HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Caro Brocchi, hai sbagliato: "bruceranno" anche te. Higuain, tarallucci e vino. Valzer DS, che giri: Lo Monaco uomo giusto per Firenze

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.04.2016 17.13 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 52938 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Fuori un altro. Più che Mihajlovic il Milan ha segato un altro potenziale futuro allenatore: Christian Brocchi. Ci mettiamo nei panni del nuovo allenatore del Milan come ci siamo messi in quelli di Inzaghi. Quando il treno passa lo devi prendere...ma non in faccia. Di questi tempi è complicato capire che salire sul carro del Milan prima squadra non è un affare. Capisci che è la tua rovina solo con il passare del tempo. Inzaghi aveva un futuro, almeno crediamo, ma il suo Milan lo ha distrutto. Quando parliamo di un allenatore con un futuro non per forza sosteniamo che debba fare la carriera di Ancelotti ma una media serie A o una buona serie B sì. Inzaghi oggi cerca una panchina e andrebbe ben volentieri anche in una società di B, purché affermata e con un mezzo progetto. Il problema è che quando parti dal Milan prima squadra poi perdi la dimensione della gavetta. Lo stesso rischio corre Brocchi. Ha tutto da perdere eppure stava facendo un ottimo percorso con la Primavera rossonera. Avrebbe dovuto finire la stagione e poi il prossimo anno gli avrebbe fatto benissimo un'esperienza in serie B. Ma come fai a dire di no a Berlusconi? Impossibile. Povero Brocchi. Galliani ha già avvisato: "male che vada tornerà a fare la Primavera". Peggior inizio non potrebbe esserci. Ormai da Arcore arrivano solo scelte senza senso. Se prima ce la prendevamo con Galliani, oggi non possiamo rimproverargli nulla. Ha difeso Sinisa e in conferenza ha appoggiato la scelta del Presidente. Non avrebbe potuto fare altrimenti. Ma da uomo di calcio qual è non poteva appoggiare, in sede privata, una decisione illogica. Brocchi ha grande qualità ma non ha ancora l'esperienza per andare in guerra con le pistole giocattolo. Non c'è futuro, c'è un presente che potrebbe sembrare dorato ma è la vera mazzata che Brocchi non meritava. Sinisa e Berlusconi hanno litigato di brutto dopo la gara con la Juventus e licenziare un allenatore dopo un'ottima prestazione contro i più forti di tutti è il segnale che l'epoca è finita. Avanti un altro.
-Tarallucci e vino-
Felici e...scontenti. Venerdì è arrivata la "grazia" per Higuain. All'italiana è stata risolta la telenovela delle ultime settimane. Ore e ore a fare polemiche sulle 4 giornate all'attaccante del Napoli e si è risolta come tutti già sapevamo. Una giornata in meno, sconticino italiano per non far saltare al capocannoniere del torneo la vera partita del campionato: lo scontro con la Roma. Ben vengano le 3 giornate ma una cosa non capiamo: cosa è cambiato nel referto di Irritati da quando Tosel ha inflitto 4 giornate a Higuain fino ad oggi? O dai subito 3 giornate o non discuti le 4 giornate. Non è un problema di Napoli o di Higuain ma un discorso concettuale e di cultura delle regole. Vedere Napoli-Roma con Higuain in campo ha tutto un altro fascino, ma in Italia siamo abituati male. Scriviamo le regole, le preannunciamo ai giornali e in televisione, sappiamo che le sentenze si cambiano e ormai siamo abituati a tutto. Non c'è fiducia nella giustizia sportiva come non c'è fiducia in coloro che giudicano. Non c'entra nulla con Higuain ma vi ricordate la nostra battaglia di due anni fa? Ripescarono in serie B il Vicenza. Ci stupimmo di come si possa ripescare una società più volte nonostante i debiti con il fisco e i fornitori. Bene, dopo un anno e mezzo i fantasmi tornano a farsi vivi. Il Vicenza rischia il crac finanziario e i debiti stanno divorando la società. Ma come si può ripescare un club così? Volete ripescare qualcuno con la benda sugli occhi? Allora sarebbe stato meglio ripescare il Benevento di Vigorito che - sarà sfigato - ma almeno tira fuori tanti soldi e paga tutti puntuali con i bilanci in piena regola. Un premio alla buona gestione economica ogni tanto ci sta. Ma siamo in Italia e ogni scelta è priva di logica.
C'è, nel frattempo, un valzer di Direttori Sportivi pronto a partire. Tutto avrà il via da Bologna dove a Pantaleo Corvino hanno preparato il benservito da un anno e adesso è stato consumato. Grazie per le valorizzazioni, per la promozione e la salvezza ma se non ti adegui alle nostre regole devi andare via. Cosa significa? Boh. Arriverà un Direttore con un profilo più basso. Si parla di Riccardo Bigon. Forza Bologna, noi lanciamo l'allarme. Bigon ha due ottimi collaboratori, preparati e capaci, ma il vero problema è lui. Non è in grado di fare il Direttore Sportivo. A Firenze è ballottaggio tra Corvino e Lo Monaco. Due grandi Direttori ma consigliamo a Pantaleo di non tornare sul luogo che lo ha già visto protagonista con la stessa proprietà. Pietro Lo Monaco sarebbe perfetto per portare Firenze ancora più in alto. E' l'uomo ideale per la famiglia Della Valle e per creare plusvalenze da capogiro. Firenze si divertirebbe con Lo Monaco. A Catania ha fatto un miracolo, senza di lui il castello di sabbia è crollato subito. Pochi soldi da investire, tanti da incassare. Negli ultimi anni Lo Monaco ha sbagliato solo quando ha creduto di essere diventato un Presidente e non un Direttore Sportivo. A Messina era un'avventura che non faceva per lui. Lo Monaco non è un Presidente ma un grandissimo dirigente d'azienda; quello che serve alla Fiorentina. Non cambieranno le big. Il Napoli è nelle ottime mani di Giuntoli, la Roma si affiderà a Spalletti e al massimo ad un Direttore vicino al mister. Cambierà, probabilmente, l'Udinese. Giaretta in scadenza piace a Palermo e Pescara. Pradè si è proposto alla famiglia Pozzo mentre a Verona, sponda Hellas, potrebbe finire Gerolin. A Sassuolo sta per finire il tempo di Guido Angelozzi. Lì fa tutto Carnevali e Angelozzi ha poca voce in capitolo. Potrebbe tornare a La Spezia, sussurra qualcuno, ma sarebbe pura follia far tornare Angelozzi una volta che a La Spezia hanno trovato, per caso, la giusta quadra con Pietro Fusco: direttore giovane e preparato che con Di Carlo sta facendo un miracolo. La squadra è forte ma ribaltare tutto in un mese, nella stessa stagione, non è assolutamente semplice. Lunga vita per Fusco a La Spezia.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Mercato, soldi e Cina. Ecco cosa è successo a gennaio 09.02 - Tutti a dire che è stato forse il peggior mercato invernale della storia. E forse per emozioni (anche dell’ultimo giorno) è anche vero. Ma non siate così sicuri però. Anzi andate a guardare i numeri, guardiamoli insieme. Il Cies ha preso in analisi i trasferimenti delle big five...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.