HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Clarence, sono lacrime di coccodrillo. Galliani si riprende il Milan con il giallo mental coach. Benitez, il tuo Napoli non era formato Europeo?

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
24.03.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38163 volte
Clarence, sono lacrime di coccodrillo. Galliani si riprende il Milan con il giallo mental coach. Benitez, il tuo Napoli non era formato Europeo?

Premetto e confesso: scrivo l'editoriale del lunedì quando il Milan ancora non ha giocato a Roma con la Lazio. Fa nulla, anche se vince 6-0 non cambia la stagione disastrosa dei rossoneri. Fuori dall'Europa, dalla corsa al terzo posto e fuori dalla Coppa Italia ai quarti di finale. Avete notato come Clarence Seedorf, nella conferenza stampa del sabato, ha abbassato le orecchie come Pluto? La lavata di testa di Galliani è servita. E' stata una settimana bella intensa dalle parti di Arcore. Berlusconi ha aperto le porte e si sono fiondati Galliani, Tassotti e due calciatori. C'è il veto sui nomi dei calciatori. Noi sappiamo Abbiati e Montolivo, non ci mettiamo la mano sul fuoco perchè c'è chi dice Abbiati e Bonera. Cambia poco, chiediamo scusa se un nome non corrisponde alla realtà ma non cambia la sostanza. C'era anche Tassotti. Ricordate due settimane fa quando vi abbiamo raccontato che Seedorf e Tassotti non andavano d'accordo? Si è scatenato il putiferio, perchè Tassotti ama Seedorf e viceversa. Non è vero. A Milanello nessuno ama Clarence. Neanche a Monza, per dirla tutta, considerato che da Presidente di una squadra di calcio ha toppato alla grande. Galliani ha, per il momento, vinto. Non voleva Seedorf e il dossier che ha presentato a Berlusconi ha fatto ricredere anche Silvio. Barbara guarda alla finestra e con l'intelligenza che la contraddistingue non si mischia in questo vespaio. Aspetta e lascia fare. Nel frattempo continua ad impegnarsi sul fronte stadio e marketing. Un lavoro che avrebbero dobuto fare nel 2000, quando Barbara aveva 17 anni. Sapete dove Galliani e Seedorf hanno iniziato a pungersi? Da un mental coach, uno psicologo. Nel calcio li chiamano così perchè fa più british. L'olandese oggi dice che ha bisogno di esperienza ma si è presentato a Milanello con autista, responsabile della comunicazione americana, preparatore per la tattica e psicologo. Se non lo fermavano il prossimo anno ci portava uno staff tecnico composto da 8 persone; tra queste Stam, Davids e Crespo. Pensate ha mandato Crespo, prima di Milan-Parma, a spiare gli emiliani. Quella vecchia volpe di Leonardi ha saputo tutto e ha chiuso anche le porte dei bagni. Torniamo al mental coach. Si tratta di un certo De Michelis, era già al Milan. Galliani lo mandò a quel paese quando decise di seguire Ancelotti al Chelsea. Seedorf lo ha riportato a Milano e Galliani non l'ha mandata giù. Poi la cavolata gigantesca di tal Deborah Martin, un'americana che gestisce la comunicazione di Seedorf. Avvisa l'Ansa di una dichiarazione fasulla di Berlusconi per mettere in cattiva luce Galliani e l'amico Clarence ne esce con le ossa rotte. Se il Milan ha un settore dove è leader in Europa, questo settore è proprio la comunicazione. E Seedorf cosa fa? Si porta l'americana nel trolley! Sapienza, Allievi, Coli, Moro, Pozzi e tanti altri, alla Martin di turno la mettono nel bagagliaio e la portano a passeggio per Via Montenapoleone. I problemi del Milan: non raccontateci che si tratta di un problema di soldi perchè stiamo parlando della seconda squadra con il tetto ingaggi più alto in Italia. Prima la Juve con 115 milioni, seguono il Milan con 105, l'Inter con 95 mln, la Roma 92.5 e il Napoli con 74,1 milioni di ingaggi. Nel mercato 2013-14, i rossoneri hanno incassato 16,2 milioni di euro e ne hanno spesi 27,2. 12 milioni per Matri alla Juventus che con 11 si è portata a casa Tevez. Il problema del Milan non sono i cartellini da acquistare ma gli ingaggi da sopportare. La Juve a zero ha preso Pogba, Pirlo e Llorente. Seedorf toglie spazio ad un '92, De Sciglio, per far giocare il connazionale Emanuelson. Il Milan ha perso l'attuale attaccante del Borussia Dortmund, Pierre-Emerick Aubameyang per 950 mila euro dopo che in Francia ha segnato 37 gol in 87 presenze. Chi ha pagato Constant 8 milioni di euro? Chi ha fatto 9 milioni di euro di minusvalenza con Pato? Chi ha comprato Ibra a 24 e ceduto a 21 milioni? Chi ha ceduto Papasthatopulos per 4 milioni al Borussia Dortmund e oggi tra i tedeschi è uno dei punti di forza? In questi due anni il Milan ha sbagliato quasi tutte le strategie ma l'errore più grande è stato quello di privarsi dei milanisti. La Juve ha Nedved, il Real Madrid Zidane. Il Milan non ha uomini da Milan in giro per l'Europa. Massaro e Baresi fanno da cartolina, Inzaghi allena la Primavera, Gattuso servirebbe come il pane nello spogliatoio e viene lasciato nel suo ristorante-pescheria di Gallarate, Nesta lo hanno fatto espatriare, Maldini viene lasciato all'Osteria del Corso a giocare a carte con Vieri. Ambrosini sarebbe servito poco nei 90 minuti ma sarebbe stato utile nell'arco della settimana. Questa è la colpa più grande di Galliani. L'ad deve girare con Gattuso, Nesta e Baresi e vecchi milanisti come Albertini andrebbero sfruttati, da subito, da Barbara Berlusconi. Il Ds ideale? Altro che Sogliano e Bigon, il Milan (ci scusi la Juve che è regina assoluta d'Italia) dovrebbe strappare ai bianconeri Fabio Paratici. Doppio effetto: rinforzi il tuo club e indebolisci una grande del nostro campionato.
Chiusura dedicata al Napoli. Benitez rischia di fallire al primo anno in azzurro. Può salvare l'annata se chiude secondo e vince la Coppa Italia. Ci avevano decantato il Napoli formato europeo con Benitez e, invece, dalla Champions si è usciti alla fase a gironi, sì ma a testa alta. Dall'Europa League si è usciti agli ottavi di finale, sì ma a testa alta. Detto che bisogna verificare cosa significhi "a testa alta" perchè, allora, con lo Swansea sei passato "a testa bassa". Ma il vero problema è che i napoletani, rispetto allo scorso anno, si aspettavano il salto di qualità. Non c'è stato. De Laurentiis ha alzato il tetto ingaggi ma rischia di dover ricominciare la prossima stagione a luglio e fare i preliminari di Champions per accedere alla prossima fase a gironi. Benitez non ci ha convinti. Aspettiamo il riesame per giudicare.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.