HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Chi è la favola fra Leicester e Siviglia? Juventus modello Bayern, l'errore di rinnovare a Totti. Il Milan sarebbe già vecchio per la gestione Berlusconi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
08.05.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 48031 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Complimenti al Leicester, favola moderna. Una squadra di undici, anzi dodici, perdenti. Da Ranieri a Vardy, da Mahrez a Kanté, passando per Huth - uno che a diciassette anni era considerato come uno dei migliori giocatori tedeschi di sempre - Albrighton e Drinkwater. Gente che nel momento in cui Ranieri perdeva la Serie A del 2009/10 (nei confronti del Mourinho del Triplete) era ad arrancare in Premier League, nel migliore dei casi. C'era qualcuno nelle leghe non professioniste, chi segnava un gol ogni - davvero - tanto come Mahrez, un capitano che giocava nel Nottingham Forest che certo non era quello di Clough. Giusto togliersi il cappello, ma dire che Leicester sia una provinciale è davvero troppo. Ok, è l'undicesima società di Premier League, per fatturato, e la quartultima per ingaggi. Vardy ne prenderà cinque e passa la prossima stagione (poco meno di Higuain), Mahrez dovrà decidere cosa fare. Con la vittoria della Premier League arriverà un jackpot incredibile, pari a più del doppio del fatturato di 140 milioni di euro, quello attuale. Quello che il Napoli costruito in dieci anni (il Leicester in due), e quello che il Siviglia non fa. Joseph Maria del Nido, nei primi anni duemila, era uno dei presidente più complicati da convincere per acquistare un suo calciatore. Poi la crisi si è fatta sentire, il Siviglia è diventato un supermarket: o meglio, le plusvalenze sono diventate necessarie per avere un progetto vincente. Il Leicester, alla prima vittoria, può permettersi di tenere tutti. Poi sarebbe bello conoscere i tifosi dell'ultima ora che due anni fa si disperavano per il gol di Deeney, in contropiede, invece di esaltarsi del Watford di Pozzo, Battocchio, Forestieri e Cassetti.

Capitolo Napoli, lambito ma non espresso. Insigne vorrebbe un rinnovo che tarda ad arrivare. Koulibaly vuole un rinnovo che tarda ad arrivare. Higuain un anno fa avrebbe preferito lasciare perché la politica sembrava quella di abbassare il calibro verso un modello sostenibile, non certo per tenere i migliori. Se il Napoli capisse che, con un fatturato come quello del Siviglia, serve vincere il possibile, forse avrebbe più possibilità di portarsi a casa trofei, e non solo europei: la Juventus è avanti anni luce per una questione fatturato (360 milioni contro 135 circa) ma lo è anche nei piani: quella azzurra è una società che vede poco oltre il proprio naso, con uno stadio praticamente fatiscente e tanti problemi a livello dirigenziale. Lo sfogo di Gargano non è a orologeria, ma il momento non può essere casuale. La Juventus sta lavorando sul modello Bayern: stravincere in campo nazionale per poi puntare alla Champions ogni anno. I bianconeri se lo possono permettere, perché il fatturato è talmente alto - e quello delle avversarie così basso - che i piemontesi saranno praticamente invincibili per parecchio tempo.

Chi non è imbattibile è la Roma di Luciano Spalletti. Perché, sì, c'è la Juventus, ma non solo. Il problema principale è che Francesco Totti, deus ex machina di uno spogliatoio polveriera, ha avuto l'ennesimo rinnovo contrattuale, ad anni quaranta, anche grazie alle ultime prestazioni. Qual è la differenza fra una società che pianifica - guardando la carta d'identità e non il nome - e l'altra che vive degli umori della piazza? Alessandro Del Piero, altro grandissimo esponente del calcio anni novanta, venne più o meno licenziato da Andrea Agnelli, un po' per spostare l'attenzione dalle perdite del bilancio, un po' perché la figura del numero dieci era davvero troppo ingombrante per una società che voleva rilanciarsi verso l'Olimpo del calcio. Anni dopo si può dire che la Juventus abbia fatto bene, perché è riuscita a crescere al di là di questioni campanilistiche. Anzi, di cortile o quasi. La Roma potrà essere sempre un'alternativa, ma non sarà mai la favorita di un campionato che ha ancora fuori Milan e Inter: quando le milanesi torneranno non ci sarà più trippa per gatti. E i trofei sono sempre quelli che poi rimangono (vedi Leicester).

Infine il Milan. Si narrano incontri ad Arcore fra la dirigenza e il board della cordata cinese. Voci parlano del sultano del Brunei, altri di un possibile approdo di Squinzi. Anche qui, come per la Roma, c'è un grossissimo problema. Il Milan è abituato a crescere di poco a poco, senza grossi investimenti, con la possibilità di ripianare ogni anno. Ora Berlusconi non l'ha più, il calcio è cambiato e nel 1986 molti dei protagonisti del Milan non erano ancora nati. La realtà è che una società vecchia, non al passo con i tempi, produce risultati che non possono essere paragonati a quelli di dieci anni fa. Il tempo passa per tutti. Berlusconi, Galliani, Del Piero. Oppure Totti, ma chi non lo capisce rischia solamente di rimanere ancorato al passato. E di fare il gioco della Juve.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.