HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Caro Lotito, non sono i piccoli club ad allontanare gli sportivi dallo spettacolo-calcio. Ora basta mungere le tv, il calcio deve trovare risorse negli stadi di proprietà e nei settori giovanili

15.02.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 27539 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ma siamo davvero così sicuri che una serie A composta solo da squadre che rappresentino grandi bacini d'utenza, determini di conseguenza un numero maggiore di abbonati per le tv a pagamento? No, se il presupposto a sostegno di tale composizione sia quello ipotizzato da Claudio Lotito: scoraggiare le piccole realtà territoriali nel loro quotidiano sforzo di primeggiare nel torneo cadetto, per favorire (il consigliere federale dovrebbe anche spiegarci come) quelle che porterebbero un numero maggiore di risorse al tavolo della spartizione dei diritti televisivi per le società che frequentano il massimo torneo. Basta con questo senso di irregolarità ormai comune alle cose del calcio nostrano. Negli ultimi 10 anni il pallone è stato macchiato così profondamente nella sua intima essenza di sportività, che proprio non era il caso di dare un'altra mano di irregolarità su quel muro già macchiato e claudicante, dietro il quale restano sbigottiti milioni di appassionati che temono di essere travolti dalle macerie di un sistema che sta crollando. Solo in questo ha ragione Lotito, il calcio italiano rischia il fallimento, soprattutto quello morale. Perché chi guarda le partite comincia a pensare che tra arbitri dotati di sim personali, calciatori dediti alle scommesse per lucrare in proprio e adesso campionati da costruire a tavolino per allargare il bouquet di fruitori tv, il calcio non sia più uno sport trasparente e cristallino da meritare di essere seguito con gli occhi di chi ancora pensa che il pallone sia rotondo. E che appartenga ancora ad una federazione che porta nell'acronimo Figc la parola "giuoco", tale da trasmettere la sensazione che il successo vada sempre a chi è più bravo e non a chi può portare più risorse alla serie A, che lo scudetto possa ancora essere vinto da realtà come Verona e Cagliari. Se, invece, lo spirito è cambiato, sarà sufficiente sostituire in FIGC il sostantivo "giuoco" con un più eloquente "business" e cercarsi altri utenti a cui proporre un prodotto che tutti saprebbero essere manipolato a piacimento. Davvero converrebbe fare tutto questo oppure sarebbe meglio che, come ha chiesto il sottosegretario Delrio, "il calcio venga cambiato profondamente"? Cominciando dagli uomini, perché solo così potranno essere portate nuove idee a sostegno di una realtà sportivo-economica che sta perdendo affiliati e non per colpa delle squadre che non determinano un grande appeal nei confronti dei network a pagamento. Se ne faccia una ragione Lotito e tutti quelli come Lotito: quella della tv è una mammella già munta a sufficienza e tanto di più non può garantire. E comunque non sarebbe sufficiente per stare al passo di campionati come la Premier, la Bundesliga e la Liga, dove le risorse arrivano da altri fronti. In Italia bisogna cominciare a riportare la gente allo stadio e per farlo bisogna costruire impianti di proprietà, per accogliere in maniera degna il fruitore dello spettacolo. Quella dello stadio deve diventare una voce attiva di bilancio, tale da integrare e forse raggiungere quella proveniente dai diritti tv. E poi, i vivai. Il settore giovanile, guarda caso, viene curato molto meglio da quelle piccole società che Lotito vorrebbe tenere confinate in un recinto di retroguardia perché incapaci di produrre reddito attraverso il prodotto tv. E che invece vincono di più, spesso grazie a quei ragazzini da loro reclutati, allevati e poi venduti al miglior offerente. Fino a quando i dirigenti del calcio, FIGC e Leghe, non capiranno che il rilancio deve passare attraverso gli investimenti e non l'accumulo di denaro pay, ci sarà sempre un Lotito che penserà al pallone solo come ad uno strumento per fare e bruciare il danaro degli sportivi-spettatori.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.