HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Conte e Mancini, due rivoluzioni in atto. E oggi il ct può cambiare le regole del calcio

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
20.11.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 26968 volte
© foto di Federico De Luca

Due uragani. Entrambi da parte di allenatori. E un mercato che prende forma. Partiamo con calma e con ordine. Mancini pur senza parlare, se non in conferenza stampa, è stato un vero e proprio terremoto. Inaspettato, soprattutto nelle tempistiche.
Come inaspettato è stato lo sfogo di Conte, dopo la vittoria contro l'Albania. Con chi ce l'aveva? E come si può risolvere la situazione?
Di Mancini è stati detto tutto e anche con dovizia di particolari. Difficile aggiungere qualcosa. Ora naturalmente in casa nerazzurra si aspettano i risultati. La mia sensazione è che si sia cercato, come in un sottile gioco di azzardo, di puntare al piatto grosso, costi quel che costi, nel vero senso della parola. L'investimento su Mancini (e la spesa di Mazzarri) possono essere coperte solo se l'Inter arriva in Champions: impresa non semplice, non scontata e con tante rivali. Thohir abbraccia un'altra filosofia, c'è da guardare anche al Fair Play Finanziario, il mantra del "non ci sono soldi" ora sarà più forte che mai. Basterà solo Mancini a risollevare l'Inter? Di sicuro la squadra ha le potenzialità, il nuovo allenatore l'ambizione e una mentalità più offensiva. Alle volte basta poco per cercare di cambiare verso. Altre volte no, è più difficile.
Se ne sta accorgendo Conte, che una volta diventato ct capisce le esigenze che aveva anche Prandelli: lavorare con la squadra il più possibile. Si trova nella stessa situazione del suo predecessore: il tempo per la Nazionale non c'è. E lo vuole, dicendolo a modo suo. Ora è naturale che la Figc dovrà cercare di sensibilizzare la Lega su questo tema. Non perché lo vuole Conte, ma perché è una richiesta legittima e sensata. Per ridare al movimento calcio italiano una nuova linfa.
Già da oggi con il consiglio federale ci saranno delle novità importanti: l'inserimento delle liste (come in Europa) per favorire l'utilizzo di giovani e alcune limitazioni all'utilizzo degli extracomunitari. Ovvero ci dovrà esserre una sorta di "esame" preventivo, come succede in Inghilterra. È chiaro che tutto questo avrà delle pesanti ingerenze nel mercato. E allo stesso tempo cambieranno anche le necessità delle squadre, magari sin da gennaio. Le big dovranno cominciare a fare i conti e a vedere chi torna e chi resta, chi invece se ne deve andare e chi non avrà spazio. Per non trovarsi nell'imbuto a luglio del prossimo anno. Ma queste decisioni sono vitali per l futuro della serie A e del calcio italiano in generale. Qualche tempo fa avevamo portato dei numeri per controllare lo stato di salute del calcio. Con la pausa abbiamo avuto modo di studiarne degli altri, grazie a ricerche di settore estremamente approfondite e valide.
Gli italiani utilizzati nelle prime 11 giornate di campionato sono il 43,68% del totale. Meno ancora rispetto alla passata stagione. Addirittura sono 12 le squadre che hanno utilizzato più della metà stranieri con almeno 5 di queste che hanno sfondato la soglia dell'80% (Fiorentina, Inter, Napoli, Verona e Udinese). Ma il dato più interessante riguarda la classifica: delle prime 10 soltanto la Sampdoria ha la maggior parte di giocatori utilizzati italiani, le altre sono tutte piene di stranieri. Come a dire: l'italiano gioca di più nella seconda metà della classifica. Provocazione? Purtroppo no. E lo stesso dato si ritrova andando a controllare le rose di chi gioca in Europa 33,53% di italiani.
La Juventus, fra queste squadre, è l'unica ad avvinarsi a un 50% anche se l'età media dei principali giocatori bianconeri (e quindi dei nazionali) deve far riflettere (31,5 anni). Tutti questi numeri per sottolineare una cosa: non c'è un'ampia base dalla quale Conte può attingere. Volete altri esempi? Prendiamo allora il numero degli italiani utilizzati per almeno un terzo del campionato. Sono 126 in totale e a parte i 5 della Juventus ce ne sono 6 della Roma (De Sanctis, Astori, De Rossi, Totti, Florenzi e Destro) o 2 del Napoli (Insigne e Maggio). Praticamente gli italiani delle grandi squadre salvo rare eccezioni sono necessariamente convocati in Nazionale, anche se non sono titolari inamovibili nel club.
Quindi una riforma del calcio secondo le direzioni indicate anche dopo aver confrontato i dati della stagione precedente è auspicabile secondo le due direttrici che già erano state decise dal consiglio federale: la necessità di avere delle rose ristrette con degli obblighi a iscrivere dei giovani prodotti del vivaio del club e/o di un vivaio di un altro club italiano. E di cercare di garantire la qualità dello straniero. Vale a dire: nessuna preclusione nei confronti di chi arriva ma l'importante è che sia forte e non vada a discapito di un nostro prodotto. Questo è il primo passo necessario per cercare di migliorare la situazione. Senza poi dimenticare le squadre B. Prima si inizia meglio è. Altrimenti si rischia di proseguire con questa tendenza (a proposito altri numeri testimoniano come si sia saltata una generazione di italiani, soprattutto in difesa, ma magari ne parliamo con più calma) che porta solo a conferenze stampa dove si lanciano segnali d'allarme...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.