembrano destinate a rimanere così. Ma se Lichtsteiner continua la sua manovra di atterraggio e il Milan continua a progettare numerosi cambiamenti, ecco che potrebbe tornare in auge la cara, vecchia cotta di Allegri per Mattia. E' di un'altra categoria, la frase che negli anni rossoneri Max ripeteva spesso. Sembrava disperso nelle giovanili rossonere, ma su segnalazione di un esperto di calcio da lui molto considerato, Allegri ha voluto vederlo e seguirlo. Fino a lanciarlo e a tutelarlo. Allegri è l'unico allenatore che De Sciglio ha avuto per il quale giocare a destra e a sinistra è la stessa cosa, per il tecnico di Livorno va bene uguale ed è forte uguale. Sarà molto importante per il Milan tenere Mattia, rinforzare Mattia, giovane, milanese, italiano, di talento.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.