HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Ciao Ernesto: visto Keisuke? Dybala: a quale Zamparini credere? Mancini: questa volta il futuro è Simeone

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
06.02.2016 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 40017 volte

L'abbiamo vissuto fino alla fine, Ernestito. Si collegava con Milan Channel anche dal San Raffaele. Sereno, da titolo, come sempre. L'estate di Ronaldinho, ci diceva: "vedrai Mauretto, Dinho andrà meglio di Rivaldo, lo sento". E in effetti andò abbastanza così'. Ma mai avevamo visto Bronzetti spendersi e accalorarsi come per Keisuke Honda. Dopo la conferenza stampa di presentazione del Gennaio 2014 nella sala Executive di San Siro, aveva voluto microfoni e telecamere. Avvertiva scetticismo, ma lui ci credeva. E voleva raccontare, prevedere, spiegare. Aveva ragione lui anche questa volta. Honda piace poco a giornalisti e tifosi, ma molto ai suoi allenatori. Seedorf, Inzaghi e Mihajlovic, caratteri e professionalità agli antipodi ma con un comune denominatore: Keisuke gioca. E, caro, dolce, Ernestino, Honda fino ad oggi è mancato solo fra il Gennaio e il Marzo del 2015, quando era stremato dalla Coppa d'Asia. Poi sempre bene fra gol e assist. In giro ci sono volgaroni che, per odio e disperazione, hanno dileggiato Honda per spernacchiare Galliani. Ernesto ne soffriva, ma senza imprecare. Stile Bronzetti: contenuti, sorrisi, cortesia. Se proprio doveva finire adesso, il derby vinto e il tuo Honda brillante titolare sono titoli in grande stile. Ma non di coda, gioia cara. Titoli d'onore. Per un uomo bello e disarmato, giusto così, Anche se quaggiù, per il momento, ha avuto la meglio il maledetto male.

Quest'estate Maurizio Zamparini lo ha ripetuto alla noia: Berlusconi e il Milan offrivano di più, ma Paulo, Dybala, ha scelto la Juventus. Il giorno dopo Palermo-Milan, forse con la luna per traverso, una nuova, curiosa, contradditoria, versione. L'augurio è che se avesse saputo che Galliani si trovava a Terni da Ernesto, forse avrebbe fatto a meno di dargli del furbo. Ma stiamo sul punto. conosciamo alla perfezione i timecode e i frames delle immagini televisive dei gol di Dybala che la scorsa estate avevano rafforzato la convinzione del presidente Berlusconi: prendiamolo. E Adriano Galliani era caldissimo: nelle immagini deve essere bello, bellissimo, biondo e con gli occhi azzurri, decide il Presidente ma mettiamolo in condizione di decidere bene. Questa era la determinazione del Milan su Dybala. Poi il giocatore, poi i fondi, ed è andata diversamente. Ma a quale Zamparini dobbiamo credere? A quello che Berlusconi offriva di più o a quello che Galliani ha fatto il furbo? I tifosi del Milan scrivono sui social che il numero uno del Palermo cambia versioni come cambia gli allenatori. Forse, ma senza esagerare. Maurizio Zamparini sa alternare urla e voce roca a sorrisi e voce calda nel giro di pochi istanti e si è sempre fatto perdonare qualche ictus verbale da dieci anni a questa parte. Quindi, perdonato. Anche se in fondo all'ultimissimo Zamparini possono però sempre credere i rosichisti, pochissimi ma riconoscibilissimi, di questi ultimi giorni rossoneri: rosiconi di dentro e "milanisti" di fuori. Se poi segna e risegna Bacca, apriti cielo. Non sanno più come annaspare e come confermare la loro piccola, inutile, sentenza d'odio. Rispetto al livore piccolo piccolo, contano i grandi fatti: Jackson Martinez non pervenuto a Madrid e Bacca, stimatissimo da sempre da Carlo Ancelotti, nel pieno della sua stagione rossonera; Bacca e Kucka costo 33 milioni in due pienamente operativi, Kondogbia 40 milioni da solo poco significativo sul campo ma amorevolmente protetto da un ambiente che in questo momento non conosce zizzania e veleni.

Milan-Inter del Gennaio 2016 come Inter-Liverpool del Marzo 2008. Il rischio c'è, tutto pieno e tutto aperto. Mesi, anni, di aplomb britannico non potevano aver cambiato una personalità e un carattere. La brocca è la brocca. Ed è sempre lì, in bilico, soprattutto nel regno della pressione, ovvero l'arena mediatica del calcio italiano. Il paragone fra le due partite e i due momenti, almeno a livello psicologico, ci sta tutto. Il Mancini del pre, del durante e del post derby è molto ma molto simile a quello che era esondato dopo lo 0-1 firmato Fernando Torres in quella gara di ritorno degli Ottavi di finale di Champions League. Quella sera, per quello sfogo, il presidente Moratti aveva deciso: per adesso andiamo avanti, ma in estate nel riparliamo. E arrivò Josè Mourinho. I due-tre mesi di Mancini dopo quell'Inter-Liverpool erano stati opachi e difficili, con uno Scudetto prima stravinto, poi rimesso in discussione e poi vinto solo nel secondo tempo di Parma con la doppietta di Ibra. Se allo zig-zag psicologico dei giorni del derby, dovessero seguire mesi analoghi a quelli del 2008, anche il presidente Thohir potrebbe ritrovarsi nella condizione di fare la stessa analisi di otto anni fa. Quindi Mourinho? No, il calcio è andato avanti e Thohir ha speso già tantissimo. E non può apparecchiare la tavola per le richieste di mercato da ristorante, nella scala Conte, da 1000 euro, a uso e consumo del grande portoghese. In realtà c'è un allenatore che appagherebbe la visione internazionale del presidente nerazzurro, un tecnico tutto anema e core che fa grandi cose senza spendere grosse cifre sul mercato, capace di costruire armate rivoluzionarie con le motivazioni più che con i milioni di euro. Si chiama Diego Pablo Simeone.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.