HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Chi vince spende? E come? Lo strano caso della Juve e il movimento Italia...

15.09.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 37293 volte
© foto di Federico De Luca

È il solito dilemma, vince chi spende o si può vincere spendendo meglio degli altri?
Ad aggiungere dei dati a questa discussione - che comunque è il sale del calcio, visto che ognuno è legittimato a sognare di vincere - ci ha pensato il Cies, un centro di ricerca svizzero concentrato esclusivamente sui numeri del calcio.
Tutti quest'anno sono convinti che la Juventus è entrata nell'olimpo europeo, che sia arrivata insomma in quel novero di squadre che possono vincere la Champions. Se di fatturati abbiamo già parlato (e la Juve lo ha fatto crescere esponenzialmente) ora concentriamoci solo sul mercato. Indipendentemente dai risultati sul campo (che poi sono sempre il giudice supremo) la Juventus quest'anno ha speso 176 milioni di euro sul mercato. Meglio solo la città di Manchester (City 231 mln spesi, United 185). Insomma più spese di Barcellona, Chelsea, Arsenal, Dortmund. Per non parlare di Real e Bayern. Insomma anche nei numeri la Juve è nelle primissime posizioni. Ma il risultato è interessante anche se si valutano gli ultimi 6 anni di campagna acquisti.
La Juventus è ottava nella classifica europea: spesi 618 milioni (il massimo quest'estate) ed è la prima delle italiane: appena dietro ci sono Roma e Inter (nona e decima), molto più staccate il Napoli (14esima) e il Milan addirittura ventesimo. Naturalmente ai vertici di questa classifica ci sono le inglesi: tre. City (1024 milioni spesi, proprietà araba), Chelsea (871 milioni, proprietà russa), United (841 mln, proprietà americana) a seguire neanche a dirlo il Paris Saint Germain (691, araba) e infine il Barcellona (680). Come a dire: non è che chi spende di più per forza vince: tanto è vero che di queste squadre in questo periodo di tempo solo il Chelsea ha vinto (e il Manchester ha giocato una finale). Poi due spagnole (due volte Real e due volte Barca) con addirittura due volte una finale tutta iberica, il Bayern (finalista altre due volte) e l'Inter (con la Juve finalista).
Ma il concetto di chi più spende più vince forse vacilla. L'esempio forse più lampante è il Bayern che nella classifica delle squadre che spendono di più è addirittura 15esimo (dietro il Napoli) ma che in Champions arriva quasi sempre fino in fondo.
Di sicuro però chi spende di più ha più chanches di vincere, senza dubbio, e la Juve, che finora è riuscita a tenere il passo delle grandi proprietà straniere è nelle prime posizioni anche in una speciale classifica: quella dei ricavi ottenuti in questi sei anni. 415 milioni di euro incassati. Terza posizione dopo Liverpool e Valencia. Appena sopra Benfica e Porto. Ma il processo di consolidamento nell'olimpo è iniziato.
Ora tocca alla serie A come movimento cercare di rispondere allo strapotere economico della Premier. Quest'anno in Inghilterra sono stati effettuati trasferimenti per 1772 milioni: più del triplo di 6 anni fa. Quasi la metà degli investimenti totali dei big five (Inghilterra, Italia, Spagna, Germania e Francia). L'Italia è al secondo posto (con il 20% e 855 milioni spesi). E ci sono buone prospettive di crescita visto che le nuove proprietà di Inter e Milan non hanno ancora avuto tempo di poter intervenire come avrebbero voluto sul mercato.
Ma il dato che dovrebbe far riflettere il sistema italiano è un altro. La Juve è certamente una realtà virtuosa che è riuscita con la programmazione, con gli investimenti extracampo e con il mercato a diventare una solida realtà. Il resto - ripetiamo, al netto delle nuove proprietà - ancora no. E questi rischia di diventare sempre più evidente come dato. Infatti in Italia la metà dei famosi 855 milioni sono stati spesi dalle prime tre squadre della classifica. Questo significa che le grandi spendono praticamente tutti quei soldi. In Inghilterra la ricchezza è più diffusa: dei 1772 milioni il 32% viene speso dalle prime 3. C'è più competitività e una redistribuzione diversa degli introiti dei diritti tv. E poi, anche se non si partecipa alle coppe, il fatturato ne risente in maniera meno pesante (prendete il Manchester United che quest'anno diventerà la squadra più ricca del mondo pur senza essere in Champions).
Quindi chi più spende non è detto che vinca, ma ci va vicino. Ma soprattutto il dato vero è che ricchezza genera ricchezza, con pochissime eccezioni. Ecco perché la crescita della Juventus, programmata negli anni economicamente e sportivamente, acquisisce meriti ancora più grandi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.