HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Chi è la favola fra Leicester e Siviglia? Juventus modello Bayern, l'errore di rinnovare a Totti. Il Milan sarebbe già vecchio per la gestione Berlusconi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
08.05.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 47979 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Complimenti al Leicester, favola moderna. Una squadra di undici, anzi dodici, perdenti. Da Ranieri a Vardy, da Mahrez a Kanté, passando per Huth - uno che a diciassette anni era considerato come uno dei migliori giocatori tedeschi di sempre - Albrighton e Drinkwater. Gente che nel momento in cui Ranieri perdeva la Serie A del 2009/10 (nei confronti del Mourinho del Triplete) era ad arrancare in Premier League, nel migliore dei casi. C'era qualcuno nelle leghe non professioniste, chi segnava un gol ogni - davvero - tanto come Mahrez, un capitano che giocava nel Nottingham Forest che certo non era quello di Clough. Giusto togliersi il cappello, ma dire che Leicester sia una provinciale è davvero troppo. Ok, è l'undicesima società di Premier League, per fatturato, e la quartultima per ingaggi. Vardy ne prenderà cinque e passa la prossima stagione (poco meno di Higuain), Mahrez dovrà decidere cosa fare. Con la vittoria della Premier League arriverà un jackpot incredibile, pari a più del doppio del fatturato di 140 milioni di euro, quello attuale. Quello che il Napoli costruito in dieci anni (il Leicester in due), e quello che il Siviglia non fa. Joseph Maria del Nido, nei primi anni duemila, era uno dei presidente più complicati da convincere per acquistare un suo calciatore. Poi la crisi si è fatta sentire, il Siviglia è diventato un supermarket: o meglio, le plusvalenze sono diventate necessarie per avere un progetto vincente. Il Leicester, alla prima vittoria, può permettersi di tenere tutti. Poi sarebbe bello conoscere i tifosi dell'ultima ora che due anni fa si disperavano per il gol di Deeney, in contropiede, invece di esaltarsi del Watford di Pozzo, Battocchio, Forestieri e Cassetti.

Capitolo Napoli, lambito ma non espresso. Insigne vorrebbe un rinnovo che tarda ad arrivare. Koulibaly vuole un rinnovo che tarda ad arrivare. Higuain un anno fa avrebbe preferito lasciare perché la politica sembrava quella di abbassare il calibro verso un modello sostenibile, non certo per tenere i migliori. Se il Napoli capisse che, con un fatturato come quello del Siviglia, serve vincere il possibile, forse avrebbe più possibilità di portarsi a casa trofei, e non solo europei: la Juventus è avanti anni luce per una questione fatturato (360 milioni contro 135 circa) ma lo è anche nei piani: quella azzurra è una società che vede poco oltre il proprio naso, con uno stadio praticamente fatiscente e tanti problemi a livello dirigenziale. Lo sfogo di Gargano non è a orologeria, ma il momento non può essere casuale. La Juventus sta lavorando sul modello Bayern: stravincere in campo nazionale per poi puntare alla Champions ogni anno. I bianconeri se lo possono permettere, perché il fatturato è talmente alto - e quello delle avversarie così basso - che i piemontesi saranno praticamente invincibili per parecchio tempo.

Chi non è imbattibile è la Roma di Luciano Spalletti. Perché, sì, c'è la Juventus, ma non solo. Il problema principale è che Francesco Totti, deus ex machina di uno spogliatoio polveriera, ha avuto l'ennesimo rinnovo contrattuale, ad anni quaranta, anche grazie alle ultime prestazioni. Qual è la differenza fra una società che pianifica - guardando la carta d'identità e non il nome - e l'altra che vive degli umori della piazza? Alessandro Del Piero, altro grandissimo esponente del calcio anni novanta, venne più o meno licenziato da Andrea Agnelli, un po' per spostare l'attenzione dalle perdite del bilancio, un po' perché la figura del numero dieci era davvero troppo ingombrante per una società che voleva rilanciarsi verso l'Olimpo del calcio. Anni dopo si può dire che la Juventus abbia fatto bene, perché è riuscita a crescere al di là di questioni campanilistiche. Anzi, di cortile o quasi. La Roma potrà essere sempre un'alternativa, ma non sarà mai la favorita di un campionato che ha ancora fuori Milan e Inter: quando le milanesi torneranno non ci sarà più trippa per gatti. E i trofei sono sempre quelli che poi rimangono (vedi Leicester).

Infine il Milan. Si narrano incontri ad Arcore fra la dirigenza e il board della cordata cinese. Voci parlano del sultano del Brunei, altri di un possibile approdo di Squinzi. Anche qui, come per la Roma, c'è un grossissimo problema. Il Milan è abituato a crescere di poco a poco, senza grossi investimenti, con la possibilità di ripianare ogni anno. Ora Berlusconi non l'ha più, il calcio è cambiato e nel 1986 molti dei protagonisti del Milan non erano ancora nati. La realtà è che una società vecchia, non al passo con i tempi, produce risultati che non possono essere paragonati a quelli di dieci anni fa. Il tempo passa per tutti. Berlusconi, Galliani, Del Piero. Oppure Totti, ma chi non lo capisce rischia solamente di rimanere ancorato al passato. E di fare il gioco della Juve.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.