HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Conte, basta piangere! Se vuoi, vai pure... Calciopoli, hanno perso tutti. Valzer delle panchine, retroscena e curiosità

30.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 40776 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Qualcuno, gentilmente, può liberarci di Antonio Conte? Il C.T. ha battuto tutti i record. Prima stava sulle scatole a tutti gli anti-juventini d'Italia, adesso li ha riuniti tutti. Diciamolo anche ad alta voce: non se ne può più di un allenatore che piange un giorno sì e l'altro pure. Minaccia, ad ogni giro azzurro, di andarsene e Carletto (No Tav) lo insegue come un fidanzato disperato per convincerlo a non andare via di casa. Non si fanno gli stage? Me ne vado! La Procura di Cremona continua ad indagare sui miei trascorsi a Siena? Me ne vado! Marchisio si è rotto e gli Elkann mi attaccano? Me ne vado! Vai Antonio, vai... Se ogni volta devi minacciare l'addio, stai sereno che nel nostro Paese abbiamo problemi ben più gravi di un allenatore che vuole lasciare il posto di lavoro per il quale viene pagato cinque milioni netti all'anno per due anni. Carletto (No Tav), ti do un consiglio: con questi soldi che risparmieresti dall'ingaggio di Conte potresti far firmare un bel biennale con opzione sul terzo e quarto anno a Fabio Capello. Lì in Russia, Don Fabio non prende soldi e l'Italia avrebbe un allenatore con mille A maiuscole. Basta coi giochini di Conte, il quale non aspetta altro che andare via da moralizzatore. La verità è che Antonio aveva sottovalutato il problema e, dopo la Juventus, non resisteva a restare a casa. Così come è fuggito da Vinovo, prepara la fuga da Coverciano. Si è reso conto che questa Italia non ha italiani di valore e soprattutto che questo ruolo non gli si addice. Cerca una panchina per 365 giorni all'anno e, ogni volta, matura l'idea di cambiare aria. Non vogliamo discutere dei metodi di allenamento, ma al CT dovrebbe essere chiaro che quando i calciatori gli arrivano in azzurro deve farsi il segno della croce e sperare che siano allenati; non può credere di fare una preparazione ad hoc in quei quattro giorni di raduno. E' stata la dura vita di Lippi, Donadoni, Prandelli e adesso tocca a lui. Quando ha firmato il contratto da dieci milioni di euro fino all'Europeo sapeva bene che non esistono stage, non esistono talenti e non esistono vie di fuga. Ci auguriamo per la Federazione che abbia inserito realmente una clausola in caso di addio: una penale che "obblighi" il Ct a non abbandonare la nave prima dei prossimi Europei.
E' stata la settimana di calciopoli, nove anni dopo si è chiusa la partita sullo 0-0. Non daremo giudizi perché non abbiamo la presunzione di dire quello che la giustizia in più di 3.000 giorni non è stata in grado di dirci. Facciamo semplici osservazioni. La prima: la giustizia sportiva va cancellata dalla a alla z e va riscritta con regole nuove e chiare. Se la giustizia sportiva radia o squalifica una persona dopo sei mesi e la giustizia ordinaria la assolve dopo nove anni ci sarà una incongruenza? Sì o No? Mette la X sopra. Se gli arbitri Bertini, Dattilo e compagnia cantando sono stati assolti, la cupola da chi era composta? Se Moggi è stato "prescritto" ma era il vero Diavolo del sistema, perché in nove anni non hanno prodotto prove chiare ed inconfutabili da spedirlo a Santo Domingo? Siamo in un Paese dove la giustizia sportiva e quella ordinaria parlano due lingue completamente differenti. Agli assolti chi restituirà il danaro e la carriera mandata in frantumi da giudici approssimativi e una Procura Federale che va contro a prescindere? Aprite gli occhi e giudicate sui fatti e non sulle carte. Moggi è stato incolpato per aver chiuso teatralmente Paparesta nello spogliatoio. Moggi è uno che al telefono racconta e inventa storie per pompare il suo ego ma, se un reato non l'ha commesso, la giustizia non può accusarlo di "pavoneggeria". Sarà un reato, certo, ma morale. Il sorteggio era manipolato ma nove anni dopo non hanno trovato il dvd che era la madre di tutte le prove. Ultima domanda: secondo voi, nove anni dopo, il calcio italiano è migliorato?
E' ancora presto per parlare di mercato ma, siccome il campionato è finito ed è una noia mortale, analizziamo il futuro delle panchine. Mihajlovic ha già confidato agli amici romani che il prossimo anno non allenerà la "Samp&Doria". Ferrero e Osti stanno studiando diversi profili: piace Di Francesco che potrebbe andare via da Sassuolo e per lui si sono chiuse le porte di Firenze, dove Montella dovrebbe restare. A Roma spingono Mazzarri e Branca ma, alla fine dei giochi, potrebbe restare Sabatini e al massimo ci sarà l'addio di Garcia; tutto dipenderà dal secondo posto. Il Milan non conferma Inzaghi, e fin qui ci siamo, ma studia varie ipotesi: quella Sarri è concreta e suggestiva. Salvo disastri finali, l'Udinese andrà avanti con Stramaccioni che ha ancora un anno di contratto e sarà allungato anche al Direttore Sportivo, Cristiano Giaretta in scadenza. A Palermo la corte serrata di Zamparini a Nicola Salerno continua (le mogli di Salerno e Zamparini andavano a scuola insieme) ma il ds non è tentato dal progetto rosanero, anche se vuole lasciare il Leeds a fine anno. La Lazio continua con Pioli, l'Inter con Mancini e, forse, il Palermo con Iachini. L'Atalanta aspetta il finale di stagione, perde quota l'ipotesi Rastelli.
Credo che abbiamo detto tutto. Al massimo, il resto, lo scriviamo lunedì prossimo.
Buona Pasqua.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.