HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Caro Lotito, non sono i piccoli club ad allontanare gli sportivi dallo spettacolo-calcio. Ora basta mungere le tv, il calcio deve trovare risorse negli stadi di proprietà e nei settori giovanili

15.02.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 27539 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ma siamo davvero così sicuri che una serie A composta solo da squadre che rappresentino grandi bacini d'utenza, determini di conseguenza un numero maggiore di abbonati per le tv a pagamento? No, se il presupposto a sostegno di tale composizione sia quello ipotizzato da Claudio Lotito: scoraggiare le piccole realtà territoriali nel loro quotidiano sforzo di primeggiare nel torneo cadetto, per favorire (il consigliere federale dovrebbe anche spiegarci come) quelle che porterebbero un numero maggiore di risorse al tavolo della spartizione dei diritti televisivi per le società che frequentano il massimo torneo. Basta con questo senso di irregolarità ormai comune alle cose del calcio nostrano. Negli ultimi 10 anni il pallone è stato macchiato così profondamente nella sua intima essenza di sportività, che proprio non era il caso di dare un'altra mano di irregolarità su quel muro già macchiato e claudicante, dietro il quale restano sbigottiti milioni di appassionati che temono di essere travolti dalle macerie di un sistema che sta crollando. Solo in questo ha ragione Lotito, il calcio italiano rischia il fallimento, soprattutto quello morale. Perché chi guarda le partite comincia a pensare che tra arbitri dotati di sim personali, calciatori dediti alle scommesse per lucrare in proprio e adesso campionati da costruire a tavolino per allargare il bouquet di fruitori tv, il calcio non sia più uno sport trasparente e cristallino da meritare di essere seguito con gli occhi di chi ancora pensa che il pallone sia rotondo. E che appartenga ancora ad una federazione che porta nell'acronimo Figc la parola "giuoco", tale da trasmettere la sensazione che il successo vada sempre a chi è più bravo e non a chi può portare più risorse alla serie A, che lo scudetto possa ancora essere vinto da realtà come Verona e Cagliari. Se, invece, lo spirito è cambiato, sarà sufficiente sostituire in FIGC il sostantivo "giuoco" con un più eloquente "business" e cercarsi altri utenti a cui proporre un prodotto che tutti saprebbero essere manipolato a piacimento. Davvero converrebbe fare tutto questo oppure sarebbe meglio che, come ha chiesto il sottosegretario Delrio, "il calcio venga cambiato profondamente"? Cominciando dagli uomini, perché solo così potranno essere portate nuove idee a sostegno di una realtà sportivo-economica che sta perdendo affiliati e non per colpa delle squadre che non determinano un grande appeal nei confronti dei network a pagamento. Se ne faccia una ragione Lotito e tutti quelli come Lotito: quella della tv è una mammella già munta a sufficienza e tanto di più non può garantire. E comunque non sarebbe sufficiente per stare al passo di campionati come la Premier, la Bundesliga e la Liga, dove le risorse arrivano da altri fronti. In Italia bisogna cominciare a riportare la gente allo stadio e per farlo bisogna costruire impianti di proprietà, per accogliere in maniera degna il fruitore dello spettacolo. Quella dello stadio deve diventare una voce attiva di bilancio, tale da integrare e forse raggiungere quella proveniente dai diritti tv. E poi, i vivai. Il settore giovanile, guarda caso, viene curato molto meglio da quelle piccole società che Lotito vorrebbe tenere confinate in un recinto di retroguardia perché incapaci di produrre reddito attraverso il prodotto tv. E che invece vincono di più, spesso grazie a quei ragazzini da loro reclutati, allevati e poi venduti al miglior offerente. Fino a quando i dirigenti del calcio, FIGC e Leghe, non capiranno che il rilancio deve passare attraverso gli investimenti e non l'accumulo di denaro pay, ci sarà sempre un Lotito che penserà al pallone solo come ad uno strumento per fare e bruciare il danaro degli sportivi-spettatori.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.