HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Colpo Briatore: la Samp in arrivo. Mancini-Icardi come Benitez-Higuain. Arbitri e mercato, gli incroci: Niang-Mandzukic. Bonaventura-Cristante. Bacca-Perisic. Garcia-Mazzarri. Iturbe-Ljajic

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.12.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 55492 volte

Flavio Briatore alla Sampdoria a Gennaio. Non è una voce che ritorna. Sono lavori in corso, materia vera. Con Briatore alla guida, si sta già componendo un organigramma che riporterà nel calcio italiano esponenti di una bella e importante famiglia lombarda già attiva in Serie A in passato. Le cronache di mercato, vista la grande amicizia fra Adriano Galliani e Flavio Briatore, proveranno quindi a rilanciare la pista di Roberto Soriano al Milan. Ma il cambio di modulo operato da Mihajlovic e le azioni in rialzo di Kevin Prince Boateng non sembrano accreditare l'operazione.

Mauro Icardi nell'Inter c'è. Formalmente. Professionalmente. Ma senz'anima. Dopo 14 giornate, il capo-cannoniere dello scorso Campionato ha lo stesso sguardo di Higuain la scorsa stagione nel Napoli di Benitez prima di rifiorire con Sarri. Uno sguardo liquido, vagamente frastornato. C'è chi si affanna a sibilare che non è vero, che non esiste, che è tutto ingiusto e premeditato. Ma in una voxpopuli realizzata dall'ottimo collega Luca Uccello e pubblicata sul suo canale youtube con la collaborazione di Riccardo Fusato, i tifosi interisti, tutti d'un pezzo, per le vie di Milano hanno detto di seguito: "Non so cos'abbia, non corre", "E' isolato", "Gli arrivano pochi palloni". Eccolo il tema: coinvolgerlo nei flussi di gioco. Davvero. Meglio. Di più. Senza infastidirsi. Perché se Icardi, un grande attaccante, è il 35' attaccante della Serie A per tiri in porta, solo 9 dopo 14 giornate, Fonte Lega Serie A, non si può non parlare e non sottolineare. Classifiche che non amiamo, anzi che detestiamo, ma che ci sono e vengono usate con tutti e per tutti, come lasciavamo intendere nella nostra consueta tele-delirio di Milan-Sampdoria, con riferimenti a confronti televisivi e non ai tifosi, che nessuno ha preso sul serio (come spesso abbiamo ahinoi invitato a fare), tranne il nostro personal stalker.

I tifosi del Milan ci sono rimasti molto male. In Juventus-Milan, sullo 0-0, uno "sfioro" di Niang su Sturaro in elevazione è stato subito fischiato per fermare il gioco e per non essere costretti, uff, a prendere in considerazione il successivo rigore di Bonucci su Bonaventura. In Palermo-Juventus, con la stessa elevazione di Niang, Mandzukic travolge con tanto di gomito sulla schiena il difensore avversario e porta la Juventus in vantaggio. Niente. Tutto regolare. Tutto giusto. Tutto in silenzio. Nessuna moviola. Nessun confronto. Nessun riferimento. Spettacolare.

Nonostante il codone di paglia ostentato a più non posso ad ogni vittoria del Milan da parte dei tifosi dei propri amici e non dei colori, non c'è nulla da esaltarsi per i 23 punti rossoneri dopo 14 giornate. Però ci sono tanti luoghi comuni sconfessati. Fatto male a cedere Cristante? Spiace per Bryan, ottimo ragazzo e ottimo giocatore, ma nel Benfica lui non gioca e non sfonda da un anno e mezzo mentre con i soldi ricavati dalla sua partenza il Milan ha trovato un Signor Bonaventura. Il Milan non fa programmazione? Per la verità, doveva essere italiano e schiera in media 7 italiani nell'undici di partenza ogni volta che scende in campo. Doveva essere giovane e ha trovato una signor spina dorsale giovane, 56 anni in 3, tutti e tre potenziali rossoneri per dieci anni e oltre: Donnarumma rimasto rossonero nonostante tante sirene grazie ai buoni rapporti, ebbene sì quando sono senza dolo possono esserci anche quelli, con Mino Raiola - Romagnoli (riserva della Roma? No grazie!) arrivato grazie all'ingente sacrificio con relativo investimento economico da parte del presidente Berlusconi su segnalazione convinta di SinisaMihajlovic -Niangrilanciato dal Genoa prima di rientrare al Milan grazie ai buoni rapporti, idem come sopra, con Enrico Preziosi.

Carlos Bacca ha segnato 6 gol in 12 partite giocate dall'inizio e ha portato gioco e punti al Milan. Ma se non segna per 2-3 partite, è subito involuto, un giocatore normale, uno che non fa la differenza. Perisic, invece, costato non molto meno di Bacca, ha segnato 1 gol dall'inizio della stagione ma è bravo, corre, lavora. Bacca è stato pagato e, dopo 6 gol, è subito nel mirino. Perisic è arrivato bello, rubicondo, gratis, ha 1 solo gol all'attivo, ma va tutto bene. Ecco l'aria strana, notata con intelligenza da SinisaMihajlovic.

Rudi Garcia farà fatica ad uscirne. La sua società ha fatto quadrato, ma il sentimento provato nei suoi confronti dai tifosi della Roma è lo stesso che dilagava fra i tifosi dell'Inter nelle ultime settimane dell'avventura nerazzurra di Walter Mazzarri. Non siamo ancora allo speaker dello stadio che divaga al momento del nome dell'allenatore, ma poco ci manca. E Garcia, lui sarà il primo ad ammetterlo con se stesso, non è quello dirompente, fresco e innovativo del primo anno.

Se la Roma avesse ceduto Iturbe al Genoa, avrebbe tenuto Ljajic, giocatore che peraltro piaceva molto al Milan nell'estate 2013. Rimasto Iturbe (pagato 30 milioni, come Bacca, ma qui nessuno lo ricorda mai), ecco il grande vantaggio concesso ad una diretta concorrente, l'Inter, con la cessione di AdemLjajic che ha tenuto in piedi i nerazzurri in dieci (ingiustamente in inferiorità numerica) al San Paolo. Nel calcio non ci sono esempi assoluti. Il calcio va e viene, si azzecca, si sbaglia, si vive.

I non-evoluti rossoneri amano il Milan? E noi amiamo loro, quelli veri. Non gli involuti, che stallano sempre sulle stesse tiritere, o gli involtini, visti gli ambienti da bar, nani, ballerine, loculi e infradito che esprimono e che in fondo vanno teneramente compatiti. Per i tifosi del Milan che amano essere informati e non strumentalizzati, i non-evoluti, quelli dei tempi non sospetti, sono nati con Alessandro Jacobone nell'estate del 2008, quando certe terga erano al caldo di Mediaset e di Milan Channel, qui ospitate a partire dal Dicembre 2001 a seguito delle forti e importanti pressioni di un big dello spogliatoio rossonero che oggi fa l'opinionista televisivo. Con i tifosi del Milan non-evoluti, quelli doc, non quelli dopo, abbiamo non soltanto dialogato su Milan Channel, ma anche lavorato: sono stati nostri ospiti in collegamento e in studio, potendo dire la loro sempre. Non solo, su loro segnalazione, assolutamente disinteressata, ma soprattutto educata e garbata, oggi la redazione del Canale fruisce di una presenza in più, una di quelle che piacciono alla gente tosta e seria che lavora tutto il santo giorno, una presenza professionale, gradevole, assolutamente all'altezza. Per cui possiamo e dobbiamo soltanto ringraziarli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.