HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Caro Silvio, un pensiero per te. Capolavoro Juve! Mancini, liberaci dal male... andate in pace

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
08.08.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 69606 volte
© foto di Federico De Luca

Nel mio cuore c'è sempre stato spazio per una sola squadra: l'Avellino. Ma da bambino ti impongono che devi tifare per una grande, altrimenti quando vai al mare ti dicono: per chi tifi? Tu non puoi rispondere solo Avellino. Bene, io ho sempre detto Avellino ma da piccolo ero anche tifoso del Milan. Crescendo e lavorando nel calcio poi ogni fede passa in secondo piano e acquisisci la lucidità del giornalista e il tifoso resta dentro di te nel ricordo da bambino. Avevo 6 anni e mi regalarono il cappello con le treccine di Gullit. Ne avevo dieci e mio padre, con mio zio, mi fecero un regalo: tribuna autorità per vedere la semifinale di Coppa Campioni del Milan contro il Monaco. Vincemmo facile, 3 gol e tutti a casa. Per completare la serata mio padre mi portò a cena all'Assassino, ristorante covo milanista dove trovammo Sacchi e Braida. Mi fecero l'autografo e dopo 20 anni lo feci vedere a Braida che nel frattempo avevo conosciuto per questioni lavorative. Ero piccolo quando il Milan trionfò a Barcellona e oggi Berlusconi lo ricorda come il successo più bello della sua carriera trentennale. Mille ricordi legati al Milan di Berlusconi. Poi la passione rossonera è svanita con il passare degli anni, la ritrovai in una semifinale a Lione (0-0) quarti di Champions e in finale ad Atene contro il Liverpool: ma in quel caso, sarò sincero, più che la passione per il Milan era per l'allora fidanzata malata milanista. Ho apprezzato il Milan nei racconti di Gattuso, l'ho disprezzato per alcune strategie di Galliani e l'ho disprezzato ultimamente per la pessima gestione del finale di un film stupendo. Caro Silvio, ti fa onore lasciare oggi prima che sia troppo tardi. Nella vita tutto finisce. E' come se fossimo in un ospedale: puoi essere Berlusconi o un parcheggiatore abusivo ma lì dentro siamo tutti uguali. Siamo tutti uguali anche quando il tempo passa e, prima o poi, il Signore ci presenta il conto. Il calcio oggi ti presenta il conto e tutti ti riconosciamo che sei stato un eroe. Solo chi fa calcio e lo vive, non da tifoso, sa bene che vincere è sempre difficile. Tu, Presidente, hai vinto tutto e non potevi permetterti un altro anno umiliante e fallimentare. Umiliante la gestione del club, più che i risultati. Avevi perso il controllo e la diatriba Galliani-Barbara ne è stato il peggiore epilogo di come il tempo passa e trascorre male. Tua figlia contro il tuo alleato storico. La politica ha portato via tempo prezioso al calcio, adesso la vecchiaia che incombe e le forze che vengono meno. I cinesi non avranno mai la passione di Berlusconi e Moratti come gli americani non hanno la passione dei Sensi ma a comandare spesso sono, purtroppo, i soldi. C'è una grande differenza e non sta solo nei soldi. I cinesi non hanno neanche le competenze di Berlusconi, più Silvio di Moratti e Sensi. Il calcio è passione e sacrifici. Come quando apri un ristorante. Il proprietario deve essere sempre lì altrimenti camerieri e cuochi fanno il diavolo che vogliono. Tra 20 anni Barbara racconterà ai suoi tre figli quanto è stato grande il nonno nel calcio e mostrerà quelle vhs, Mondiavolo e i Tre tulipani, che oggi io ancora conservo.
Lasciamo da parte il libro dei ricordi e passiamo all'attualità. Un libro di complimenti per la Juventus che, ormai, comanda stabilmente il sistema del calcio italiano. Anche nella furbizia è diventata regina. Marotta sapeva di dover dar via Pogba (e ci mancherebbe) ma prima ha steso un tappeto di acquisti che ha gettato fumo negli occhi ai tifosi. La gestione mediatica, quello che non capisce l'Inter, di questi tempi è fondamentale. La notizia va gestita e non subita. Alla Juventus hanno studiato ogni dettaglio. Ti prendo Pjanic, poi andiamo su Dani Alves, Benatia, il colpo del futuro Pjaca e il regalo ai tifosi Higuain. Così quando cedo Pogba per una vagonata di soldi nessuno può dire nulla. Signori, Marotta ha riscritto il manuale del calciomercato. E a scriverlo è ancora una volta un Dg della Juventus. Queste sono lezioni che a Coverciano non spiegano ma il Direttore 2.0 lavora così. Straordinario. Pogba è stato un capolavoro tecnico e finanziario. Così come il mercato di questa estate ma adesso serve un centrocampista vero ad Allegri. Witsel il mio preferito. La Juventus vincerà ancora lo scudetto soprattutto perché non ci sarà concorrenza; le uniche squadre che in Italia possono contrastare il potere bianconero sono le milanesi, oggettivamente ancora fuori dai radar. Sarà una Juve che vincerà facile il tricolore ma in Europa dovrà ancora assestarsi bene.
L'Inter è un vero disastro. Siamo arrivati ai titoli di coda il giorno 7 agosto sera. Mi faccio una domanda: Pedullà è da un mese e mezzo che ci racconta questa storia di Mancini e l'Inter. Quindi se la racconta lui significa che la rottura c'è da tempo. La mia domanda è da terza elementare con debito in intelligenza: ma bisognava arrivare a due settimane dall'inizio del campionato per compiere questa sceneggiata? Mancini se ne va ma cosa è tornato a fare? Ha fatto peggio di Mazzarri, ha voluto 1256 calciatori e ha fatto spendere un patrimonio alla società. Alla faccia del manager all'inglese. L'Inter ha supportato tutti i suoi capricci e mica se ne andava se i cinesi non gli davano una buonuscita da 2 milioni di euro. Cose dell'altro mondo. Moratti ha chiuso il suo ciclo nerazzurro con un fallimento: aver "imposto" a Thohir il ritorno del Mancio. Mazzarri aveva i tifosi contro, Mancini con i tifosi dalla sua ha fatto peggio. Oggi se ne va e lascia una squadra senza identità e carattere. Infelice e confusa. Non ci sono i tempi per una rivoluzione ma è quel che servirebbe alla società e alla squadra. Un tiro mancino con scoppio ritardato. Ne esce male Ausilio che non ha fatto chiarezza e non ha saputo gestire la diatriba tra proprietà e mister. Ne esce a pezzi il DS e ci farebbe piacere capire il ruolo di Gardini. Dopo il fallimento di Treviso e la retrocessione di Verona qualcuno starà pensando anche male... Per fortuna a Milano non sono superstiziosi come dalle mie parti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.