HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Cassano: il Milan ti salva la vita e tu te ne freghi. Conte: alla Juve vinte solo le coppe di un giorno. Granata: Cerci, si riapre la ferita Lentini

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
15.03.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38554 volte

Il momento particolare e delicato in casa rossonera non lo nasconde nessuno, tanto meno a Milan Channel dove non c'è stato mai bisogno di nessun salvatore della Patria e dove qualsiasi tentativo di esibire l'aureola tradisce un peccatuccio non grave, ma solare: il millantato. A Madrid il Milan ha perso la partita ed è uscito dalla Champions League. Male, molto male. Ma la fede calcistica non si nutre solo di risultati. C'è qualcosa di molto più importante. Un qualcosa che è stato calpestato da Antonio Cassano. Ragazzo che ho sempre trovato simpatico e che, a proposito, nei confronti di Milan Channel, è sempre stato squisito. Ma il chi se ne frega del Milan spiattellato durante la settimana è qualcosa di brutto e grave. Parlerà Antonio solo di Inter, della quale è sempre stato tifoso, Parma e Sampdoria? Bene, la Roma ringrazia. La famiglia Sensi, oggi molto meno ricca di un tempo, aveva investito 60 miliardi di vecchie lire su di lui nell'estate 2001. Ringrazia il Real Madrid. La squadra blanca nell'autunno 2011 aveva indossato la maglietta Forza Cassano prima della partita al Bernabeu contro l'Osasuna, mentre Antonio era al Policlinico dopo il problema al cuore. E ringrazia il Milan. Ringrazia il milanista Rodolfo Tavana che ha salvato la vita a Cassano, ringrazia tutta la Società con tutti i suoi dipendenti che con parole e soprattutto gesti gli sono stati vicini durante la degenza. Tifoso dell'Inter? Niente di male, ma Antonio dimentica che lo hanno sopportato per la metà del tempo rispetto al Milan. Il quale Milan oggi è felicissimo di averlo scambiato con il serio, puntuale, determinato, credibile, affidabile Giampaolo Pazzini. Che è ancora al Milan. Mentre Antonio è stato riscambiato dalla sua Inter con Belfodil che oggi è, con tutto il rispetto sia ben chiaro, a Catania. Insomma c'è chi millanta e chi, peggio, molto peggio, sbrodola e offende. Dice Antonio. "Chi se ne frega di una società che vende Thiago Silva, Ibra, me e Nesta...". Prenda atto che nessuno si è divertito a cedere Ibra e Thiago e chi lo ha fatto aveva il timore di non riuscire a tenere in piedi i conti economici del Club. Si ricordi che lui non è stato venduto, ma scambiato, con Pazzini, grazie al quale il Milan ha giocato quella Champions League che lui, Antonio, non ha più giocato dopo aver lasciato il Milan. E capisca, già che ci siamo, che Nesta non è stato venduto. Sandro, irraggiungibile nella sua lucidità, ha deciso lui, nonostante le preghiere della Società, di smettere con il calcio italiano e di andare in Canada. Antonio, con affetto, se quando stai per dirla, ti accorgi che, contrariamente a quello che ti accade in campo dove sei molto bravo, alle tue parole mancano i fondamentali, ma lascia stare. Lascia perdere. Capitolo chiuso. Tocca adesso a San Siro non dare proprio all'interista Cassano la soddisfazione di vedere i milanisti infierire sul Milan.

Antonio Conte da quando è alla Juventus ha vinto 3 Campionati, perché quello in corso, ed è proprio questo il punto, l'ha già vinto. Ma non ha mai vinto Coppe più lunghe della partita di un giorno. Bene contro il Napoli a Pechino e lo scorso Agosto all'Olimpico contro la Lazio. Due Supercoppe, partite di un giorno. Ma coppe più lunghe non ne ha ancora vinte in bianconero. Una finale, una semifinale e un quarto di finale in Coppa Italia. Un quarto di finale e una fase a gironi in Champions League. Il rischio eliminazione adesso negli Ottavi di Europa League. Significa qualcosa? Sì, no, forse. Nel calcio ci sta tutto. Ma si coglie che i tifosi juventini, legatissimi a Conte, e sensibili alle sue sollecitazioni al punto di smetterla nel dare addosso a Giovinco, sono ancora in luna di miele con lui il sabato e la domenica. Per il Campionato, Antonio è un semidio. Ma appena si gioca in altri giorni, ad esempio il giovedì, ecco che al gol di Gomez sbottano: nelle Coppe sbaglia sempre, ma perché quella formazione, quel turn over non necessario visto che in Campionato è ormai tutto fatto etc...Conte ribatterà, legittimamente, che è solo lui a conoscere la condizione dei suoi giocatori e che nel suo rispetto per la squadra non ci sono prime e seconde linee. Saranno cose ragionevoli per gli addetti ai lavori, ma non per i tifosi che al gol di Gomez gli hanno messo in conto anche la formazione di Roma in Coppa Italia. Peccato, perché l'etichetta si sta attaccando sulle spalle di Conte anche se il tecnico bianconero non la merita. La sua Juventus è ancora favorita per il ritorno a Firenze, ma quell'etichetta, sia pur immeritata, è molto pericolosa.

Il tifoso del Toro merita la solidarietà di tutto il globo terracqueo. Sempre. Anche chi ne ha passate tantissime, ne ha passate molte meno dei tifosi granata. C'è un limite però. Ripassarle. Si legge infatti Alessio Cerci ma rischia di venire pronunciato in altro modo: Gigi Lentini. Stesse folate, stesso talento. Stessa irresistibilità. E come nel 1992 l'idolo della Maratona lambisce il bianconero. Come Ogbonna. Ma il difensore centrale è un'altra cosa. Il cuore granata lo aveva sostenuto, ma con moderazione. Nei cromosomi di Cerci si era, si è, invece riconosciuto di più. In quell'estate i tifosi del Toro scesero in piazza per opporsi al trasferimento, 22 anni fa, dell'ala di Carmagnola. Saranno disponibili a farlo anche quest'estate? Temiamo di no. Il calcio è cambiato. Un tempo era possibile, anche se il mancato scambio Guarin-Vucinic sembrerebbe dimostrare il contrario, incidere su queste cose. Oggi il mercato è più chiuso, subdolo e inesorabile. Il tifoso del Toro, che ne ha passate tante, oggi ha quasi paura ad innamorarsi. E forse per questo non salirà sulle barricate. Ma Cerci alla Juventus è un altro colpo, duro e forte.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.