HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Chi è il favorito per lo Scudetto? Juve attenta ai falsi positivi, il Milan pesa il proprio ego. Icardi non può non essere un caso. Klopp contro Mourinho, due mondi diversi. E vince il più affascinante

01.11.2015 09.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 82807 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Com'è possibile sbilanciarsi, settimana dopo settimana, nel campionato più incerto degli ultimi dieci anni? C'è una Fiorentina che piace ma che negli scontri diretti ha lasciato indietro qualche punto di troppo. C'è la Roma che davanti è forse la migliore di tutte, ha un Pjanic trascinatore al di là del rosso di stasera e la difesa incomincia a crescere. L'Inter che bella non è ma che di riffa o di raffa trova i suoi punti. E il Napoli: il gioco è spumeggiante, se Sarri - come pare - ha messo a posto la retroguardia può dire la propria fino in fondo, d'altro canto Higuain appare inarrestabile nelle ultime gare. Può non essere tutt'oro quel che luccica, ma per ora risplende. Così la risposta al quesito non esiste, perché ogni settimana la valutazione cambia: giallorossi e partenopei sembrano i più attrezzati.

A proposito di Inter, c'è un problema Icardi. Perché è vero che il turnover con la Roma poteva anche essere fisiologica, ma che in una partita "Scudetto" (sempre per l'assunto che pare non dare una favorita, se non di settimana in settimana) Mancini lasci in panchina il proprio capitano - che ha pure deciso l'ultima gara, con un tocco facile ma da grande staccante - è la cartina tornasole di un momento complicato. Non tanto per Icardi, quanto per i nerazzurri: Jovetic e l'argentino, almeno sulla carta, sono complementari. Anzi, formano una delle coppie più belle della Serie A, potenzialmente. Poi capita che il montenegrino faccia la punta centrale, Ljajic giochi benissimo contro il Bologna e Icardi vada in panchina. Le parole di martedì sera (con meno palloni che arrivano rispetto all'anno scorso) rispecchiano esattamente il centravanti nerazzurro: il gioco di Mancini non si vede. I risultati arrivano ugualmente, è difficile pure contestare. Perché i risultati determinano le classifiche, ma anche il pensiero dell'opinione pubblica.

Nel frattempo c'è una squadra che non può dirsi rientrata per la lotta Scudetto, ed è la Juventus. Buffon ha detto bene, dopo la partita con il Sassuolo, perché vincendo sarebbero stati tre punti fondamentali per il tricolore. I passi falsi sono fisiologici in una stagione, e servirebbe tornare a essere lo squadrone di due anni fa - non dello scorso, pur avendo raggiunto la finale di Champions - per mantenere un ritmo tranquillamente da primo posto. Inutile dire che il finale sarà molto più caldo rispetto agli anni scorsi, ma il campionato si vince soprattutto con le piccole. La Juventus era uno schiacciasassi, ora non lo è: anche nell'aperitivo del sabato ha dato dimostrazione di non avere quel solco che, negli anni passati, c'era in occasioni di vittorie fondamentali. Quindi bisogna stare attenti ai falsi positivi: con l'Atalanta la Juventus ha dominato in lungo e in largo, con il Toro sono arrivati i tre punti, ma deve preoccupare più la prestazione da minestrina nel primo tempo dell'infrasettimanale.

E il Milan? Non bellissimo, a tratti troppo simile ai cugini dell'Inter, ma in grado - finalmente - di blindare una difesa che, di fatto, è parsa come il problema fino a qui. L'uno a zero con il Chievo è da interpretare, anche grazie a due interventi di Donnarumma - ma è possibile mettere in discussione un grande giocatore come Diego Lopez? - che hanno mascherato i soliti, annosi problemi dell'undici di Mihajlovic. Quella di stasera, con una Lazio scottata dalla defezione di Bergamo (primo tempo da dominatori, secondo in apnea), può essere la prova del nove, non solo per quanto riguarda i punti in fila. L'impressione è che il Milan non sia ancora squadra adatta per i primi tre posti, ma ci crede Berlusconi: bontà sua, giocando così si può arrivare in Europa solo con le grande prestazioni dei singoli.

La chiusura è giustamente dedicata alla figura, barbina, di Mourinho in Premier League. Finora il Liverpool di Klopp aveva avuto qualche problema ad andare in gol, escludendo la gara di Coppa in settimana contro il Bournemouth, ed è toccato al Chelsea risvegliare la vena di Coutinho, oltre a ricordare a Benteke come si butta la palla in porta. Eppure i Blues erano anche andati in vantaggio, con la rete di Ramires. Quella fra Mourinho e Klopp è una sfida bellissima, perché sono due grandi allenatori: uno vincente, uno dei migliori degli ultimi dieci anni. L'altro è l'underdog per eccellenza, il tecnico che preferisce i club da costruire alle corazzate. Con il Borussia Dortmund è andata così, ritornando alla vittoria del Meisterschale dopo il rischio fallimento, mentre il Liverpool non vince una Premier League da oltre un Giubileo. Il suo contratto, triennale, lo pone davanti a una meravigliosa avventura. Non si può non essere affascinati da Klopp, mentre per Mou comincia il momento più difficile. Probabilmente non saluterà il Chelsea, stipendiare un altro allenatore solo per la Champions League sarebbe un grosso errore, considerando il cachet del portoghese. Così Mou può non essere al capolinea solo per una questione contrattuale. E, in questo, è diametralmente opposto al Klopp che lascia Dortmund per trovare (con calma) una nuova avventura.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.