HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Conte, basta piangere! Se vuoi, vai pure... Calciopoli, hanno perso tutti. Valzer delle panchine, retroscena e curiosità

30.03.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 40770 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Qualcuno, gentilmente, può liberarci di Antonio Conte? Il C.T. ha battuto tutti i record. Prima stava sulle scatole a tutti gli anti-juventini d'Italia, adesso li ha riuniti tutti. Diciamolo anche ad alta voce: non se ne può più di un allenatore che piange un giorno sì e l'altro pure. Minaccia, ad ogni giro azzurro, di andarsene e Carletto (No Tav) lo insegue come un fidanzato disperato per convincerlo a non andare via di casa. Non si fanno gli stage? Me ne vado! La Procura di Cremona continua ad indagare sui miei trascorsi a Siena? Me ne vado! Marchisio si è rotto e gli Elkann mi attaccano? Me ne vado! Vai Antonio, vai... Se ogni volta devi minacciare l'addio, stai sereno che nel nostro Paese abbiamo problemi ben più gravi di un allenatore che vuole lasciare il posto di lavoro per il quale viene pagato cinque milioni netti all'anno per due anni. Carletto (No Tav), ti do un consiglio: con questi soldi che risparmieresti dall'ingaggio di Conte potresti far firmare un bel biennale con opzione sul terzo e quarto anno a Fabio Capello. Lì in Russia, Don Fabio non prende soldi e l'Italia avrebbe un allenatore con mille A maiuscole. Basta coi giochini di Conte, il quale non aspetta altro che andare via da moralizzatore. La verità è che Antonio aveva sottovalutato il problema e, dopo la Juventus, non resisteva a restare a casa. Così come è fuggito da Vinovo, prepara la fuga da Coverciano. Si è reso conto che questa Italia non ha italiani di valore e soprattutto che questo ruolo non gli si addice. Cerca una panchina per 365 giorni all'anno e, ogni volta, matura l'idea di cambiare aria. Non vogliamo discutere dei metodi di allenamento, ma al CT dovrebbe essere chiaro che quando i calciatori gli arrivano in azzurro deve farsi il segno della croce e sperare che siano allenati; non può credere di fare una preparazione ad hoc in quei quattro giorni di raduno. E' stata la dura vita di Lippi, Donadoni, Prandelli e adesso tocca a lui. Quando ha firmato il contratto da dieci milioni di euro fino all'Europeo sapeva bene che non esistono stage, non esistono talenti e non esistono vie di fuga. Ci auguriamo per la Federazione che abbia inserito realmente una clausola in caso di addio: una penale che "obblighi" il Ct a non abbandonare la nave prima dei prossimi Europei.
E' stata la settimana di calciopoli, nove anni dopo si è chiusa la partita sullo 0-0. Non daremo giudizi perché non abbiamo la presunzione di dire quello che la giustizia in più di 3.000 giorni non è stata in grado di dirci. Facciamo semplici osservazioni. La prima: la giustizia sportiva va cancellata dalla a alla z e va riscritta con regole nuove e chiare. Se la giustizia sportiva radia o squalifica una persona dopo sei mesi e la giustizia ordinaria la assolve dopo nove anni ci sarà una incongruenza? Sì o No? Mette la X sopra. Se gli arbitri Bertini, Dattilo e compagnia cantando sono stati assolti, la cupola da chi era composta? Se Moggi è stato "prescritto" ma era il vero Diavolo del sistema, perché in nove anni non hanno prodotto prove chiare ed inconfutabili da spedirlo a Santo Domingo? Siamo in un Paese dove la giustizia sportiva e quella ordinaria parlano due lingue completamente differenti. Agli assolti chi restituirà il danaro e la carriera mandata in frantumi da giudici approssimativi e una Procura Federale che va contro a prescindere? Aprite gli occhi e giudicate sui fatti e non sulle carte. Moggi è stato incolpato per aver chiuso teatralmente Paparesta nello spogliatoio. Moggi è uno che al telefono racconta e inventa storie per pompare il suo ego ma, se un reato non l'ha commesso, la giustizia non può accusarlo di "pavoneggeria". Sarà un reato, certo, ma morale. Il sorteggio era manipolato ma nove anni dopo non hanno trovato il dvd che era la madre di tutte le prove. Ultima domanda: secondo voi, nove anni dopo, il calcio italiano è migliorato?
E' ancora presto per parlare di mercato ma, siccome il campionato è finito ed è una noia mortale, analizziamo il futuro delle panchine. Mihajlovic ha già confidato agli amici romani che il prossimo anno non allenerà la "Samp&Doria". Ferrero e Osti stanno studiando diversi profili: piace Di Francesco che potrebbe andare via da Sassuolo e per lui si sono chiuse le porte di Firenze, dove Montella dovrebbe restare. A Roma spingono Mazzarri e Branca ma, alla fine dei giochi, potrebbe restare Sabatini e al massimo ci sarà l'addio di Garcia; tutto dipenderà dal secondo posto. Il Milan non conferma Inzaghi, e fin qui ci siamo, ma studia varie ipotesi: quella Sarri è concreta e suggestiva. Salvo disastri finali, l'Udinese andrà avanti con Stramaccioni che ha ancora un anno di contratto e sarà allungato anche al Direttore Sportivo, Cristiano Giaretta in scadenza. A Palermo la corte serrata di Zamparini a Nicola Salerno continua (le mogli di Salerno e Zamparini andavano a scuola insieme) ma il ds non è tentato dal progetto rosanero, anche se vuole lasciare il Leeds a fine anno. La Lazio continua con Pioli, l'Inter con Mancini e, forse, il Palermo con Iachini. L'Atalanta aspetta il finale di stagione, perde quota l'ipotesi Rastelli.
Credo che abbiamo detto tutto. Al massimo, il resto, lo scriviamo lunedì prossimo.
Buona Pasqua.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.