HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Caro Totti, smetti con l'onore di oggi. Milan, Pavoletti è l'uomo giusto. Crotone e Cagliari onorino la B. Abodi, questa volta sono con te. Ma non fermarti!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.04.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 31653 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Francesco Totti non è il calcio. Totti è poesia. Totti è l'uomo che fa innamorare i bambini di una palla a scacchi. Quando gli altri giocano, lui inventa. Quando gli altri segnano, lui decide. Totti, però, è un umano come noi. Mangia, beve e cammina. Ha due gambe, due piedi (ma che piedi) e due occhi. Una testa per pensare. Ha una carta di identità che oggi è il nemico principale. Alla fine Spalletti ha ragione da vendere e non saranno certo due gol in due minuti o tre gol in pochi attimi in due gare a farci cambiare idea. Spalletti ha ragione ma sbaglia a straparlare dopo una partita. Totti ha ragione perché sente di avere ancora benzina ma soprattutto voglia. Questo gli fa onore. Eppure Totti dovrebbe fare un passo indietro. Dovrebbe capire che per 10 minuti può ancora essere decisivo, anche venti, ma per 90 non può e non deve essere una zavorra per il suo allenatore che deve pensare a costruire la Roma del futuro e ha bisogno di tutti al 101%. La gestione del caso Totti è la vera nota dolente di queste settimane/mesi. Pallotta, come noi, non vive la quotidianità di Roma. Non capisce cosa prova un ragazzino quando segna Totti. Prende il cellulare e piange. Totti è poesia. Pallotta è un imprenditore e si dovrebbe assumere le responsabilità di chi comanda. Senza mandare avanti un allenatore o un direttore sportivo; faccia una conferenza stampa e dica cosa vorrà farne di Totti. Che sia il calciatore, il dirigente o se non lo vorrà proprio più vedere come la Juventus ha fatto con Del Piero. Molte cose noi non le sappiamo. Se la Juve ha mandato in Australia Del Piero un motivo ci sarà. E ci fidiamo di Agnelli e Marotta. I calciatori da calciatori hanno il coltello dalla parte del manico ma se il coltello non lo sai usare rischi di farti male. Il tempo è infame, a volte galantuomo; pensa te. Tutto finisce, prima o poi. Totti ha la grandissima possibilità di chiudere la sua storia di Roma da fenomeno e non da calciatore che si trascina sul campo. I gol al Torino servono soprattutto a questo, ma tirare un altro anno non avrebbe senso. Così come non ha un senso vestire altre maglie. Che siano italiane, americane o australiane.
-Milano, futuro incerto-
Adriano Galliani sta decidendo cosa fare del futuro del Milan, come Berlusconi dovrà capire una volta per tutte se cedere o andare avanti. Parlando di mercato a piccole dosi, ci pare strano che sull'asse Galliani-Preziosi siano stati fatti mille affarri, alcuni buoni alcuni pessimi, e il Milan ancora non abbia opzionato Pavoletti: attaccante di grande qualità e spessore, pronto per una big, anche se la big è ferita nell'anima. Pavoletti è la grande sconfitta del Sassuolo. Una sconfitta tra mille conquiste. Pavoletti ha tutto per vestire la maglia del Milan, ragazzo serio ed attaccante esemplare. Da lui potrebbe e dovrebbe ripartire l'Ital-Milan.
Complimenti al Cagliari e al Crotone che tornano, con stramerito, in serie A. Per il Crotone è una novità assoluta. Il Crotone è la vera vincitrice del campionato; a prescindere dal primo o secondo posto finale. Chi vivrà vedrà. Il Crotone era partita per salvarsi e ha dominato. Non ha mai avuto un momento di calo, nonostante in B sia scontato e fisiologico. Un allenatore, come Juric, arrivato dal Mantova in C e con tanti giovanotti hanno trovato il mix perfetto. Ursino ha fatto un capolavoro e i Vrenna si meritano questa gioia. Il Cagliari, dicono gli esperti, doveva per forza andare in serie A. Fesseria. Il Bologna, lo scorso anno, ha conquistato la promozione ai play off non meritando di vincere né con l'Avellino né con il Pescara. Il Catania doveva ammazzare tutto e tutti e si è ammazzato da solo, con le mani di Cosentino e Pulvirenti. Il Cagliari è sempre stato tra il primo e il secondo posto, ha avuto un calo finale e non ha giocato benissimo ma ci può stare. Rastelli ha grandi meriti, come Giulini e Capozzucca. Ha funzionato tutto. Chi fa lo snob non conosce la B. Piuttosto Cagliari e Crotone adesso dovranno dimostrare altre qualità, oltre quelle tecniche: le qualità morali. Il Crotone a Cesena contro l'amico Drago ha passeggiato, adesso che le due squadre festeggeranno la serie A in netto anticipo devono onorare un campionato stupendo e straordinario per la lotta ai play off e ai play out. E' un obbligo morale. Gli sconti di fine anno non sono leciti ma soprattutto sarebbero ingiusti nei confronti di tutte le altre società.
In Lega di serie B appoggiamo la battaglia di Andrea Abodi. Anzi lo invitiamo a non fermarsi. Il paracadute che la serie A concede a chi retrocede in B è sproporzionato. Diventa troppo facile tornare in A. Fa bene Abodi che a quel punto si ribella e non distribuirà altri soldi alle retrocesse. Anzi, quei soldi vanno divisi tra quelle che salgono dalla Lega Pro e quelle che hanno fatto la B l'anno prima. Con la teoria siamo tutti d'accordo, Abodi attui in pratica le sue idee. Questa volta sono giuste e sagge.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.