HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Che nostalgia dell'estate del 1980, quella degli stranieri... domanda: ma perché nessuno va in galera in Italia?

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
04.03.2015 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 25278 volte
© foto di Federico De Luca

Gli anni passano, inesorabili. Il calcio è sempre al centro delle mi attenzioni anche se, lo ammetto, l'entusiasmo del passato è meno straripante. Nessun doppio fine a sfondo razzista ma mi piange il cuore nel vedere così tanti stranieri nel cacio italiano di oggi. Vero, ultimamente qualche segnale incoraggiante c'è stato, ma lo straniero è ancora enormemente diffuso in Serie A. Non credo si possa invertire la rotta ma, signori, che nostalgia dell'estate del 1980. In quell'anno, dopo anni di "frontiere chiuse", il calcio italiano decise di riabbracciare gli stranieri. Anche se ero davvero piccolino, non posso dimenticare l'euforia che si respirava nel leggere di grandi campioni (o presunti tali) pronti a sbarcare nel nostro campionato. Penso al colpo della Roma: Paulo Roberto Falcao, un acquisto da mille e una notte. E che dire di Brady? Acquisto bianconero. Da prima pagina che gli arrivi di Prohaska, Bertoni e Krol, rispettivamente messi sotto contratto da Inter, Fiorentina e Napoli. Che bei tempi. Ecco, poi ci sarebbe da parlare dei vari Danuello, Eneas e Fortunato ma non è il caso… Invece è da rimarcare come, allora, lo straniero fosse visto come qualcosa di magico, unico, cristallino. Loro erano la ciliegina sulla torta, una torta completamente Made in Italy. Ora, purtroppo, è l'esatto contrario: l'italiano è la rarità, la ciliegina sulla torta all'interno di un roster spesso a tinte straniere (fatte le debite eccezioni, tipo Sassuolo, Empoli e, per certi versi, Juventus). Non so come mai si sia arrivati a questo punto? Legge Bosman? Globalizzazione? Costi dei cartellini degli stranieri meno proibitivi? Paura di lanciare i giovani italiani? Probabilmente un insieme di queste ragioni… Certo è che, la disaffezione del pubblico nei confronti del nostro calcio, a mio avviso, sta anche in questa estrema esterofilia. Che sia chiaro: i campioni sono sempre ben accetti ma, visto che, al giorno d'oggi, i campioni (quelli veri) se ne vanno a giocare altrove, perché non pensare a come "limitare" l'invasione straniera? Un minimo di giocatori italiani o comunque cresciuti nei vivai dei vari club italiani potrebbe aiutare? No, non penso che servano regole. La voglia di azzurro deve crescere dall'interno, senza condizionamenti, così come, nel lontano 1980, crebbe la voglia di stranieri. Si dice che il calcio sia un continuo susseguirsi di cicli. Che sia arrivato il momento dell'azzurro? Sfogo nostalgico a parte, passiamo alla questione, annosa ma, ahimè, attuale, del "caos Parma". Ogni giorno, come nelle più tradizionali telenovelas argentine, assistiamo ad un nuovo clamoroso sviluppo. Mi sono già espresso molto sulla vicenda ma c'è un quesito che mi ronda nella testa da tempo: ma perché in Italia nessuno va in galera? Ma quali inibizioni, multe, tirate d'orecchie o prese di responsabilità, qui c'è da capire chi deve finire in galera… Il danno è enorme. Non solo per il Parma (e ci metto dentro tutti, dalla città ai tifosi, passando per fornitori, dipendenti e giocatori) ma per tutto il movimento calcistico italiano. Ma perché certe aziende di primo livello dovrebbe pagare milioni e milioni di euro per un prodotto, la Serie A, in cui possono accadere simili situazioni? Ha detto bene Caressa: "Devono tintinnare le manette"… Il problema è: ma qualcuno va in galera in Italia? L'impressione è che, in un modo o nell'altro, tutti riescano ad evitarla… Si stava meglio nell'estate del 1980 quando "Video killed the radio star", a firma The Buggles, era il singolo più ascoltato e venduto e, nelle sale giochi, veniva lanciato il mitico Pac-Man…

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.