HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Colpo Briatore: la Samp in arrivo. Mancini-Icardi come Benitez-Higuain. Arbitri e mercato, gli incroci: Niang-Mandzukic. Bonaventura-Cristante. Bacca-Perisic. Garcia-Mazzarri. Iturbe-Ljajic

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.12.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 55494 volte

Flavio Briatore alla Sampdoria a Gennaio. Non è una voce che ritorna. Sono lavori in corso, materia vera. Con Briatore alla guida, si sta già componendo un organigramma che riporterà nel calcio italiano esponenti di una bella e importante famiglia lombarda già attiva in Serie A in passato. Le cronache di mercato, vista la grande amicizia fra Adriano Galliani e Flavio Briatore, proveranno quindi a rilanciare la pista di Roberto Soriano al Milan. Ma il cambio di modulo operato da Mihajlovic e le azioni in rialzo di Kevin Prince Boateng non sembrano accreditare l'operazione.

Mauro Icardi nell'Inter c'è. Formalmente. Professionalmente. Ma senz'anima. Dopo 14 giornate, il capo-cannoniere dello scorso Campionato ha lo stesso sguardo di Higuain la scorsa stagione nel Napoli di Benitez prima di rifiorire con Sarri. Uno sguardo liquido, vagamente frastornato. C'è chi si affanna a sibilare che non è vero, che non esiste, che è tutto ingiusto e premeditato. Ma in una voxpopuli realizzata dall'ottimo collega Luca Uccello e pubblicata sul suo canale youtube con la collaborazione di Riccardo Fusato, i tifosi interisti, tutti d'un pezzo, per le vie di Milano hanno detto di seguito: "Non so cos'abbia, non corre", "E' isolato", "Gli arrivano pochi palloni". Eccolo il tema: coinvolgerlo nei flussi di gioco. Davvero. Meglio. Di più. Senza infastidirsi. Perché se Icardi, un grande attaccante, è il 35' attaccante della Serie A per tiri in porta, solo 9 dopo 14 giornate, Fonte Lega Serie A, non si può non parlare e non sottolineare. Classifiche che non amiamo, anzi che detestiamo, ma che ci sono e vengono usate con tutti e per tutti, come lasciavamo intendere nella nostra consueta tele-delirio di Milan-Sampdoria, con riferimenti a confronti televisivi e non ai tifosi, che nessuno ha preso sul serio (come spesso abbiamo ahinoi invitato a fare), tranne il nostro personal stalker.

I tifosi del Milan ci sono rimasti molto male. In Juventus-Milan, sullo 0-0, uno "sfioro" di Niang su Sturaro in elevazione è stato subito fischiato per fermare il gioco e per non essere costretti, uff, a prendere in considerazione il successivo rigore di Bonucci su Bonaventura. In Palermo-Juventus, con la stessa elevazione di Niang, Mandzukic travolge con tanto di gomito sulla schiena il difensore avversario e porta la Juventus in vantaggio. Niente. Tutto regolare. Tutto giusto. Tutto in silenzio. Nessuna moviola. Nessun confronto. Nessun riferimento. Spettacolare.

Nonostante il codone di paglia ostentato a più non posso ad ogni vittoria del Milan da parte dei tifosi dei propri amici e non dei colori, non c'è nulla da esaltarsi per i 23 punti rossoneri dopo 14 giornate. Però ci sono tanti luoghi comuni sconfessati. Fatto male a cedere Cristante? Spiace per Bryan, ottimo ragazzo e ottimo giocatore, ma nel Benfica lui non gioca e non sfonda da un anno e mezzo mentre con i soldi ricavati dalla sua partenza il Milan ha trovato un Signor Bonaventura. Il Milan non fa programmazione? Per la verità, doveva essere italiano e schiera in media 7 italiani nell'undici di partenza ogni volta che scende in campo. Doveva essere giovane e ha trovato una signor spina dorsale giovane, 56 anni in 3, tutti e tre potenziali rossoneri per dieci anni e oltre: Donnarumma rimasto rossonero nonostante tante sirene grazie ai buoni rapporti, ebbene sì quando sono senza dolo possono esserci anche quelli, con Mino Raiola - Romagnoli (riserva della Roma? No grazie!) arrivato grazie all'ingente sacrificio con relativo investimento economico da parte del presidente Berlusconi su segnalazione convinta di SinisaMihajlovic -Niangrilanciato dal Genoa prima di rientrare al Milan grazie ai buoni rapporti, idem come sopra, con Enrico Preziosi.

Carlos Bacca ha segnato 6 gol in 12 partite giocate dall'inizio e ha portato gioco e punti al Milan. Ma se non segna per 2-3 partite, è subito involuto, un giocatore normale, uno che non fa la differenza. Perisic, invece, costato non molto meno di Bacca, ha segnato 1 gol dall'inizio della stagione ma è bravo, corre, lavora. Bacca è stato pagato e, dopo 6 gol, è subito nel mirino. Perisic è arrivato bello, rubicondo, gratis, ha 1 solo gol all'attivo, ma va tutto bene. Ecco l'aria strana, notata con intelligenza da SinisaMihajlovic.

Rudi Garcia farà fatica ad uscirne. La sua società ha fatto quadrato, ma il sentimento provato nei suoi confronti dai tifosi della Roma è lo stesso che dilagava fra i tifosi dell'Inter nelle ultime settimane dell'avventura nerazzurra di Walter Mazzarri. Non siamo ancora allo speaker dello stadio che divaga al momento del nome dell'allenatore, ma poco ci manca. E Garcia, lui sarà il primo ad ammetterlo con se stesso, non è quello dirompente, fresco e innovativo del primo anno.

Se la Roma avesse ceduto Iturbe al Genoa, avrebbe tenuto Ljajic, giocatore che peraltro piaceva molto al Milan nell'estate 2013. Rimasto Iturbe (pagato 30 milioni, come Bacca, ma qui nessuno lo ricorda mai), ecco il grande vantaggio concesso ad una diretta concorrente, l'Inter, con la cessione di AdemLjajic che ha tenuto in piedi i nerazzurri in dieci (ingiustamente in inferiorità numerica) al San Paolo. Nel calcio non ci sono esempi assoluti. Il calcio va e viene, si azzecca, si sbaglia, si vive.

I non-evoluti rossoneri amano il Milan? E noi amiamo loro, quelli veri. Non gli involuti, che stallano sempre sulle stesse tiritere, o gli involtini, visti gli ambienti da bar, nani, ballerine, loculi e infradito che esprimono e che in fondo vanno teneramente compatiti. Per i tifosi del Milan che amano essere informati e non strumentalizzati, i non-evoluti, quelli dei tempi non sospetti, sono nati con Alessandro Jacobone nell'estate del 2008, quando certe terga erano al caldo di Mediaset e di Milan Channel, qui ospitate a partire dal Dicembre 2001 a seguito delle forti e importanti pressioni di un big dello spogliatoio rossonero che oggi fa l'opinionista televisivo. Con i tifosi del Milan non-evoluti, quelli doc, non quelli dopo, abbiamo non soltanto dialogato su Milan Channel, ma anche lavorato: sono stati nostri ospiti in collegamento e in studio, potendo dire la loro sempre. Non solo, su loro segnalazione, assolutamente disinteressata, ma soprattutto educata e garbata, oggi la redazione del Canale fruisce di una presenza in più, una di quelle che piacciono alla gente tosta e seria che lavora tutto il santo giorno, una presenza professionale, gradevole, assolutamente all'altezza. Per cui possiamo e dobbiamo soltanto ringraziarli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.