HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Caro Lotito, non sono i piccoli club ad allontanare gli sportivi dallo spettacolo-calcio. Ora basta mungere le tv, il calcio deve trovare risorse negli stadi di proprietà e nei settori giovanili

15.02.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 27539 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ma siamo davvero così sicuri che una serie A composta solo da squadre che rappresentino grandi bacini d'utenza, determini di conseguenza un numero maggiore di abbonati per le tv a pagamento? No, se il presupposto a sostegno di tale composizione sia quello ipotizzato da Claudio Lotito: scoraggiare le piccole realtà territoriali nel loro quotidiano sforzo di primeggiare nel torneo cadetto, per favorire (il consigliere federale dovrebbe anche spiegarci come) quelle che porterebbero un numero maggiore di risorse al tavolo della spartizione dei diritti televisivi per le società che frequentano il massimo torneo. Basta con questo senso di irregolarità ormai comune alle cose del calcio nostrano. Negli ultimi 10 anni il pallone è stato macchiato così profondamente nella sua intima essenza di sportività, che proprio non era il caso di dare un'altra mano di irregolarità su quel muro già macchiato e claudicante, dietro il quale restano sbigottiti milioni di appassionati che temono di essere travolti dalle macerie di un sistema che sta crollando. Solo in questo ha ragione Lotito, il calcio italiano rischia il fallimento, soprattutto quello morale. Perché chi guarda le partite comincia a pensare che tra arbitri dotati di sim personali, calciatori dediti alle scommesse per lucrare in proprio e adesso campionati da costruire a tavolino per allargare il bouquet di fruitori tv, il calcio non sia più uno sport trasparente e cristallino da meritare di essere seguito con gli occhi di chi ancora pensa che il pallone sia rotondo. E che appartenga ancora ad una federazione che porta nell'acronimo Figc la parola "giuoco", tale da trasmettere la sensazione che il successo vada sempre a chi è più bravo e non a chi può portare più risorse alla serie A, che lo scudetto possa ancora essere vinto da realtà come Verona e Cagliari. Se, invece, lo spirito è cambiato, sarà sufficiente sostituire in FIGC il sostantivo "giuoco" con un più eloquente "business" e cercarsi altri utenti a cui proporre un prodotto che tutti saprebbero essere manipolato a piacimento. Davvero converrebbe fare tutto questo oppure sarebbe meglio che, come ha chiesto il sottosegretario Delrio, "il calcio venga cambiato profondamente"? Cominciando dagli uomini, perché solo così potranno essere portate nuove idee a sostegno di una realtà sportivo-economica che sta perdendo affiliati e non per colpa delle squadre che non determinano un grande appeal nei confronti dei network a pagamento. Se ne faccia una ragione Lotito e tutti quelli come Lotito: quella della tv è una mammella già munta a sufficienza e tanto di più non può garantire. E comunque non sarebbe sufficiente per stare al passo di campionati come la Premier, la Bundesliga e la Liga, dove le risorse arrivano da altri fronti. In Italia bisogna cominciare a riportare la gente allo stadio e per farlo bisogna costruire impianti di proprietà, per accogliere in maniera degna il fruitore dello spettacolo. Quella dello stadio deve diventare una voce attiva di bilancio, tale da integrare e forse raggiungere quella proveniente dai diritti tv. E poi, i vivai. Il settore giovanile, guarda caso, viene curato molto meglio da quelle piccole società che Lotito vorrebbe tenere confinate in un recinto di retroguardia perché incapaci di produrre reddito attraverso il prodotto tv. E che invece vincono di più, spesso grazie a quei ragazzini da loro reclutati, allevati e poi venduti al miglior offerente. Fino a quando i dirigenti del calcio, FIGC e Leghe, non capiranno che il rilancio deve passare attraverso gli investimenti e non l'accumulo di denaro pay, ci sarà sempre un Lotito che penserà al pallone solo come ad uno strumento per fare e bruciare il danaro degli sportivi-spettatori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.