HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Conte, basta piangere! Se vuoi, vai pure... Calciopoli, hanno perso tutti. Valzer delle panchine, retroscena e curiosità

30.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 40776 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Qualcuno, gentilmente, può liberarci di Antonio Conte? Il C.T. ha battuto tutti i record. Prima stava sulle scatole a tutti gli anti-juventini d'Italia, adesso li ha riuniti tutti. Diciamolo anche ad alta voce: non se ne può più di un allenatore che piange un giorno sì e l'altro pure. Minaccia, ad ogni giro azzurro, di andarsene e Carletto (No Tav) lo insegue come un fidanzato disperato per convincerlo a non andare via di casa. Non si fanno gli stage? Me ne vado! La Procura di Cremona continua ad indagare sui miei trascorsi a Siena? Me ne vado! Marchisio si è rotto e gli Elkann mi attaccano? Me ne vado! Vai Antonio, vai... Se ogni volta devi minacciare l'addio, stai sereno che nel nostro Paese abbiamo problemi ben più gravi di un allenatore che vuole lasciare il posto di lavoro per il quale viene pagato cinque milioni netti all'anno per due anni. Carletto (No Tav), ti do un consiglio: con questi soldi che risparmieresti dall'ingaggio di Conte potresti far firmare un bel biennale con opzione sul terzo e quarto anno a Fabio Capello. Lì in Russia, Don Fabio non prende soldi e l'Italia avrebbe un allenatore con mille A maiuscole. Basta coi giochini di Conte, il quale non aspetta altro che andare via da moralizzatore. La verità è che Antonio aveva sottovalutato il problema e, dopo la Juventus, non resisteva a restare a casa. Così come è fuggito da Vinovo, prepara la fuga da Coverciano. Si è reso conto che questa Italia non ha italiani di valore e soprattutto che questo ruolo non gli si addice. Cerca una panchina per 365 giorni all'anno e, ogni volta, matura l'idea di cambiare aria. Non vogliamo discutere dei metodi di allenamento, ma al CT dovrebbe essere chiaro che quando i calciatori gli arrivano in azzurro deve farsi il segno della croce e sperare che siano allenati; non può credere di fare una preparazione ad hoc in quei quattro giorni di raduno. E' stata la dura vita di Lippi, Donadoni, Prandelli e adesso tocca a lui. Quando ha firmato il contratto da dieci milioni di euro fino all'Europeo sapeva bene che non esistono stage, non esistono talenti e non esistono vie di fuga. Ci auguriamo per la Federazione che abbia inserito realmente una clausola in caso di addio: una penale che "obblighi" il Ct a non abbandonare la nave prima dei prossimi Europei.
E' stata la settimana di calciopoli, nove anni dopo si è chiusa la partita sullo 0-0. Non daremo giudizi perché non abbiamo la presunzione di dire quello che la giustizia in più di 3.000 giorni non è stata in grado di dirci. Facciamo semplici osservazioni. La prima: la giustizia sportiva va cancellata dalla a alla z e va riscritta con regole nuove e chiare. Se la giustizia sportiva radia o squalifica una persona dopo sei mesi e la giustizia ordinaria la assolve dopo nove anni ci sarà una incongruenza? Sì o No? Mette la X sopra. Se gli arbitri Bertini, Dattilo e compagnia cantando sono stati assolti, la cupola da chi era composta? Se Moggi è stato "prescritto" ma era il vero Diavolo del sistema, perché in nove anni non hanno prodotto prove chiare ed inconfutabili da spedirlo a Santo Domingo? Siamo in un Paese dove la giustizia sportiva e quella ordinaria parlano due lingue completamente differenti. Agli assolti chi restituirà il danaro e la carriera mandata in frantumi da giudici approssimativi e una Procura Federale che va contro a prescindere? Aprite gli occhi e giudicate sui fatti e non sulle carte. Moggi è stato incolpato per aver chiuso teatralmente Paparesta nello spogliatoio. Moggi è uno che al telefono racconta e inventa storie per pompare il suo ego ma, se un reato non l'ha commesso, la giustizia non può accusarlo di "pavoneggeria". Sarà un reato, certo, ma morale. Il sorteggio era manipolato ma nove anni dopo non hanno trovato il dvd che era la madre di tutte le prove. Ultima domanda: secondo voi, nove anni dopo, il calcio italiano è migliorato?
E' ancora presto per parlare di mercato ma, siccome il campionato è finito ed è una noia mortale, analizziamo il futuro delle panchine. Mihajlovic ha già confidato agli amici romani che il prossimo anno non allenerà la "Samp&Doria". Ferrero e Osti stanno studiando diversi profili: piace Di Francesco che potrebbe andare via da Sassuolo e per lui si sono chiuse le porte di Firenze, dove Montella dovrebbe restare. A Roma spingono Mazzarri e Branca ma, alla fine dei giochi, potrebbe restare Sabatini e al massimo ci sarà l'addio di Garcia; tutto dipenderà dal secondo posto. Il Milan non conferma Inzaghi, e fin qui ci siamo, ma studia varie ipotesi: quella Sarri è concreta e suggestiva. Salvo disastri finali, l'Udinese andrà avanti con Stramaccioni che ha ancora un anno di contratto e sarà allungato anche al Direttore Sportivo, Cristiano Giaretta in scadenza. A Palermo la corte serrata di Zamparini a Nicola Salerno continua (le mogli di Salerno e Zamparini andavano a scuola insieme) ma il ds non è tentato dal progetto rosanero, anche se vuole lasciare il Leeds a fine anno. La Lazio continua con Pioli, l'Inter con Mancini e, forse, il Palermo con Iachini. L'Atalanta aspetta il finale di stagione, perde quota l'ipotesi Rastelli.
Credo che abbiamo detto tutto. Al massimo, il resto, lo scriviamo lunedì prossimo.
Buona Pasqua.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.