HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Chi spende di più vince di più? Italian version

29.09.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 21889 volte
© foto di Federico De Luca

La scorsa settimana abbiamo affrontato l'argomento dei soldi, indispensabili nel calciomercato. Abbiamo cercato di capire se davvero le vittorie erano determinate dai soldi, soprattutto in Europa. E in alcune situazioni non era poi così scontato che chi più soendesse dovesse per forza vincere. C'entra poi il campo, le scelte dell'allenatore. Di sicuro aiuta, ma non basta da sola.

Ma questo vale in Europa, dove comunque ci sono delle gerarchie che non sempre sono rispettate. Ma in Italia? Come funziona in Italia? Sarri parla di fatturati, Suning vuole scardinare le classifiche degli ultimi anni a suon di miliardi. È questa la strada? O c'è speranza? Quando si dice che la Juve ha già vinto il campionato è la verità?

Vediamo come va a finire questo campionato ma intanto ci sono alcuni dati su cui riflettere: la Juve negli ultimi due anni è nettamente la squadra che ha avuto un disavanzo maggiore sul mercato, quindi di sicuro quella che ha speso di più. 308 milioni di euro, con la spesa maggiore sostenuta prima di questi cinque anni quando la coppia Marotta Paratici venne chiamata da Agnelli per far tornare la Juve grande. In seconda posizione c'è il Napoli, in questi ultimi 10 anni di mercato: 215 milioni spesi. Non a caso sono le due squadre (insieme alla Roma, quarta con 122 milioni di disavanzo) che si sono giocate il campionato in questi ultimi anni. La sorpresa, se volete, è l'Inter 188 milioni, terza in questa speciLe classifica, ma da troppo tempo lontana dalle posizioni prelibate nell'altra di classifica, quella del campionato. Poi se andiamo a confrontare queste spese con i risultati sportivi ci accorgiamo che spesso i conti non tornano. La sorpresa in positivo c'è sempre, ma almeno negli ultimi anni c'è solo oer quanto riguarda il posto in Champions League. La Lazio due anni fa, l'Udinese nel 2011, o la Samp nel 2010 (allora la grande esclusa era proprio la Juventus) con il Palermo addirittura quinto. Oppure la Fiorentina che stabilmente è nelle prime 4/5 posizioni pur avendo il saldo in negativo ma di soli 5 milioni e mezzo).

Tutto questo viene ancor di più accentuato negli ultimi cinque anni. Perché la Juventus ha saputo amministrare le spese. È la seconda come disavanzo sul mercato con 109 milioni di saldo negativo ma in classifica è sempre stata prima. L'Inter che ha speso notevolmente di più (-154) non è riuscita ad imporsi in questi anni (ma ha la prospettiva di farlo, partendo proprio da questa stagione in cui si concentra la maggior parte di questa spesa). Addirittura senza i -117 milioni l'Inter avrebbe un meno 37 in linea con i risultati sportivi degli ultimi anni. Ecco perché la lotta al secondo posto sembra essere aperta, almeno nei numeri e nel mercato. Napoli e Milan sono quelle che hanno un rosso più alto (rispettivamente -50 e -60), poi Lazio (-37,5), Sassuolo (-34) e poi Roma (-28) che sta cercando una sorta di autofinanziamento societario che però alla lunga potrebbe non essere producente (anche se necessario).

Quindi si conferma? Chi più spende meglio va? A giudicare da questi primo approccio sì, ma date un'occhiata agli esempi che potremmo definire virtuosi: la Fiorentina come detto stabilmente fra le prime in questi 5 anni ha un saldo positivo di 30 milioni. L'Udinese che è vero che negli ultimi anni ha perso competitività a livello nazionale (lo scorso anno ha addirittura rischiato la retrocessione) ha un attivo di 109 milioni di euro. Forse sono solo dei casi isolati, ma in modi diversi sono due realtà in cui si cerca di coniugare il risultato sportivo con quello economico. Poi ci sono quelli che hanno incassato molto come il Palermo (52 milioni) o la Samp (piu 13) che per forza hanno indebolito la loro rosa rispetto alle passate stagioni. Ma magari hanno l'obiettivo di diventare come l'Atalanta, stabilmente in A ma con un attivo negli ultimi cinque anni di 30,6. Che è anche il sogno dell'Empoli (centrato la prima stagione in A): vendere e salvarsi... il bello è che il trend dell'Atalanta rimane anche prendendo in considerazione un periodo di tempo più lungo (i 19 anni) a testimonianza del dna bergamasco, così come quello del Palermo. Per non parlare dell'Udinese: i soldi incassati nell'arco dei dieci anni sono 212 milioni.

Alle volte i soldi e le analisi di mercato non riescono a fare una buona classifica perché poi parla il campo. Ma in generale sul lungo periodo, quello su cui dovrebbero essere valutati gli operati dei direttori sportivi e dei dirigenti calcistici in generale, difficilmente ci si sbaglia...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.