HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Chi vince spende? E come? Lo strano caso della Juve e il movimento Italia...

15.09.2016 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 37221 volte
© foto di Federico De Luca

È il solito dilemma, vince chi spende o si può vincere spendendo meglio degli altri?
Ad aggiungere dei dati a questa discussione - che comunque è il sale del calcio, visto che ognuno è legittimato a sognare di vincere - ci ha pensato il Cies, un centro di ricerca svizzero concentrato esclusivamente sui numeri del calcio.
Tutti quest'anno sono convinti che la Juventus è entrata nell'olimpo europeo, che sia arrivata insomma in quel novero di squadre che possono vincere la Champions. Se di fatturati abbiamo già parlato (e la Juve lo ha fatto crescere esponenzialmente) ora concentriamoci solo sul mercato. Indipendentemente dai risultati sul campo (che poi sono sempre il giudice supremo) la Juventus quest'anno ha speso 176 milioni di euro sul mercato. Meglio solo la città di Manchester (City 231 mln spesi, United 185). Insomma più spese di Barcellona, Chelsea, Arsenal, Dortmund. Per non parlare di Real e Bayern. Insomma anche nei numeri la Juve è nelle primissime posizioni. Ma il risultato è interessante anche se si valutano gli ultimi 6 anni di campagna acquisti.
La Juventus è ottava nella classifica europea: spesi 618 milioni (il massimo quest'estate) ed è la prima delle italiane: appena dietro ci sono Roma e Inter (nona e decima), molto più staccate il Napoli (14esima) e il Milan addirittura ventesimo. Naturalmente ai vertici di questa classifica ci sono le inglesi: tre. City (1024 milioni spesi, proprietà araba), Chelsea (871 milioni, proprietà russa), United (841 mln, proprietà americana) a seguire neanche a dirlo il Paris Saint Germain (691, araba) e infine il Barcellona (680). Come a dire: non è che chi spende di più per forza vince: tanto è vero che di queste squadre in questo periodo di tempo solo il Chelsea ha vinto (e il Manchester ha giocato una finale). Poi due spagnole (due volte Real e due volte Barca) con addirittura due volte una finale tutta iberica, il Bayern (finalista altre due volte) e l'Inter (con la Juve finalista).
Ma il concetto di chi più spende più vince forse vacilla. L'esempio forse più lampante è il Bayern che nella classifica delle squadre che spendono di più è addirittura 15esimo (dietro il Napoli) ma che in Champions arriva quasi sempre fino in fondo.
Di sicuro però chi spende di più ha più chanches di vincere, senza dubbio, e la Juve, che finora è riuscita a tenere il passo delle grandi proprietà straniere è nelle prime posizioni anche in una speciale classifica: quella dei ricavi ottenuti in questi sei anni. 415 milioni di euro incassati. Terza posizione dopo Liverpool e Valencia. Appena sopra Benfica e Porto. Ma il processo di consolidamento nell'olimpo è iniziato.
Ora tocca alla serie A come movimento cercare di rispondere allo strapotere economico della Premier. Quest'anno in Inghilterra sono stati effettuati trasferimenti per 1772 milioni: più del triplo di 6 anni fa. Quasi la metà degli investimenti totali dei big five (Inghilterra, Italia, Spagna, Germania e Francia). L'Italia è al secondo posto (con il 20% e 855 milioni spesi). E ci sono buone prospettive di crescita visto che le nuove proprietà di Inter e Milan non hanno ancora avuto tempo di poter intervenire come avrebbero voluto sul mercato.
Ma il dato che dovrebbe far riflettere il sistema italiano è un altro. La Juve è certamente una realtà virtuosa che è riuscita con la programmazione, con gli investimenti extracampo e con il mercato a diventare una solida realtà. Il resto - ripetiamo, al netto delle nuove proprietà - ancora no. E questi rischia di diventare sempre più evidente come dato. Infatti in Italia la metà dei famosi 855 milioni sono stati spesi dalle prime tre squadre della classifica. Questo significa che le grandi spendono praticamente tutti quei soldi. In Inghilterra la ricchezza è più diffusa: dei 1772 milioni il 32% viene speso dalle prime 3. C'è più competitività e una redistribuzione diversa degli introiti dei diritti tv. E poi, anche se non si partecipa alle coppe, il fatturato ne risente in maniera meno pesante (prendete il Manchester United che quest'anno diventerà la squadra più ricca del mondo pur senza essere in Champions).
Quindi chi più spende non è detto che vinca, ma ci va vicino. Ma soprattutto il dato vero è che ricchezza genera ricchezza, con pochissime eccezioni. Ecco perché la crescita della Juventus, programmata negli anni economicamente e sportivamente, acquisisce meriti ancora più grandi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.