HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Conte, Chelsea-Juve come Nazionale-Juve. Brozovic-Inter, cessione inevitabile. Italia sveglia, la Spagna arranca. Milan cinese, nonostante Tavecchio e i negazionisti

13.08.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27143 volte

Non appena si è diffusa la voce di Leonardo Bonucci concupito dal Chelsea, è partito il fuoco di sbarramento bianconero. Grande campagna acquisti per non aver nulla da invidiare ai Blues, probabilissimo adeguamento contrattuale al giocatore per non perdere un'anima della squadra. Antonio Conte ha appena ricambiato: la Juventus rinforza Raiola e lo United con l'operazione Pogba e, percepiti i problemi per arrivare a Matuidi e i sogni madridisti di Sissoko, scattano gli abboccamenti con Nemanja Matic, centrocampista proprio del Chelsea. Immediato il colloquio fra il nuovo inquilino di Stamford Bridge e il giocatore: anche se c'è Kante punto su dite, non accettare, resta qui. Detto, fatto. Più o meno lo stesso clima che esisteva fra bianconeri e Nazionale sul tema degli stage, o sulla convocazione di Bonucci pre-Europei vista la sua squalifica in Coppa Italia.

Marcelo Brozovic è arrivato all'Inter, dalla Dinamo Zagabria (vera e propria fucina di talenti visti anche Rog e Pjaca, complimenti) nel Gennaio 2015. Un'era diversa rispetto a quella di Suning e di Kia. All'epoca si prendevano i giocatori per averli un certo periodo gratis, cercare di valorizzarli e quindi venderli alla prima occasione. La prima rata di Brozovic è in scadenza, essendo stata prevista a suo tempo un anno e mezzo dopo il suo acquisto. Ecco il motivo dell'apertura nerazzurra alla sua cessione, dopo il peraltro ottimo colpo di Joao Mario. L'Inter risparmia la prima rata, cede il giocatore, fa una bella plusvalenza e rimborsa per intero gli 8 milioni pattuiti un anno e mezzo prima con la Dinamo Zagabria. Metodo moderno, magari non si conferisce una grande stabilità alla squadra ma la necessità virtù regna sovrana.

Il calcio italiano deve svegliarsi e reagire. Nessuno sintetizza e nessuno declina, ma la Spagna è in crisi. Il Real Madrid non ha fatto acquisti eccetto Morata e ha dovuto solo pensare alle cessioni, sia quelle fatte (Jesè) che quelle sognate e invocate: James Rodriguez, Isco e forse Kovacic se Zidane toglie la pregiudiziale tecnica. il Barcellona di grosso ha fatto una sola operazione, Andrè Gomes, sul mercato interno e se punta Dybala in questo momento non c'è molto da preoccuparsi. L'Atletico Madrid e il Siviglia hanno fatto sostanzialmente, con una cifra non esorbitante a favore dei colchoneros, lo scambio Gameiro-Vietto. Il Bayern e il PSG restano due potenze anche se non hanno fatto i fuochi d'artificio delle due di Manchester, mentre la Spagna rimane sostanzialmente a guardare. Con Florentino Perez che riguardo al mercato, lui abituato a presentarsi, pagare e prendere, è costretto a dire: "Vediamo se capita qualche occasione entro il 31 Agosto". L'Italia deve cogliere la palla al balzo e sorprendere gli spagnoli in stallo, sia in campo che fuori.

Non fidarsi dei comunicati stampa e voler fare come San Tommaso, fa bene al mestiere e alla categoria. Nessuna polemica e nessun rilievo. Ma il negazionismo strisciante, alla Tavecchio (elogiato da chi lo derideva per la frase sulle "cose strane") viene tritato un giorno dopo l'altro da fatti, annunci, movimenti, riposizionamenti. Il Milan è stato venduto e verrà rilanciato. E' bene iniziare a familiarizzare con questo concetto: Mr. Bee non fa testo e non fa giurisprudenza, è stata solo una operazione mediatica. Servita a tutti ma proprio a tutti? Forse, non facciamo le verginelle. Ma è finita, sorpassata, tumulata. Oggi c'è ben altro e succederà ben altro. Che poi le stesse cose, non nascondetevi, che si sussurravano sui campi, negli uffici, sulle tribune e nei vari dietro le quinte all'epoca della cessione da Moratti a Thohir, ossia i capitali esteri che rientrano, oggi sul conto del Milan e di Berlusconi vengono invece scritte ed esplicitate, lo vediamo bene. Ma fa parte di quel pregiudizio umano, sportivo e politico per cui su Moratti il quoziente dello scetticismo viene storicamente arrotondato per difetto, un po' come per De Benedetti in altri campi, e invece su Berlusconi per eccesso. E' tutto qui.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.