HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Caro Silvio, un pensiero per te. Capolavoro Juve! Mancini, liberaci dal male... andate in pace

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
08.08.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 69597 volte
© foto di Federico De Luca

Nel mio cuore c'è sempre stato spazio per una sola squadra: l'Avellino. Ma da bambino ti impongono che devi tifare per una grande, altrimenti quando vai al mare ti dicono: per chi tifi? Tu non puoi rispondere solo Avellino. Bene, io ho sempre detto Avellino ma da piccolo ero anche tifoso del Milan. Crescendo e lavorando nel calcio poi ogni fede passa in secondo piano e acquisisci la lucidità del giornalista e il tifoso resta dentro di te nel ricordo da bambino. Avevo 6 anni e mi regalarono il cappello con le treccine di Gullit. Ne avevo dieci e mio padre, con mio zio, mi fecero un regalo: tribuna autorità per vedere la semifinale di Coppa Campioni del Milan contro il Monaco. Vincemmo facile, 3 gol e tutti a casa. Per completare la serata mio padre mi portò a cena all'Assassino, ristorante covo milanista dove trovammo Sacchi e Braida. Mi fecero l'autografo e dopo 20 anni lo feci vedere a Braida che nel frattempo avevo conosciuto per questioni lavorative. Ero piccolo quando il Milan trionfò a Barcellona e oggi Berlusconi lo ricorda come il successo più bello della sua carriera trentennale. Mille ricordi legati al Milan di Berlusconi. Poi la passione rossonera è svanita con il passare degli anni, la ritrovai in una semifinale a Lione (0-0) quarti di Champions e in finale ad Atene contro il Liverpool: ma in quel caso, sarò sincero, più che la passione per il Milan era per l'allora fidanzata malata milanista. Ho apprezzato il Milan nei racconti di Gattuso, l'ho disprezzato per alcune strategie di Galliani e l'ho disprezzato ultimamente per la pessima gestione del finale di un film stupendo. Caro Silvio, ti fa onore lasciare oggi prima che sia troppo tardi. Nella vita tutto finisce. E' come se fossimo in un ospedale: puoi essere Berlusconi o un parcheggiatore abusivo ma lì dentro siamo tutti uguali. Siamo tutti uguali anche quando il tempo passa e, prima o poi, il Signore ci presenta il conto. Il calcio oggi ti presenta il conto e tutti ti riconosciamo che sei stato un eroe. Solo chi fa calcio e lo vive, non da tifoso, sa bene che vincere è sempre difficile. Tu, Presidente, hai vinto tutto e non potevi permetterti un altro anno umiliante e fallimentare. Umiliante la gestione del club, più che i risultati. Avevi perso il controllo e la diatriba Galliani-Barbara ne è stato il peggiore epilogo di come il tempo passa e trascorre male. Tua figlia contro il tuo alleato storico. La politica ha portato via tempo prezioso al calcio, adesso la vecchiaia che incombe e le forze che vengono meno. I cinesi non avranno mai la passione di Berlusconi e Moratti come gli americani non hanno la passione dei Sensi ma a comandare spesso sono, purtroppo, i soldi. C'è una grande differenza e non sta solo nei soldi. I cinesi non hanno neanche le competenze di Berlusconi, più Silvio di Moratti e Sensi. Il calcio è passione e sacrifici. Come quando apri un ristorante. Il proprietario deve essere sempre lì altrimenti camerieri e cuochi fanno il diavolo che vogliono. Tra 20 anni Barbara racconterà ai suoi tre figli quanto è stato grande il nonno nel calcio e mostrerà quelle vhs, Mondiavolo e i Tre tulipani, che oggi io ancora conservo.
Lasciamo da parte il libro dei ricordi e passiamo all'attualità. Un libro di complimenti per la Juventus che, ormai, comanda stabilmente il sistema del calcio italiano. Anche nella furbizia è diventata regina. Marotta sapeva di dover dar via Pogba (e ci mancherebbe) ma prima ha steso un tappeto di acquisti che ha gettato fumo negli occhi ai tifosi. La gestione mediatica, quello che non capisce l'Inter, di questi tempi è fondamentale. La notizia va gestita e non subita. Alla Juventus hanno studiato ogni dettaglio. Ti prendo Pjanic, poi andiamo su Dani Alves, Benatia, il colpo del futuro Pjaca e il regalo ai tifosi Higuain. Così quando cedo Pogba per una vagonata di soldi nessuno può dire nulla. Signori, Marotta ha riscritto il manuale del calciomercato. E a scriverlo è ancora una volta un Dg della Juventus. Queste sono lezioni che a Coverciano non spiegano ma il Direttore 2.0 lavora così. Straordinario. Pogba è stato un capolavoro tecnico e finanziario. Così come il mercato di questa estate ma adesso serve un centrocampista vero ad Allegri. Witsel il mio preferito. La Juventus vincerà ancora lo scudetto soprattutto perché non ci sarà concorrenza; le uniche squadre che in Italia possono contrastare il potere bianconero sono le milanesi, oggettivamente ancora fuori dai radar. Sarà una Juve che vincerà facile il tricolore ma in Europa dovrà ancora assestarsi bene.
L'Inter è un vero disastro. Siamo arrivati ai titoli di coda il giorno 7 agosto sera. Mi faccio una domanda: Pedullà è da un mese e mezzo che ci racconta questa storia di Mancini e l'Inter. Quindi se la racconta lui significa che la rottura c'è da tempo. La mia domanda è da terza elementare con debito in intelligenza: ma bisognava arrivare a due settimane dall'inizio del campionato per compiere questa sceneggiata? Mancini se ne va ma cosa è tornato a fare? Ha fatto peggio di Mazzarri, ha voluto 1256 calciatori e ha fatto spendere un patrimonio alla società. Alla faccia del manager all'inglese. L'Inter ha supportato tutti i suoi capricci e mica se ne andava se i cinesi non gli davano una buonuscita da 2 milioni di euro. Cose dell'altro mondo. Moratti ha chiuso il suo ciclo nerazzurro con un fallimento: aver "imposto" a Thohir il ritorno del Mancio. Mazzarri aveva i tifosi contro, Mancini con i tifosi dalla sua ha fatto peggio. Oggi se ne va e lascia una squadra senza identità e carattere. Infelice e confusa. Non ci sono i tempi per una rivoluzione ma è quel che servirebbe alla società e alla squadra. Un tiro mancino con scoppio ritardato. Ne esce male Ausilio che non ha fatto chiarezza e non ha saputo gestire la diatriba tra proprietà e mister. Ne esce a pezzi il DS e ci farebbe piacere capire il ruolo di Gardini. Dopo il fallimento di Treviso e la retrocessione di Verona qualcuno starà pensando anche male... Per fortuna a Milano non sono superstiziosi come dalle mie parti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.