HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Cerci: al Milan vuole smentire Cairo. Juve: non solo Sneijder, anche Pastore, Vazquez e Mata. Portieri: Scuffet da Udine a Torino, Handa in uscita, Bardi inquieto. Destro: anche qui un giro un po' largo. Inter: Shaqiri e Podolski al posto di Osvaldo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
10.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 50271 volte

Nei giorni della trattativa di ingegneria specializzata per l'arrivo di Alessio Cerci a zero (giocatore in vendita a 15 milioni quattro mesi prima), Filippo Inzaghi ha temuto solo per un attimo. Quando, per parlare "da presidente a presidente", Silvio Berlusconi ha chiamato Urbano Cairo. Perché in quella telefonata ad alto livello, il presidente Cairo ha tranquillizzato il presidente Berlusconi sulle doti tecniche di Alessio, ma si è soffermato per un istante anche su alcune questioni caratteriali. Superate le ultimissime remore con altre telefonate e altri contatti, ecco Cerci prima a Milanello, poi in campo e quindi a Casa Milan. E non a caso il messaggio subliminale di Cerci è stato molto chiaro: sorrisi, disponibilità, umiltà. Con i dirigenti, con i compagni di squadra, con i tifosi. E' da qui che si parte. Cerci c'è, grazie al Chelsea che ha trasformato, sul piano formale e non economico, lo status di Torres da giocatore ceduto in prestito a giocatore ceduto a titolo definitivo, e senza clausole immaginifiche datate giugno 2015. Anzi, la speranziella del Milan è di arrivare come minimo al giugno 2016 e con un occhio rivolto all'Atletico già al giugno 2017...

Trattativa ambiziosa quella bianconera per Sneijder. Non è spedita, ma è in piedi. Un passo avanti e uno indietro. La trattativa c'è ma non decolla definitivamente. E Wes non può giocare la Champions League. Allegri però lo vuole perché ha bisogno di aggiungere gol a quelli di Tevez. Segna solo Carlitos. Llorente è in preoccupante involuzione, Vidal c'è e non c'è, Morata sta sbocciando solo adesso. E se Sneijder fosse solo una copertura lasciata a mollo senza l'accelerazione definitiva, per consentire al direttore Marotta per lavorare su altre operazioni? Al PSG c'è Pastore sempre pronto, sempre in attesa e stimatissimo in media dai tecnici italiani. Al Manchester United, Mata non è titolare. E nel Palermo c'è quel Franco Vazquez che il Club siciliano sta blindando proprio per poterlo poi trattare al meglio su fronti importanti di mercato.

Tra Udinese e Juventus se non è asse poco ci manca. Asamoah, Isla, Pereyra e ancor prima Iaquinta e altri. Ecco perché Scuffet sembra il prospetto giusto per occupare quel posto, fra i pali juventini, che è stato di Zoff e che è, pro tempore, di Buffon. Anche perché sul fronte dei portieri, il mondo gira veloce. L'Inter ad esempio, che come tutti i Club alle prese con i grossi problemi economici dei bilanci in passivo degli anni scorsi, è cosciente del fatto che la coperta sarà sempre corta. Ma ha deciso la trazione anteriore. E i soldi che ci sono per Kovacic, per Podolski e per Shaqiri difficilmente ci saranno per Handanovic. La cessione del portiere sloveno e il risparmio sull'ingaggio attuale e su quello del prolungamento potrebbero coprire le spese del coraggioso mercato invernale interista. Anche perché un talento come Francesco Bardi è in uscita da Verona, vuol giocare e vuole continuare a crescere...

Mattia Destro. Quest'estate lo cercava il Chelsea. Ma lui attendeva, come Cerci, notizie dalla Milano rossonera. Che poi non sono arrivate, nonostante il contatto a Forte dei Marmi fra Adriano Galliani e Walter Sabatini. Oggi la situazione non è cambiata. Il pollice di Mattia e del suo Staff verso il Milan è bello alto. E come per Cerci potrebbe accadere a Gennaio quello che non è accaduto a fine Agosto. Non è semplice, non è scontato, c'è di mezzo un Garcia attento e intenso. Ma la vicenda è in evoluzione. Molti tifosi del Milan ricordano, ad esempio, con quanta grinta, una grinta "pazziniana", sia entrato Destro in campo nei minuti finali di Roma-Milan. E' quello lo spirito giusto, lo spirito che deve sempre avere il Milan di quest'anno.

Il Milan era in un momento bellissimo: Napoli, Roma, Cerci e Real Madrid, Poi l'Inter ha piazzato il suo: Podolski, Juventus e Shaqiri. Le cose cambiano in un attimo nel calcio. E possono ricambiare a stretto giro. Le due milanesi si marcano stretto. Sono come quei velocisti che stanno vicini in gruppo per creare la scia giusta e poi contendersi lo striscione d'arrivo a scapito degli avversari. Anche i prossimi passi sono analoghi: per il Milan il Torino in Campionato e il sogno di Destro, per l'Inter il Genoa in Campionato e l'ipotesi, già riferita in tempi non sospetti in questo spazio, di Lucas Leiva. Fate il vostro gioco, il futuro è aperto e il destino sta facendo le sue scelte. Come sempre, sorprendenti e insospettabili.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan: le lancette indietro di un giorno. e attenzione alle nuvole nere. Roma: Strootman, calendario decisivo. L'Inter di Kia non trova continuità 10.12 - Per ore intere, giorni e settimane si è parlato del 13 Dicembre. Una volta arrivati in prossimità della data fatidica, abbiamo dovuto un po' tutti cambiare giorno. Una sorta di ora legale moltiplicata per 24. Solitamente si mettono le lancette indietro di un'ora. Questa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.