HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Conte, Chelsea-Juve come Nazionale-Juve. Brozovic-Inter, cessione inevitabile. Italia sveglia, la Spagna arranca. Milan cinese, nonostante Tavecchio e i negazionisti

13.08.2016 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 27112 volte

Non appena si è diffusa la voce di Leonardo Bonucci concupito dal Chelsea, è partito il fuoco di sbarramento bianconero. Grande campagna acquisti per non aver nulla da invidiare ai Blues, probabilissimo adeguamento contrattuale al giocatore per non perdere un'anima della squadra. Antonio Conte ha appena ricambiato: la Juventus rinforza Raiola e lo United con l'operazione Pogba e, percepiti i problemi per arrivare a Matuidi e i sogni madridisti di Sissoko, scattano gli abboccamenti con Nemanja Matic, centrocampista proprio del Chelsea. Immediato il colloquio fra il nuovo inquilino di Stamford Bridge e il giocatore: anche se c'è Kante punto su dite, non accettare, resta qui. Detto, fatto. Più o meno lo stesso clima che esisteva fra bianconeri e Nazionale sul tema degli stage, o sulla convocazione di Bonucci pre-Europei vista la sua squalifica in Coppa Italia.

Marcelo Brozovic è arrivato all'Inter, dalla Dinamo Zagabria (vera e propria fucina di talenti visti anche Rog e Pjaca, complimenti) nel Gennaio 2015. Un'era diversa rispetto a quella di Suning e di Kia. All'epoca si prendevano i giocatori per averli un certo periodo gratis, cercare di valorizzarli e quindi venderli alla prima occasione. La prima rata di Brozovic è in scadenza, essendo stata prevista a suo tempo un anno e mezzo dopo il suo acquisto. Ecco il motivo dell'apertura nerazzurra alla sua cessione, dopo il peraltro ottimo colpo di Joao Mario. L'Inter risparmia la prima rata, cede il giocatore, fa una bella plusvalenza e rimborsa per intero gli 8 milioni pattuiti un anno e mezzo prima con la Dinamo Zagabria. Metodo moderno, magari non si conferisce una grande stabilità alla squadra ma la necessità virtù regna sovrana.

Il calcio italiano deve svegliarsi e reagire. Nessuno sintetizza e nessuno declina, ma la Spagna è in crisi. Il Real Madrid non ha fatto acquisti eccetto Morata e ha dovuto solo pensare alle cessioni, sia quelle fatte (Jesè) che quelle sognate e invocate: James Rodriguez, Isco e forse Kovacic se Zidane toglie la pregiudiziale tecnica. il Barcellona di grosso ha fatto una sola operazione, Andrè Gomes, sul mercato interno e se punta Dybala in questo momento non c'è molto da preoccuparsi. L'Atletico Madrid e il Siviglia hanno fatto sostanzialmente, con una cifra non esorbitante a favore dei colchoneros, lo scambio Gameiro-Vietto. Il Bayern e il PSG restano due potenze anche se non hanno fatto i fuochi d'artificio delle due di Manchester, mentre la Spagna rimane sostanzialmente a guardare. Con Florentino Perez che riguardo al mercato, lui abituato a presentarsi, pagare e prendere, è costretto a dire: "Vediamo se capita qualche occasione entro il 31 Agosto". L'Italia deve cogliere la palla al balzo e sorprendere gli spagnoli in stallo, sia in campo che fuori.

Non fidarsi dei comunicati stampa e voler fare come San Tommaso, fa bene al mestiere e alla categoria. Nessuna polemica e nessun rilievo. Ma il negazionismo strisciante, alla Tavecchio (elogiato da chi lo derideva per la frase sulle "cose strane") viene tritato un giorno dopo l'altro da fatti, annunci, movimenti, riposizionamenti. Il Milan è stato venduto e verrà rilanciato. E' bene iniziare a familiarizzare con questo concetto: Mr. Bee non fa testo e non fa giurisprudenza, è stata solo una operazione mediatica. Servita a tutti ma proprio a tutti? Forse, non facciamo le verginelle. Ma è finita, sorpassata, tumulata. Oggi c'è ben altro e succederà ben altro. Che poi le stesse cose, non nascondetevi, che si sussurravano sui campi, negli uffici, sulle tribune e nei vari dietro le quinte all'epoca della cessione da Moratti a Thohir, ossia i capitali esteri che rientrano, oggi sul conto del Milan e di Berlusconi vengono invece scritte ed esplicitate, lo vediamo bene. Ma fa parte di quel pregiudizio umano, sportivo e politico per cui su Moratti il quoziente dello scetticismo viene storicamente arrotondato per difetto, un po' come per De Benedetti in altri campi, e invece su Berlusconi per eccesso. E' tutto qui.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.