HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Capello: la Nazionale come la Juve. Nazionale: Lotito stoppa Mancini. Coman come El Shaarawy. Allegri punta De Sciglio...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
19.03.2016 08.16 di Mauro Suma   articolo letto 37076 volte

Al calcio piace fare giri strani e poi ritornare. Il calcio è fatto apposta per essere la scienza esatta dei precedenti, per mostrarsi ciclico come poche altre cose della vita. Fabio Capello, un grande del calcio giocato e un gigante del calcio vissuto dalla panchina, ha dichiarato in settimana che non intende ripartire da una Nazionale. In molti ci hanno creduto, quasi tutti hanno preso per buona la frase. E probabilmente sarà anche così. Ma attenzione, lupi di mare come Fabio Capello nel calcio italiano e mondiale ce ne sono pochi. Quando vuole, Don Fabio sa perfettamente come depistare, come far decantare le cose. Cosa aveva dichiarato infatti nei primi mesi del 2004? Che non sarebbe mai andato ad allenare la Juve...bene...pochi mesi dopo, nell'estate del 2004,diventava il nuovo tecnico bianconero. La storia ripassa e la storia richiama. Quel che risulta al povero cronista è che quando il presidente Tavecchio, per la successione di Antonio Conte, aveva dichiarato che il budget per il nuovo Ct sarebbe stato più basso pensava ad una soluzione che non prevedesse il "contributo" dello sponsor. Ma lo sponsor invece c'è, è prestigioso e pesante. E spinge proprio per Fabio Capello. Ha preso probabilmente tempo Don Fabio nell'attesa che anche il presidente Tavecchio converga sul suo nome: non vuole essere il Ct dello sponsor, ma di tutta la Federazione. Se così fosse, tutto sarebbe quadrato, legittimo e comprensibile.

A Roberto Mancini non sarebbe dispiaciuto affatto convolare con la Nazionale. Ci ha pensato e ha accarezzato il progetto. Il titolo nostro è eccessivo. Il presidente Lotito non ha stoppato Mancini, ma una delle remore del Mancio riguardava qualche piccola scoria rimasta fra lui e il numero uno della Lazio negli anni successivi all'esperienza biancoceleste. Probabilmente lo stesso presidente Lotito ci sarebbe passato sopra, ma non è detto. Quel che però appare abbastanza chiaro, negli ultimi giorni, è lo scenario di cui sopra. Quello del nuovo Ct azzurro, se fosse Capello, potrebbe essere un mandato di 2 anni fino al Mondiale, un arco di tempo fatto apposta per consentire a Mancini di proseguire nell'Inter. E poi...

I tifosi rossoneri hanno accusato la Società rossonera di aver rinforzato con ElShaarawy proprio una diretta concorrente per il terzo posto. Nessun tifoso bianconero accusa la propria Società di aver favorito con Coman proprio la squadra che senza il francese sembrava domata e che invece grazie al francese ha posto fine al sogno juventino nel modo più improvviso, lacerante e tranciante possibile. Questione di epoche e di cicli. In realtà le differenze ci sono e sono tutte a favore del Milan, ma in questo periodo tutto particolare non conta. Questo è il momento in cui se l'Inter chiude il bilancio a meno 100 tranquilli che adesso investe e compra, se invece il Milan chiude a meno 90 ecco che smobilita e perde i pezzi. E' la grande redazione trasversale politicamente corretta che disegna gli scenari e le uniche reazioni devono essere pazienza e disincanto. Torniamo a ElShaarawy e Coman. La Roma si è rilanciata grazie all'esonero di Garcia, all'arrivo di Spalletti, alla crescita di Pjanic, alla ri-esplosione di Salah, all'arrivo di Perotti e all'arrivo di ElShaarawy. Stephan è uno dei fattori importanti della Roma, non l'unico. Quella sera, invece, all'Allianz Arena, la partita era chiusa, vinta, risolta, dalla Juve padrona del campo per 70 minuti. Ed è uno e solo, unico e non trino, il fattore che la cambia, la ribalta, la ridisegna: Coman. Nessuna criminalizzazione del direttore Marotta per carità, il mercato in uscita quando deve essere fatto va fatto. Sia per ElShaarawy che per Coman. Ma non si può presentare un conto chilometrico al Milan e il nulla assoluto alla Juventus.

Nello scorso mese di Gennaio è stata la rivalità a 360 gradi, in campo e fuori, fra Milan e Juventus a impedire alle due società di parlare seriamente di Mattia De Sciglio. Le cose sono rimaste così e sembrano destinate a rimanere così. Ma se Lichtsteiner continua la sua manovra di atterraggio e il Milan continua a progettare numerosi cambiamenti, ecco che potrebbe tornare in auge la cara, vecchia cotta di Allegri per Mattia. E' di un'altra categoria, la frase che negli anni rossoneri Max ripeteva spesso. Sembrava disperso nelle giovanili rossonere, ma su segnalazione di un esperto di calcio da lui molto considerato, Allegri ha voluto vederlo e seguirlo. Fino a lanciarlo e a tutelarlo. Allegri è l'unico allenatore che De Sciglio ha avuto per il quale giocare a destra e a sinistra è la stessa cosa, per il tecnico di Livorno va bene uguale ed è forte uguale. Sarà molto importante per il Milan tenere Mattia, rinforzare Mattia, giovane, milanese, italiano, di talento.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.