VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Consigli a presidenti e direttori sportivi: i migliori 10 giovani allenatori italiani

Nato ad Avellino il 30-09-1983, si è trasferito a Milano per lavorare ad Eurosport e Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb dal 2007 e di Sportitalia. Conduttore del Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012, fondatore della società Micri Communicat
23.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43553 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Nell'era degli Inzaghi, Seedorf e Stramaccioni, vogliamo fare alcune riflessioni sui giovani allenatori; del presente e del futuro. La moda dei "Guardiola" sta lentamente finendo perché i presidenti hanno capito che, la maggior parte delle volte, risparmiare e fare la scommessa della vita non porta a nulla. Fino a due anni fa, il passaggio dal campo alla panchina era repentino. Sono andati così, lentamente, in soffitta gli allenatori navigati con esperienza trentennale. Hanno pagato questa corsa al giovane, i vari Cavasin, Mutti, Cagni, Colomba, Silvio Baldini e tanti altri che con la loro esperienza avrebbero fatto comodo a tante società. Poi ci sono le esplosioni lente, vedi Sarri ad Empoli, gli sconfitti che vanno sempre di moda, l'esempio è Zeman, e le giovani promesse mancate, quelli del "vorrei ma non posso". Marcolin, Aglietti, Calori, Zola, Pancaro e altri mille che hanno avuto le loro occasioni ma le hanno bruciate una dietro l'altra. Chi per incapacità e chi per presunzione. Guardiamo al futuro, proviamo ad individuare dieci giovani allenatori che faranno una grande carriera. Un tecnico non si giudica mai al primo anno, ne occorrono almeno tre. Bisogna valutare le idee, il gioco, ma soprattutto il suo comportamento nello spogliatoio. Poi bisogna capire se l'allenatore è un aziendalista oppure un testardo presuntuoso. Gli allenatori, oggi, devono essere manager e non tecnici. A loro, e grazie a loro, si devono meriti o demeriti di club che fanno il salto di qualità o falliscono. Sono allenatori che, nella peggiore delle ipotesi, gestiscono capitali da 6-7 milioni di euro. La nostra lista, le nostre spiegazioni. Consigli, forse, utili per il futuro.

Roberto Stellone, classe 1977. Scadenza con il Frosinone 2015
Ha il profilo giusto per allenare, già dal prossimo anno, in serie A. Porta il Frosinone in B al primo colpo, sta disputando una cadetteria da vertice e, tranne alcuni alti e bassi, ha un rendimento superlativo. Le sue squadre giocano molto bene in fase offensiva, specchio di un allenatore ex attaccante, dà grande sostanza e anche fuori dal campo ha il giusto atteggiamento. Una sorpresa per il suo approccio alla panchina. Gli manca l'ultimo anno a grandi livelli per la definitiva consacrazione. Miglior modulo, un pulito 4-4-2.

Massimo Rastelli, classe 1968. Scadenza con l'Avellino 2016
Ha fatto tutta la gavetta possibile, dalla Juve Stabia al Brindisi, da Portogruaro ad Avellino. Per conto suo parlano i numeri. In carriera ha una media di partite vinte del 41,6% e solo il 28,9% di sconfitte. Il vero artefice del miracolo Avellino di questo triennio. Una promozione in B con una squadra partita per fare un campionato di metà classifica, play off sfiorati lo scorso anno in B e quest'anno un campionato da vertice. Tutto questo con squadre che costano alla Proprietà gli stessi soldi ricevuti dalla mutualità della Lega. Il classico esempio di allenatore manager; individua i giocatori, li sceglie e li allena. Lo segue, non a caso, l'Atalanta. A lui si deve l'esplosione di Zappacosta e la seconda giovinezza di Castaldo. La fotografia di Rastelli è Galabinov. Cambiato allenatore, cambiato il rendimento. 3-5-2 pulitissimo con esterni utili nella doppia fase. Il suo problema più grande è quello di allenare nella sua Regione. Troppe pressioni ed aspettative. Un unico dubbio: la preparazione atletica. Nel girone di ritorno troppi cali, rispetto a quello di andata.

Roberto De Zerbi, classe 1979. Scadenza con il Foggia 2015
Da calciatore lo abbiamo lasciato arrogante e che si trascinava sul finale di carriera. Ha iniziato da allenatore ed è partito con il botto. Un ragazzino in panchina ma con il carattere giusto per farsi rispettare da tutti. Vera rivelazione dei tre gironi di Lega Pro. Il Foggia lotta per i play off con una squadra normalissima e costata pochissimo. De Zerbi ha grandi idee di gioco ed è molto pratico. Valorizza gli attaccanti, in accordo a quella che era la sua filosofia da calciatore. Può arrivare molto lontano. Modulo preferito: 4-3-3, come quello di Pasquale Marino ai tempi del Catania di De Zerbi, Mascara e Spinesi. 43,3% di vittorie ottenute e solo il 20% di sconfitte.

Mimmo Toscano, classe 1971. Scadenza con il Novara 2016
Allenatore giovane con idee da innovatore. Pragmatico e concreto. A Cosenza e Terni ha sorpreso tutti con i suoi risultati e le sue promozioni. Arrivava dalle giovanili del Rende e, da subito, ha saputo vincere con i grandi. Ha una grande dote: farsi rispettare nello spogliatoio e tenere sempre unito il gruppo. Si trascina da anni uno staff tecnico di elevatissima preparazione e ha capito che un allenatore meridionale per sfondare non deve restare in Patria ma deve emigrare al Nord. Ha una sua idea di gioco: 3-4-3, ma la sua duttilità quest'anno a Novara lo ha portato a giocare con il 3-5-2. Valorizza i giovani e fa guidare il gruppo ai "vecchi". Secondo i filosofi vince chi fa la collezione di figurine, gli hanno detto che aveva una corazzata ma per trequarti di stagione ha giocato con giovani del 96 (Dickmann), 95 (Schiavi) 94 (Vicari) e altri 90 come Tozzo, Bianchi, Faragò e Corazza. Ottimi metodi di allenamento. Se, davvero, questa squadra è diventata una corazzata grazie a Toscano lo dimostrerà nelle ultime 7 giornate. A Terni, in molti, lo rimpiangono.

Antonino Asta, classe 1970. Scadenza con il Bassano 2015
Signori, qui stiamo parlando di un allenatore che ha tutto per sfondare. Lo stiamo tenendo d'occhio da due anni e i risultati sono eccellenti, anche nelle difficoltà. Partito bene con le giovanili del Torino, potrebbe rappresentare proprio il futuro del Toro ed invece è stato scaricato con troppa fretta. Bene lo scorso anno a Monza, benissimo quest'anno a Bassano. Ama giocare con il 4-2-3-1, anche perché ha gli uomini per farlo. Iocolano ammazza gli avversari e Nolè e Pietribiasi li abbattono del tutto. Centrocampo di quantità, difesa da perfezionare, ma la qualità non si può improvvisare. Ha avuto un periodo di calo ma poi con 4 vittorie consecutive è tornato a lottare per la vetta, con 3 successi ottenuti in trasferta. Gran motivatore, non molla mai. Pronto per la B, con o senza Bassano.

Stefano Vecchi, classe 1971. Scadenza Inter Primavera 2016
La sua scelta può essere condivisibile o meno, noi non la condividiamo, ma il risultato non cambia. Anche con la squadra Primavera dell'Inter vince. Il Viareggio in cassaforte e la voglia di tornare ad allenare i grandi. All'apice della sua carriera è tornato indietro e nessuno glielo aveva chiesto. Il miracolo di oggi del Carpi capolista parte dalle sue fondamenta. Ottima stagione anche con il Sudtirol. Ha fatto tutta la trafila, quest'anno avrebbe avuto altre grandi occasioni in B ma il tempo per rimediare c'è tutto. Le sue squadre giocano bene e vincono.

Roberto D'Aversa, classe 1975. Scadenza con il Lanciano 2015
Continuare nel segno di Baroni non era facile, eppure è riuscito a tenere il Lanciano ad alti livelli. Il rischio era altissimo, lui è stato bravo a tenere unito il gruppo e alta l'attenzione. Prima direttore tecnico, poi allenatore. D'Aversa ha bisogno di altri due anni di rodaggio prima di essere del tutto pronto. Le premesse sono ottime anche se, quando non passi per i campi di Lega Pro, qualcosa ti manca sempre. Che alleni in B o in A. Lui ha avuto la fortuna di partire direttamente dal secondo piano del palazzo. Predilige il 4-3-3 ma cambia spesso e bene. Classico esempio di allenatore aziendalista.

Michele Marcolini, classe 1975. Scadenza con il Real Vicenza 2015
Lui diventerà allenatore. Prepara benissimo le partite, conosce tutti i calciatori e sa lavorare sia con i giovani che con le vecchie volpi (vedi Bruno). L'ex centrocampista del Chievo Verona è nel nostro mirino già da un paio di anni. E' partito subito forte con il Lumezzane, ricordandoci un po' Davide Nicola. Al Real Vicenza ha fatto un girone di andata da fuoriclasse, andando al di là delle più rosee aspettative, ma questo si è rivelato un boomerang perché ha fatto credere che una squadra buona fosse diventata la regina del torneo. Ha pagato con un esonero assurdo ed è stato richiamato ma, ormai, è troppo tardi e in queste ultime 7 giornate di campionato potrà dire poco alla stagione. Lui ha vinto! Giovane e preparato. Gli serve un altro anno di Lega Pro, ma con squadre che puntano a vincere, e poi sarà pronto per il salto in B. Farà strada.

Davide Nicola, classe 1973. Scadenza con il Bari 2016
Aveva detto che non avrebbe accettato proposte dalla B perché voleva la A. Poi ha fatto la fesseria ed è sceso di categoria, anche se la piazza è da serie A. Nicola è il classico esempio di allenatore gentiluomo. Persona educata e tecnico preparato. La B gli sta stretta. Ha bruciato tante tappe grazie a quel "folle" di Spinelli che lo prese a Livorno, dopo un solo anno a Lumezzane. Lui ha ripagato con i fatti e soprattutto con i risultati. In carriera ha vinto tanto (37,6%) e perso tanto (37%). Pareggia di meno (25,5% di pari in 4 anni). Lo aspettiamo in serie A.

Pasquale Padalino, classe 1972. Svincolato
Qui andiamo controcorrente. Non ha ancora vissuto fasi up della sua carriera, eppure crediamo tantissimo nelle sue qualità. Metodi di allenamento eccellenti, pugno di ferro quando serve e grande preparazione generica. Strano che finora ancora non sia esploso. Aspetta il suo momento ma se continua a scegliere Presidenti come Camilli, la sua esplosione avverrà nel 2034. 3-5-2 pragmatico, non si intestardisce sul 4-3-3 di zemaniana memoria. Nel breve potrebbe essere una piacevole sorpresa. Gli va data fiducia ma soprattutto gli va dato un anno intero per fare il suo mestiere.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.