HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Caro Thohir, non hai sbagliato a vendere ma ad acquistare. Milan, futuro nero. Juve, dopo Alves tieni Morata. De Rossi, papà di Roma...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.06.2016 16.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 87305 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' già finita l'avventura di Erick Thohir alla guida dell'Inter. L'unico magnate con pochi soldi lo abbiamo attirato noi. A Roma spendono, giustamente, quel che si possono permettere, mentre all'Inter l'indonesiano con il braccino corto si è già rotto. Ma diciamocela tutta: Thohir non sta sbagliando a vendere e a restare con il 31% delle quote del club ma ha sbagliato ad acquistare. I tifosi che oggi se la prendono con Thohir sbagliano perché qui c'è solo un colpevole e si chiama Massimo Moratti. Il maxi debito all'Inter l'ha fatto lui, Mancini l'ha consigliato lui, ha venduto e ha voluto continuare a mettere il becco e se Thohir non è quello che tutti si aspettavano la colpa è sempre di Moratti che lo ha trascinato nel calcio italiano come via di fuga dal disastro generale. E' un'Inter, però, che oggi guarda al futuro con grande ottimismo. Su una cosa Moratti ha ragione: bisogna affidare le chiavi del club agli italiani. Fare calcio in Italia non è semplice e fare paragoni con gli altri Paesi non ha senso. Qui è un jungla. Fare calcio in Italia è per pochi. Devi far parte di certi giri, devi conoscere da anni i procuratori che ti portano i calciatori giusti solo se poi torna qualcosa di importante nelle loro tasche e via dicendo. Se un noto procuratore ha la villa più bella di Ibiza un motivo ci sarà. I geni sono i procuratori che con il calcio i soldi li fanno e non ce li mettono. Senza ansie da prestazione e la loro vita non è condizionata da una palla che finisce in rete o sul palo. Certo, di questi, ce n'è una ventina, gli altri procuratori vivacchiano o non esistono. Thohir fa bene a vendere. Il futuro dell'Inter, con lui, sarebbe sempre in mano alle banche e il debito non diminuirebbe ma aumenterebbe, come le pressioni di Moratti, il quale oggi scarica l'indonesiano ma due anni fa lo accolse come il salvatore della Patria. Perché Moratti non dice: "ho sbagliato io a cedere a Thohir e ho sbagliato io a proporre Mancini per il dopo Mazzarri"? Mancini, tra il suo stipendio e l'acquisto di calciatori importanti, ha fatto aumentare il debito e non ha migliorato l'andamento della squadra.
Se l'Inter è ad una svolta, il Milan è al punto di partenza. Registriamo le solite frasi di Berlusconi, ma qualcuno dovrà mettere, prima o poi, mano alla squadra. Brocchi pensa al prossimo anno e sarebbe giusto ripartire da lui. Sperando di non vederlo tra due anni in serie C come qualche suo sfortunato predecessore. Il Milan ha un futuro sempre più nero, come il cielo di Milano ieri. Bacca ha deciso di partire e per fare mercato non c'è un euro. Anche se il condor dovesse inventarsi qualcosa di clamoroso c'è poco da essere ottimisti.
La Juventus parte con il botto. Anche se non più 24enne, Dani Alves è un top player. Venerdì scorso, su Sportitalia, ha rilasciato dichiarazioni importanti anche se ha specificato che non ha ancora firmato e dovrebbe andare a Torino verso fine mese. Rinforzare la difesa è importante, ma attenzione anche al centrocampo, dove qualcosa manca, e in attacco la vera priorità sarebbe confermare Morata. Situazione non semplice con il Real Madrid. L'attaccante spagnolo dovrebbe intervenire per far capire la sua volontà ma ci mettiamo nei suoi panni e capiamo benissimo che comunque vada casca in piedi. La Juventus avrà la fortuna, per i prossimi 5 anni, di dover rinforzare la rosa sempre e solo con 2-3 calciatori importanti mentre gli altri sono costretti ogni anno a fare una mini rivoluzione. E' la dimostrazione che in Italia sarà davvero difficile interrompere il dominio bianconero. Cosa triste per tutti gli appassionati di calcio perché ormai il campionato perde di appeal.
E' stato, invece, uno spettacolo il campionato Primavera: l'Inter che vince ai rigori i quarti con il Palermo, la Roma che vince ai rigori la semifinale con l'Inter e la Roma che trionfa ai rigori nella finalissima con la Juventus. Equilibrio pazzesco. Il campionato Primavera, come la Coppa Italia, regala grandi emozioni e soprattutto giovani promesse che da un anno all'altro sono pronte per la serie A. De Rossi è l'emblema di come si lavora con i giovani. Allenatore preparato e scaltro, vincente e competente. La Roma ha un pregio: ha capito che il settore giovanile è importante. L'errore clamoroso l'ha commesso il Milan spostando Brocchi in prima squadra mentre la Primavera otteneva grandi risultati. Alla fine quella mossa ha ammazzato anche i giovani che sono stati eliminati nel play off e non hanno potuto disputare una final eight che avrebbero meritato. E' stato l'anno della Juventus che sta tornando grande anche con il settore giovanile. Il trionfo del Viareggio, una finale persa con l'Inter in Coppa Italia e la finalissima scudetto persa con la Roma ai rigori. Grosso sta lavorando benissimo. Il prossimo anno si ripartirà con grande entusiasmo ma quest'anno abbiamo avuto la possibilità di ammirare calciatori già pronti. Qualche consiglio: Adjapong (Sassuolo), De Santis e Felicioli (Milan), Baldini (Inter), Lirola (Juventus), Lo Faso (Palermo) e Ponce (Roma). Ce ne sarebbero tanti altri. Ma tempo e righe sono finiti.
Buona settimana.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.