HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Conte: Bernardeschi il "suo" giocatore. Juve-Inter: settimana Juve. Milan-Inter: rilancio e sopravvivenza. Napoli: Sarri in tilt. Sinisa: lui vuole "allenare"

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
27.02.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27612 volte
Conte: Bernardeschi il "suo" giocatore. Juve-Inter: settimana Juve. Milan-Inter: rilancio e sopravvivenza. Napoli: Sarri in tilt. Sinisa: lui vuole "allenare"

Una settimana fa riferivamo della voce "Allegri è già a Londra". Non ce ne eravamo innamorati, ne avevamo scritto senza passioni e senza pregiudizi, ma il borsino mediatico degli ultimi giorni porta Antonio Conte al Chelsea e non il tecnico di Livorno. Se così fosse, i giocatori da ristorante da 100 euro fra i Blues già ci sono. Mancano quelli da 10 euro, perché ad Antonio Conte piace moltissimo costruirsi le squadre con un mix di classe e di giocatori votati al sacrificio pronti a dare tutto per la corsa e per lui che li sceglie. C'è un giocatore perfetto, non che costi 10 euro ma nemmeno 1000, per questo tipo di allestimento, il giocatore che è oggi l'evoluzione di El Shaarawy, il giocatore che abbina tecnica e corsa, serietà e discrezione, un volto meno esotico rispetto a quello di Insigne, ma con tanta sostanza: Federico Bernardeschi. Non ci sarà l'ammucchiata di italiani nell'eventuale nuovo Chelsea di Conte perché, nonostante lui stesso sia il Ct azzurro, non va matto per usi e costumi del nostro calcio, a meno che decida di fare sfoggio di personalità attingendo dai connazionali per marcare la differenza un po' come ha fatto per anni Arsene Wenger con i francesi all'Arsenal. Ma non crediamo. Per cui uno giovane, forte, serio e mirato: Bernardeschi.

La settimana pre Juve-Inter ha tenuto viva la squadra bianconera in Champions League, ha sgomberato i cieli di Torino dalle voci sulla partenza di Allegri, ha riempito di nubi finanziarie e societarie la parte di cielo nerazzurro sopra Milano. E ha anche rimesso in gioco Kondogbia, che torna sul luogo del delitto (i Club italiani lo hanno notato per le due ottime gare che fece contro i bianconeri con il Monaco in Champions un anno fa), anche se alla luce del rendimento intermittente del francese è tutto da vedere se sia davvero un danno per la Juventus. Adesso si gioca, ma campo e media passano alla partita di domenica sera un testimone tutto bianconero.

Non c'è nessuna attinenza fra il caso Mr. Bee e il caso Thohir. Il Milan cerca nuovi soci per rilanciarsi sul mercato, per salire di livello nelle spese per rinforzare la squadra, non per sopravvivere. Il tema, nonostante nani e ballerine tentino di troncare e sopire in maniera non credibile agli occhi dei tifosi, sull'altra sponda del Naviglio è proprio quello invece, la quotidianità, la fine della stagione non proprio la sopravvivenza, mancherebbe altro, ma qualcosa che rischia di somigliargli. Dopo 18 anni di "ghe pensi mi" a qualsiasi costo di Massimo Moratti, eccoci alla ricerca, affannosa?, di soci da parte di Erick Thohir dopo soli due anni e mezzo di presidenza. Le attenuanti non mancano: il calcio italiano non traina, la politica internazionale di ricavi della Serie A non decolla, i costi sono pazzeschi e i debiti trovati moltissimi, le scelte tecniche e umorali del proprio allenatore non pagano. Buon lavoro al presidente Thohir dunque, che è persona serena e corretta. Ma quel bilancio, che gli esperti definiscono opaco, con il debito consolidato confinato nelle pieghe, nelle pagine delle retrovie, non cancella i dubbi. Anzi. Per Ernesto Paolillo e Gianfelice Facchetti. ad esempio, due interisti doc, la soluzione è una e solo una: il ritorno di Massimo Moratti.

Il 2016 di Maurizio Sarri è meno brillante, parliamo di comunicazione e di scelte perché il suo splendido Napoli continua a giocare molto bene a calcio, è molto meno brillante del 2015. In effetti ne ha inanellate un po'. Manca di rispetto a Mancini, ma non riapriamo per carità di patria. Salta la conferenza stampa pre Milan e viene espulso durante la partita. Poi passa dagli arbitri che subiscono il fascino delle squadre con la maglia con le righe come disse a Empoli, ai rilievi e ai paragoni sui fatturati. Mentre il presidente De Laurentiis lo tutela e sposta l'attenzione sul chiletto e mezzo in più di Higuain, lui riapre il dibattito sul mercato del Napoli, riaccendendo la contestazione dei tifosi che si era sopita dopo le prime giornate di Campionato. Sarri, sia ben chiaro, è un bellissimo costruttore e insegnante di calcio di campo. Ma quando comunica e quando fa scelte cruciali, perde quota. Perdonate. Ma, e qui veniamo al punto, se il Napoli è ancora al di sotto della sottile, impercettibile ma esistente coltre di sfiga appoggiatasi sulla squadra dal momento del gol di Zaza, lo si deve proprio a Sarri. Il Napoli doveva venirne fuori subito da quel gol di Zaza. Doveva resettarlo immediatamente e farlo dimenticare in men che non si dica. E doveva farlo allo Stadio Madrigal, doveva farlo quella sera o mai più. Era giovedì, cinque giorni dopo la Juventus e quattro giorni (quattro giorni!) prima del Milan schedulato il lunedì. Era una partita, Villarreal-Napoli, da formazione tipo e da riscatto immediato. C'era tutto il tempo per recuperare, con Napoli-Milan di lunedì. E invece scelte mezze e mezze sul turnover, con tanti saluti oltre tutto al ranking europeo del calcio italiano, con relativa sconfitta a Vila-Real. Poi la squadra scende in campo con il Milan, con nella testa non solo il gol di Zaza ma anche quello di Suarez. E ad un certo punto arriva anche quello di Bonaventura. Fino al giovedì dell'eliminazione a e all'ennesimo golletto decisivo incassato. Troppo comodo allora fare le introspezioni psicologiche e le prediche solo a Mancini. Il calcio è un tritacarne che cambia volto di giorno in giorno e oggi il tecnico che ha più bisogno di recuperare serenità è proprio Maurizio Sarri.

Siamo notoriamente fra coloro che pensano, a torto o a ragione, soli o accompagnati (coerente e dolce al tempo stesso Christian Abbiati ieri in conferenza stampa), a pensare che per il Milan sia continuare anche nella prossima stagione a costruire e seminare con l'ottimo allenatore e con l'ottimo Staff tecnico che ha, anche qui ieri eloquente e chiaro in conferenza stampa Ignazio Abate. Ma lasciamo parlare il campo e non le guerre di religione. La sua bravura e la sua limpidezza Sinisa Mihajlovic, che dovrà comunque salire di tono in quanto a visione e costruzione di gioco, le ha dimostrate anche nella conferenza stampa pre Napoli. Parlando della prossima stagione dice, qualsiasi cosa accada io non sto fermo. Io alleno. Io voglio allenare. Eh già. Gli allenatori veri, gli allenatori di gavetta, gli allenatori di vocazione allenano. Ragionano così, la pensano così, hanno sempre e comunque fame di campo. Non stanno fermi, come se godessero di chissà quali rendite di posizione rispetto a quando erano coccolati da giocatori. Sono uomini che non stanno fermi a coltivare polemiche o pretesti, ma guardano avanti alla prossima sfida in posizione protesa non rannicchiata. Augurandoci che non sia questo il caso di Mihajlovic, non scriviamo questo per rinfacciare chissà cosa a chissà chi: non è questo il tema e non è questo il punto. Ma per indicare in positivo quali sono le caratteristiche, quali sono le componenti di un allenatore che aveva il compito difficilissimo di riportare compattezza in un ambiente come quello rossonero reduce da due anni come quelli che sta cercando lentamente, e faticosamente perché nel calcio non si cambia passo schioccando semplicemente le dita, di lasciarsi alle spalle.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.