HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Come cresce il fatturato con gli sceicchi, farà così anche l'Inter. Juventus come Bayern Monaco, il Milan butta soldi dalla finestra

Nato a Bergamo il 23-06-1984, a TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei, inviato per Francia 2016. Ha collaborato con Odeon, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 scrive per il Corriere della Sera
16.10.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 45984 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Sergio Aguero, James Rodriguez oppure Luis Suarez. Sembrano nomi da fantascienza, impossibili da richiedere alle proprie società di appartenenza se non per chi non ha trovato il modo per avere soldi infiniti (vita da coin-op e da console in generale) in un circuito chiuso come il calcio. Forse lo ha fatto l'Inter che con Suning pare avere pescato il classico jolly dal mazzo, trovando investitori in grado di mettere sul piatto argomenti convincenti, soprattutto monetari.

La vita è spesso una questione di timing, di tempo, di trovarsi al posto giusto nel momento corretto. Se ci fosse stata la globalizzazione quindici anni prima, con la crescita enorme di Cina e India, con la possibilità di rendere ecumenici gli eventi sportivi più di quanto non potessero esserlo prima, probabilmente parleremmo della Serie A come l'attuale Premier League. Perché i grandi investitori - come i Berlusconi o i Moratti - avrebbero portato nel nostro calcio i migliori giocatori del mondo, creandoci un fiocco e sfruttando il fatto del campionato più bello di tutti. Insomma, il Parma di Crespo e Veron, oppure la Fiorentina di Rui Costa e Batistuta, il Milan di Bierhoff Weah prima e Shevchenko dopo, l'Inter di Ronaldo e Vieri, la Lazio di Nedved, la Juventus di Zidane... probabilmente gli investitori avrebbero portato miliardi di euro (non c'è refuso, non c'è inganno) e il nostro pallone avrebbe vinto di merchandising, di marketing e di pubblicità. Come ora, insomma, perché il fatturato delle big inglesi è esploso per questo.

Ci sono, appunto, dei modi diversi per arrivare a fatturati spaventosi. Uno è quello del Bayern Monaco, sfruttato in parte dalla Juventus, fra stadio e infrastrutture, tra risultati sportivi e mosse molto più avanti rispetto a tutti. Certo, l'Allianz Arena (e la crisi del Monaco 1860) ha dato una mano molto superiore a quella dello Stadium, perché quasi doppio per capienza. Il Bayern è passato da 189 milioni di euro nel 2005 ai 450 del 2016: un'esplosione enorme soprattutto considerando che i diritti televisivi, in Bundes, sono molto inferiori rispetto a quelli italiani. Nel lungo periodo è il più sostenibile e il migliore, perché non deve rendere conto alle televisioni e, in parte, nemmeno alle possibilità di spese dei fan.

Poi c'è il modello inglese puro: quello che porta le grandi d'Inghilterra a triplicare il fatturato con merchandising, biglietti e tv, integrandolo con un altro bell'incasso come quello della Champions League. Che però è secondario, mentre per le nostre squadre è assolutamente principale. Il Manchester United che acquista Pogba e Ibrahimovic è però fuori dalle fab four, ed è un segnale abbastanza chiaro di come girano le cose in Inghilterra.

Infine ci sono gli sceicchi: arrivano, sponsorizzano, acquistano, discutono con l'UEFA del Fair Play Finanziario, cambiano regolamenti e trovano scorciatoie. È quello più facile, ma è anche redditizio. Perché il Manchester City è arrivato a fatturare, nel 2015, circa 350 milioni di sterline, 490 di euro. Ora con il Brexit e con il calo esagerato della valuta inglese sarà un bel po' differente, ma nel 2006 il Manchester City incassava circa 85 milioni di euro, come la Lazio e poco più della Fiorentina, ora ne vale quasi sei volte in più. Certo, è una scorciatoia, perché arrivando a Guardiola e Aguero il tuo nome risuona, rischia di diventare importante. L'Inter con Suning farà così: ha tenuto Icardi per farlo diventare una bandiera, un monumento, l'uomo copertina. Gabigol, come spiegato da Tronchetti Provera, potrebbe avere la forza commerciale di Ronaldo (almeno è quello che gli addetti del marketing proveranno a fare) ma l'idea è chiara: riuscire a prendersi una fetta importantissima di mercato nel sudest asiatico: l'Europa non ha nemmeno gli abitanti della Cina, se tutti tifassero Inter - cosa impossibile - il bacino d'utenza, anche in senso monetario, sarebbe totalmente differente. La globalizzazione aiuterà l'Inter come fatto con Paris Saint Germain e City, appunto.

Il fatturato della Juventus continua a salire, di anno in anno, mentre quello dell'Inter lo sta facendo, seppur a fatica. La Roma, con i suoi 214 milioni di euro è terza in Italia, il Napoli quinto e tallona l'Inter. Il secondo è ancora il Milan. Ma come? I rossoneri non hanno avuto la forza economica per anni perché bloccata da una struttura elefantiaca, soprattutto per gli emolumenti. Continuare ad acquistare a zero per poi retribuire salari esagerati ha portato a una contrazione: i costi fissi hanno distrutto il Milan, che poi ha speso malissimo i propri oboli. Quindi la domanda successiva può essere: tocca cedere Romagnoli e Donnarumma per tentare di fare qualcosa di più? La risposta è sì, perché il Milan in questo momento non è la seconda squadra d'Italia, forse non è nemmeno nelle prime cinque: azzerare e ripartire è il modo migliore, a meno che questi fantomatici cinesi (l'Inter nel frattempo è passata di mano due volte mentre il Milan è ancora al primo step) non vogliano davvero investire. A quel punto bisognerebbe ringraziare la globalizzazione. Anche per un cambio dirigenza che è arrivato davvero troppo tardi, dopo soldi spesi in maniera completamente errata.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.