VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Chi è la favola fra Leicester e Siviglia? Juventus modello Bayern, l'errore di rinnovare a Totti. Il Milan sarebbe già vecchio per la gestione Berlusconi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
08.05.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 48127 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Complimenti al Leicester, favola moderna. Una squadra di undici, anzi dodici, perdenti. Da Ranieri a Vardy, da Mahrez a Kanté, passando per Huth - uno che a diciassette anni era considerato come uno dei migliori giocatori tedeschi di sempre - Albrighton e Drinkwater. Gente che nel momento in cui Ranieri perdeva la Serie A del 2009/10 (nei confronti del Mourinho del Triplete) era ad arrancare in Premier League, nel migliore dei casi. C'era qualcuno nelle leghe non professioniste, chi segnava un gol ogni - davvero - tanto come Mahrez, un capitano che giocava nel Nottingham Forest che certo non era quello di Clough. Giusto togliersi il cappello, ma dire che Leicester sia una provinciale è davvero troppo. Ok, è l'undicesima società di Premier League, per fatturato, e la quartultima per ingaggi. Vardy ne prenderà cinque e passa la prossima stagione (poco meno di Higuain), Mahrez dovrà decidere cosa fare. Con la vittoria della Premier League arriverà un jackpot incredibile, pari a più del doppio del fatturato di 140 milioni di euro, quello attuale. Quello che il Napoli costruito in dieci anni (il Leicester in due), e quello che il Siviglia non fa. Joseph Maria del Nido, nei primi anni duemila, era uno dei presidente più complicati da convincere per acquistare un suo calciatore. Poi la crisi si è fatta sentire, il Siviglia è diventato un supermarket: o meglio, le plusvalenze sono diventate necessarie per avere un progetto vincente. Il Leicester, alla prima vittoria, può permettersi di tenere tutti. Poi sarebbe bello conoscere i tifosi dell'ultima ora che due anni fa si disperavano per il gol di Deeney, in contropiede, invece di esaltarsi del Watford di Pozzo, Battocchio, Forestieri e Cassetti.

Capitolo Napoli, lambito ma non espresso. Insigne vorrebbe un rinnovo che tarda ad arrivare. Koulibaly vuole un rinnovo che tarda ad arrivare. Higuain un anno fa avrebbe preferito lasciare perché la politica sembrava quella di abbassare il calibro verso un modello sostenibile, non certo per tenere i migliori. Se il Napoli capisse che, con un fatturato come quello del Siviglia, serve vincere il possibile, forse avrebbe più possibilità di portarsi a casa trofei, e non solo europei: la Juventus è avanti anni luce per una questione fatturato (360 milioni contro 135 circa) ma lo è anche nei piani: quella azzurra è una società che vede poco oltre il proprio naso, con uno stadio praticamente fatiscente e tanti problemi a livello dirigenziale. Lo sfogo di Gargano non è a orologeria, ma il momento non può essere casuale. La Juventus sta lavorando sul modello Bayern: stravincere in campo nazionale per poi puntare alla Champions ogni anno. I bianconeri se lo possono permettere, perché il fatturato è talmente alto - e quello delle avversarie così basso - che i piemontesi saranno praticamente invincibili per parecchio tempo.

Chi non è imbattibile è la Roma di Luciano Spalletti. Perché, sì, c'è la Juventus, ma non solo. Il problema principale è che Francesco Totti, deus ex machina di uno spogliatoio polveriera, ha avuto l'ennesimo rinnovo contrattuale, ad anni quaranta, anche grazie alle ultime prestazioni. Qual è la differenza fra una società che pianifica - guardando la carta d'identità e non il nome - e l'altra che vive degli umori della piazza? Alessandro Del Piero, altro grandissimo esponente del calcio anni novanta, venne più o meno licenziato da Andrea Agnelli, un po' per spostare l'attenzione dalle perdite del bilancio, un po' perché la figura del numero dieci era davvero troppo ingombrante per una società che voleva rilanciarsi verso l'Olimpo del calcio. Anni dopo si può dire che la Juventus abbia fatto bene, perché è riuscita a crescere al di là di questioni campanilistiche. Anzi, di cortile o quasi. La Roma potrà essere sempre un'alternativa, ma non sarà mai la favorita di un campionato che ha ancora fuori Milan e Inter: quando le milanesi torneranno non ci sarà più trippa per gatti. E i trofei sono sempre quelli che poi rimangono (vedi Leicester).

Infine il Milan. Si narrano incontri ad Arcore fra la dirigenza e il board della cordata cinese. Voci parlano del sultano del Brunei, altri di un possibile approdo di Squinzi. Anche qui, come per la Roma, c'è un grossissimo problema. Il Milan è abituato a crescere di poco a poco, senza grossi investimenti, con la possibilità di ripianare ogni anno. Ora Berlusconi non l'ha più, il calcio è cambiato e nel 1986 molti dei protagonisti del Milan non erano ancora nati. La realtà è che una società vecchia, non al passo con i tempi, produce risultati che non possono essere paragonati a quelli di dieci anni fa. Il tempo passa per tutti. Berlusconi, Galliani, Del Piero. Oppure Totti, ma chi non lo capisce rischia solamente di rimanere ancorato al passato. E di fare il gioco della Juve.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.