HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Conte, basta piangere! Se vuoi, vai pure... Calciopoli, hanno perso tutti. Valzer delle panchine, retroscena e curiosità

30.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 40776 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Qualcuno, gentilmente, può liberarci di Antonio Conte? Il C.T. ha battuto tutti i record. Prima stava sulle scatole a tutti gli anti-juventini d'Italia, adesso li ha riuniti tutti. Diciamolo anche ad alta voce: non se ne può più di un allenatore che piange un giorno sì e l'altro pure. Minaccia, ad ogni giro azzurro, di andarsene e Carletto (No Tav) lo insegue come un fidanzato disperato per convincerlo a non andare via di casa. Non si fanno gli stage? Me ne vado! La Procura di Cremona continua ad indagare sui miei trascorsi a Siena? Me ne vado! Marchisio si è rotto e gli Elkann mi attaccano? Me ne vado! Vai Antonio, vai... Se ogni volta devi minacciare l'addio, stai sereno che nel nostro Paese abbiamo problemi ben più gravi di un allenatore che vuole lasciare il posto di lavoro per il quale viene pagato cinque milioni netti all'anno per due anni. Carletto (No Tav), ti do un consiglio: con questi soldi che risparmieresti dall'ingaggio di Conte potresti far firmare un bel biennale con opzione sul terzo e quarto anno a Fabio Capello. Lì in Russia, Don Fabio non prende soldi e l'Italia avrebbe un allenatore con mille A maiuscole. Basta coi giochini di Conte, il quale non aspetta altro che andare via da moralizzatore. La verità è che Antonio aveva sottovalutato il problema e, dopo la Juventus, non resisteva a restare a casa. Così come è fuggito da Vinovo, prepara la fuga da Coverciano. Si è reso conto che questa Italia non ha italiani di valore e soprattutto che questo ruolo non gli si addice. Cerca una panchina per 365 giorni all'anno e, ogni volta, matura l'idea di cambiare aria. Non vogliamo discutere dei metodi di allenamento, ma al CT dovrebbe essere chiaro che quando i calciatori gli arrivano in azzurro deve farsi il segno della croce e sperare che siano allenati; non può credere di fare una preparazione ad hoc in quei quattro giorni di raduno. E' stata la dura vita di Lippi, Donadoni, Prandelli e adesso tocca a lui. Quando ha firmato il contratto da dieci milioni di euro fino all'Europeo sapeva bene che non esistono stage, non esistono talenti e non esistono vie di fuga. Ci auguriamo per la Federazione che abbia inserito realmente una clausola in caso di addio: una penale che "obblighi" il Ct a non abbandonare la nave prima dei prossimi Europei.
E' stata la settimana di calciopoli, nove anni dopo si è chiusa la partita sullo 0-0. Non daremo giudizi perché non abbiamo la presunzione di dire quello che la giustizia in più di 3.000 giorni non è stata in grado di dirci. Facciamo semplici osservazioni. La prima: la giustizia sportiva va cancellata dalla a alla z e va riscritta con regole nuove e chiare. Se la giustizia sportiva radia o squalifica una persona dopo sei mesi e la giustizia ordinaria la assolve dopo nove anni ci sarà una incongruenza? Sì o No? Mette la X sopra. Se gli arbitri Bertini, Dattilo e compagnia cantando sono stati assolti, la cupola da chi era composta? Se Moggi è stato "prescritto" ma era il vero Diavolo del sistema, perché in nove anni non hanno prodotto prove chiare ed inconfutabili da spedirlo a Santo Domingo? Siamo in un Paese dove la giustizia sportiva e quella ordinaria parlano due lingue completamente differenti. Agli assolti chi restituirà il danaro e la carriera mandata in frantumi da giudici approssimativi e una Procura Federale che va contro a prescindere? Aprite gli occhi e giudicate sui fatti e non sulle carte. Moggi è stato incolpato per aver chiuso teatralmente Paparesta nello spogliatoio. Moggi è uno che al telefono racconta e inventa storie per pompare il suo ego ma, se un reato non l'ha commesso, la giustizia non può accusarlo di "pavoneggeria". Sarà un reato, certo, ma morale. Il sorteggio era manipolato ma nove anni dopo non hanno trovato il dvd che era la madre di tutte le prove. Ultima domanda: secondo voi, nove anni dopo, il calcio italiano è migliorato?
E' ancora presto per parlare di mercato ma, siccome il campionato è finito ed è una noia mortale, analizziamo il futuro delle panchine. Mihajlovic ha già confidato agli amici romani che il prossimo anno non allenerà la "Samp&Doria". Ferrero e Osti stanno studiando diversi profili: piace Di Francesco che potrebbe andare via da Sassuolo e per lui si sono chiuse le porte di Firenze, dove Montella dovrebbe restare. A Roma spingono Mazzarri e Branca ma, alla fine dei giochi, potrebbe restare Sabatini e al massimo ci sarà l'addio di Garcia; tutto dipenderà dal secondo posto. Il Milan non conferma Inzaghi, e fin qui ci siamo, ma studia varie ipotesi: quella Sarri è concreta e suggestiva. Salvo disastri finali, l'Udinese andrà avanti con Stramaccioni che ha ancora un anno di contratto e sarà allungato anche al Direttore Sportivo, Cristiano Giaretta in scadenza. A Palermo la corte serrata di Zamparini a Nicola Salerno continua (le mogli di Salerno e Zamparini andavano a scuola insieme) ma il ds non è tentato dal progetto rosanero, anche se vuole lasciare il Leeds a fine anno. La Lazio continua con Pioli, l'Inter con Mancini e, forse, il Palermo con Iachini. L'Atalanta aspetta il finale di stagione, perde quota l'ipotesi Rastelli.
Credo che abbiamo detto tutto. Al massimo, il resto, lo scriviamo lunedì prossimo.
Buona Pasqua.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.