HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Ciao Walter, 5 anni di vuoto e un conto corrente come jackpot. Pellè e l'Italia delle contraddizioni. Milan e Inter, il mercato fatto in casa

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.10.2016 12.07 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 99215 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Prima di giudicare il calcio andrebbe giudicata la coerenza di Walter Sabatini, in arte "Walter il magnifico". Prima dell'esonero di Garcia disse che in caso di allontanamento dell'allenatore francese, sarebbe andato via con lui. Garcia fu esonerato e Sabatini restò comodamente alla sua scrivania. Aggiunse, tempo prima, che non sarebbe mai andato via da Roma senza trofei. E' andato via, giovedì scorso, e la bacheca di Trigoria è più vuota di un frigorifero di uno studente fuori corso, lontano da casa. Sabatini è questo. In 5 anni ve lo abbiamo raccontato sotto mille vesti e con mille facce diverse. Ha cambiato più facce che sigarette. La Capitale lo fa diventare presuntuoso e arrogante, perde l'umiltà che lo aveva portato fino a Roma e crede di essere diventato imbattibile, a tal punto da provare a diventare, nel calcio, il nuovo Moggi. Alla fine pagherà per i risultati non raggiunti e per aver operato sul mercato in maniera poco limpida e trasparente. Operazioni, quasi sempre, condotte con gli stessi agenti e Direttori Sportivi, consulenti di mercato e addetti stampa sistemati nelle società più "amiche". Sabatini è rimasto inghiottito dal ritorno di Spalletti, dall'esasperazione degli americani e dallo stesso caso Totti che gli è ben presto sfuggito di mano con una pessima campagna di comunicazione. Walter è così: un ottimo talent scout ma un pessimo Direttore Sportivo. Ha avuto l'occasione della vita: vincere a Roma. L'ha cannata clamorosamente, eppure sono stati gli anni dove Milan e Inter si sono messe in ferie forzate. Due club su tre che vincono, per tradizione, in Italia si sono presi una pausa di riflessione mentre Sabatini costruiva la nuova Roma. Ha costruito il primo piano della casa ma in 5 anni ha tirato su solo quello. Se ne va da Roma con una società con l'impalcatura a vista e le gru ancora all'opera. I suoi amici giornalisti evidenziano come abbia portato valore alla società con 150 milioni di plusvalenze ma non sottolineano i soldi buttati dal Direttore Sportivo e soprattutto dimenticano la cosa più importante: un Direttore si giudica per i successi e non per i milioni che vanno e che vengono. Marotta ha preso Pogba a 0 e lo ha venduto a 130 milioni di euro ma se la Juventus fosse arrivata terza o seconda, in questi anni, sarebbe bello comodo sul divano di casa sua. Galliani andrà via dal Milan da sconfitto perché negli ultimi anni non ne ha indovinata mezza ma come fai a criticare un Dirigente che ha vinto pure il torneo dei pulcini sotto casa mia? Puoi fargli le pulci e infatti gliele facciamo ma Galliani ha riempito la bacheca di Via Turati a tal punto da dover trovare una sede più grande per poter ospitare le coppe. La famiglia Sensi, a Roma, pregava giorno e notte che da lassù il grande Franco non vedesse lo strazio di questa Roma. Qualche intuizione buona sul mercato, ci mancherebbe, ma tanti giocatori incompiuti portati a Trigoria e spacciati come talenti. Altri strapagati e rivenduti alla metà e una famosa frase che non gli perdoneremo mai: "in Italia non abbiamo giocatori giovani all'altezza per questo compriamo all'Estero". Al Direttore Sportivo di un club campione d'Italia Primavera con tantissimi giovani che giocano bene e ovunque tranne che a Roma non glielo consentiamo. Vada per il discorso che comprare all'Estero aiuta i Direttori e le operazioni con gli agenti ma dire che in Italia giovani forti non ne abbiamo è una bestemmia in Vaticano. Proprio la Roma che in giro ha un patrimonio mai sfruttato. Morale: in 5 anni Sabatini, a Roma, non ha vinto nulla e l'unico vero vincitore è il suo conto corrente. E' arrivato benestante, va via da magnate.
Ma in Italia non ci sorprendiamo più di nulla. Siamo anche l'Italia di Pellè. A tutti consentiamo tutto ma, ad un certo punto, dobbiamo cercare un capro espiatorio e al posto di punirlo lo bastoniamo. Pellè ha sbagliato a non dare la mano a Ventura. Pellè deve volare più basso perché la fama, la bellezza e i soldi forse gli hanno dato alla testa e quando indossa la maglia azzurra e non quella dei cinesi deve rispettare non solo Ventura ma tutti gli italiani... Finita l'omelia di Padre Michele vi dico anche che la Federazione nelle vesti di Papa buono non ce la vediamo proprio. A Pellè una multa e una tribuna in Macedonia sarebbero bastate per una giusta punizione. No! Sbattiamolo fuori a furor di popolo per dare l'esempio. Ma l'esempio di cosa? Che un ragazzo a caldo abbia fatto una fesseria ci sta e va punita ma se io parcheggio al posto dei disabili merito una bella multa, qualche punto in meno sulla patente e anche qualche giusto "vaffa" dal povero disabile. Se, però, vengo arrestato per aver parcheggiato al posto sbagliato, allora, non ci sto. La Federazione di Tavecchio così virtuosa perché non guarda in casa propria prima di proclamarsi paladino della giustizia? C'è molto ma molto di peggio di una mano non data al momento di una sostituzione.
Proviamo a parlare di calcio per due minuti ma quando il campionato è fermo è una noia assoluta. La B ci ha regalato delle emozioni e ci ha confermato che Brocchi è un ottimo allenatore e avrebbe dovuto guidare prima il Brescia e poi il Milan. Il campionato ci sta dicendo che in Italia abbiamo un grande allenatore e che farà una grande carriera: Cristian Bucchi e il suo Perugia macinano la terza vittoria consecutiva e se facciamo il calcolo con i punti persi, ad inizio stagione, al 94' capiamo che la vera favola è proprio il Perugia. Perché favola? Perché il Perugia nei singoli non è nulla di trascendentale ma è una macchina perfetta perché è squadra vera. L'Avellino è messo male, la Salernitana gode nel derby ma ha ancora ampi margini di miglioramento e al Frosinone manca la giusta costanza per spiccare il volo. Il Verona è fortissimo ma non è il Cagliari dello scorso anno. In serie A, Milan e Inter, dovrebbero sfruttare la crisi per lanciare i giovani di valore. Lo diciamo da due anni. Il Milan mette in vetrina Donnarumma e adesso Locatelli ma anche l'Inter dovrebbe avere maggiore coraggio a lanciare i giovani. Nella Primavera di Vecchi ci sono ragazzi di assoluto valore. Il mio preferito? Theophilus Awua, 18 anni, gioca da play davanti alla difesa e l'ho visto solo una volta. Nella gara persa dall'Inter contro la Roma. E' stato amore a prima vista, come un anno fa in Sassuolo-Juventus con Adjapong. Entrambi del 1998. Sul ragazzino del Sassuolo ci ho preso, adesso sono curioso di vedere ancora Awua nelle prossime gare dell'Inter.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.