HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Caso Totti: Spalletti ha fatto da allenatore, Ds e Presidente. Napoli, ora o mai più. Samp, Osti più colpevole di Ferrero. Vi racconto quella telefonata con Preziosi...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
22.02.2016 13.52 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 46740 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Se scrivi che ha ragione Totti devi iniziare a dire frasi di circostanza... "Il capitano nun se tocca!", "Le bandiere sò bandiere", "ahò ma Spalletti chi se credè d'essere?". Scusate il romanesco uscito male ma mastico poco la lingua. Prendiamo una posizione ed è quella che cerchiamo di spiegare da due anni. Non ci siamo mai riusciti e siamo certi che non ci riusciremo neanche oggi. Totti è la Roma, Totti è la vita giallorossa, Totti è l'orgoglio di questa città, Totti ha rifiutato il Real Madrid per la sua squadra e Totti è colui che ha pagato di tasca sua gli stipendi ai dipendenti quando il grano nella famiglia Sensi, per colpa della Roma, stava per finire. Lo sappiamo! Sappiamo che Totti è stato il Dio del calcio italiano e sappiamo che a Roma Totti è più amato del Papa. Messo da parte tutto questo, e non è facile, vi chiediamo di seguirci con lucidità in questa analisi. Luciano Spalletti merita 12 minuti di applausi perché ha dimostrato di essere un allenatore con gli attributi e perché, prima di risolvere tutti i mali della Roma, sta provando a risolvere il problema più grande. Non definiremmo mai Totti un male ma un problema sì, quello dovete consentircelo. Totti sta facendo il male della Roma, da diversi anni. Per troppo amore. Sì, perché si può far male involontariamente ad una persona o una squadra anche per troppo amore. Francesco sogna di vincere un altro scudetto con la Magica, sogna di essere ancora protagonista e non vuole digerire una triste verità: il tempo passa per tutti. Un giorno Ilary avrà i capelli bianchi, un giorno Totti Jr sognerà di correre sotto la Sud e di farsi un selfie come papà Francesco e un giorno il grande Capitano dovrà ammettere che la sua epoca, immensa e unica, è finita. Quel giorno, Capitano, è arrivato. Per dirla tutta era già arrivato un annetto e mezzo fa. Gli infortuni, la squadra che corre e tu cammini, i ragazzini che ti affrontano che vanno a mille all'ora e invece tu devi fare conto solo (solo si fa per dire) sulle tua qualità che Dio ti ha donato. Francesco immenso e illustre, a volte le dimostrazioni di amore possono essere molteplici. Puoi amare anche dicendo addio. Dimostra di amare più la Roma di te stesso e non andare contro la natura. Il tempo, a volte, è galantuomo altre volte è infame. Spalletti avrà sbagliato nei modi ma sicuramente se si è comportato così è perché in Totti non ha trovato le porte aperte per un dialogo sul suo ruolo, che dovrebbe essere dirigenziale, mentre Francesco crede di poter essere ancora utile in campo. Garcia non si è mai permesso perché giustamente un francese non può andare dal re di Roma e dirgli "guarda che il Colosseo si trova a Parigi". Spalletti ha ridato un metodo negli allenamenti che Garcia ignorava e soprattutto Spalletti sta facendo a Roma l'allenatore, il preparatore atletico, il Direttore Sportivo e il Presidente. Perché di questo ha bisogno la Roma e se oggi i tifosi non lo apprezzano è come un genitore che viene guardato storto dal figlio ma quel figlio, tra qualche anno, capirà che lo ha fatto solo per il suo bene. Come sempre ne esce a pezzi la società. Sabatini dovrebbe fare da filtro, invece, Walter l'unico filtro che conosce è quello della sua sigaretta. Quando a Trigoria Spalletti ha sbattuto il cancello in faccia a Totti, in America Pallotta stava dormendo perché erano le 6.30 di una domenica mattina. Per questo e per altri mille motivi, un Presidente non può vivere dall'altra parte del mondo e per questo e per altri mille motivi il Direttore non può essere un talent scout ma un Direttore gestore anche dello spogliatoio. Inoltre dove è mancata la società? Nella gestione. Con questi chiari di luna puoi mai consentire a Totti di rilasciare un'intervista al Tg1? Cosa avrebbe mai potuto dire alla Scarnati?
Se a Roma manca la società a Napoli è ben presente. De Laurentiis e Giuntoli credono fortemente nello scudetto e oggi per Napoli è giorno di meditazione. La gara di questa sera con il Milan sarà fondamentale per mille motivi. Il Napoli deve sfruttare il regalo ricevuto dall'ex Donadoni e, se piazzasse oggi la freccia del controsorpasso, darebbe un segnale fortissimo alla Juventus. Di mezzo, certo, ci sono ancora tante giornate e le coppe europee ma quella di stasera al San Paolo rischia di diventare una tappa decisiva. Il Napoli non è morto ma solo ferito.
A Genova, la Sampdoria sta andando a rotoli e da Dubai Zenga starà godendo come un criceto. Ferrero al primo anno faceva ridere e risultava simpatico. Al secondo anno non fa più ridere ma, peggio ancora, rischia di far piangere... i tifosi della Samp. Se si salverà sarà solo per manifesta inferiorità degli altri; altrimenti saranno guai seri. C'è, però, un personaggio più colpevole di Ferrero. E' il Direttore Carlo Osti. Ferrero fa lo scemo per non andare in guerra ma sfrutta economicamente alla grande il compito che gli è stato assegnato. Conosce i pericoli ma non è un caso che il nuovo "Presidente" della Sampdoria Garrone l'abbia trovato lontano da Genova. Osti, invece, è un Direttore yes man che pur di lavorare avalla sempre il suo padrone. In giro, nell'ambiente, lo definiscono il "finto prete". Non sappiamo se è un'offesa per Osti o per i finti preti. Osti è reduce dai disastri di Treviso e Lecce, squadre scomparse o finite in categorie inferiori. La Sampdoria era un punto di arrivo, per lui, ma le sue carte se le sta giocando malissimo. Siccome è giovane deve pensare anche al suo futuro e i suoi santi in Paradiso non se la stanno passando bene e non può pensare neanche di trovare subito squadra come Pietro Leonardi, da Parma a Latina, perché non ha il pelo sullo stomaco di Leonardi. Vi racconto un aneddoto e vi spiego perché preferisco, si fa per dire, Preziosi a Ferrero. Preziosi non ha gradito, e ci credo, i nostri attacchi su Sportitalia e su Tuttomercatoweb e sabato 6 febbraio mi telefona da un numero svizzero, un n +41. Credevo fosse qualche procuratore, invece, si presenta ed è Preziosi... 15 minuti di insulti, dove il più leggero recitava: "Vengo lì e ti rompo il c...". Immaginate Preziosi infuriato. Uno spasso. Capirete che non mi sono tenuto le offese. Il Presidente insultava e io replicavo. 15 minuti di spettacolo puro. Gli altri 3 minuti ci siamo chiariti. Vi dico perché preferisco Preziosi a Ferrero. Il Presidente del Genoa i problemi li affronta, ti bestemmia dietro ma tu puoi rispondere. Uno spasso. Poi ti chiarisci anche, se ti va. Ferrero, invece, siccome non ha argomenti, scappa. Non ti risponde alle ingiurie e crede di risolvere il problema vietando un'intervista ai giovani della Primavera prima del derby della Lanterna, gara trasmessa in esclusiva da Sportitalia. Il Genoa ti apre le porte, la Samp ti risponde che la tv non è gradita. Un po' come il famoso marito che per fare il dispetto alla moglie... vabbè la storia la sapete. La Sampdoria è in queste mani. Fate voi. Io voto Preziosi e i suoi scleri, da uomo inalberato ma da uomo. Ferrero, lo lascio giudicare a voi. O meglio al tribunale, in attesa di giudizio per la querela che ho ricevuto un mesetto fa. Speriamo solo non si presenti davanti al giudice con la bandana in testa.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.