HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Conte e Mancini, due rivoluzioni in atto. E oggi il ct può cambiare le regole del calcio

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
20.11.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 26972 volte
© foto di Federico De Luca

Due uragani. Entrambi da parte di allenatori. E un mercato che prende forma. Partiamo con calma e con ordine. Mancini pur senza parlare, se non in conferenza stampa, è stato un vero e proprio terremoto. Inaspettato, soprattutto nelle tempistiche.
Come inaspettato è stato lo sfogo di Conte, dopo la vittoria contro l'Albania. Con chi ce l'aveva? E come si può risolvere la situazione?
Di Mancini è stati detto tutto e anche con dovizia di particolari. Difficile aggiungere qualcosa. Ora naturalmente in casa nerazzurra si aspettano i risultati. La mia sensazione è che si sia cercato, come in un sottile gioco di azzardo, di puntare al piatto grosso, costi quel che costi, nel vero senso della parola. L'investimento su Mancini (e la spesa di Mazzarri) possono essere coperte solo se l'Inter arriva in Champions: impresa non semplice, non scontata e con tante rivali. Thohir abbraccia un'altra filosofia, c'è da guardare anche al Fair Play Finanziario, il mantra del "non ci sono soldi" ora sarà più forte che mai. Basterà solo Mancini a risollevare l'Inter? Di sicuro la squadra ha le potenzialità, il nuovo allenatore l'ambizione e una mentalità più offensiva. Alle volte basta poco per cercare di cambiare verso. Altre volte no, è più difficile.
Se ne sta accorgendo Conte, che una volta diventato ct capisce le esigenze che aveva anche Prandelli: lavorare con la squadra il più possibile. Si trova nella stessa situazione del suo predecessore: il tempo per la Nazionale non c'è. E lo vuole, dicendolo a modo suo. Ora è naturale che la Figc dovrà cercare di sensibilizzare la Lega su questo tema. Non perché lo vuole Conte, ma perché è una richiesta legittima e sensata. Per ridare al movimento calcio italiano una nuova linfa.
Già da oggi con il consiglio federale ci saranno delle novità importanti: l'inserimento delle liste (come in Europa) per favorire l'utilizzo di giovani e alcune limitazioni all'utilizzo degli extracomunitari. Ovvero ci dovrà esserre una sorta di "esame" preventivo, come succede in Inghilterra. È chiaro che tutto questo avrà delle pesanti ingerenze nel mercato. E allo stesso tempo cambieranno anche le necessità delle squadre, magari sin da gennaio. Le big dovranno cominciare a fare i conti e a vedere chi torna e chi resta, chi invece se ne deve andare e chi non avrà spazio. Per non trovarsi nell'imbuto a luglio del prossimo anno. Ma queste decisioni sono vitali per l futuro della serie A e del calcio italiano in generale. Qualche tempo fa avevamo portato dei numeri per controllare lo stato di salute del calcio. Con la pausa abbiamo avuto modo di studiarne degli altri, grazie a ricerche di settore estremamente approfondite e valide.
Gli italiani utilizzati nelle prime 11 giornate di campionato sono il 43,68% del totale. Meno ancora rispetto alla passata stagione. Addirittura sono 12 le squadre che hanno utilizzato più della metà stranieri con almeno 5 di queste che hanno sfondato la soglia dell'80% (Fiorentina, Inter, Napoli, Verona e Udinese). Ma il dato più interessante riguarda la classifica: delle prime 10 soltanto la Sampdoria ha la maggior parte di giocatori utilizzati italiani, le altre sono tutte piene di stranieri. Come a dire: l'italiano gioca di più nella seconda metà della classifica. Provocazione? Purtroppo no. E lo stesso dato si ritrova andando a controllare le rose di chi gioca in Europa 33,53% di italiani.
La Juventus, fra queste squadre, è l'unica ad avvinarsi a un 50% anche se l'età media dei principali giocatori bianconeri (e quindi dei nazionali) deve far riflettere (31,5 anni). Tutti questi numeri per sottolineare una cosa: non c'è un'ampia base dalla quale Conte può attingere. Volete altri esempi? Prendiamo allora il numero degli italiani utilizzati per almeno un terzo del campionato. Sono 126 in totale e a parte i 5 della Juventus ce ne sono 6 della Roma (De Sanctis, Astori, De Rossi, Totti, Florenzi e Destro) o 2 del Napoli (Insigne e Maggio). Praticamente gli italiani delle grandi squadre salvo rare eccezioni sono necessariamente convocati in Nazionale, anche se non sono titolari inamovibili nel club.
Quindi una riforma del calcio secondo le direzioni indicate anche dopo aver confrontato i dati della stagione precedente è auspicabile secondo le due direttrici che già erano state decise dal consiglio federale: la necessità di avere delle rose ristrette con degli obblighi a iscrivere dei giovani prodotti del vivaio del club e/o di un vivaio di un altro club italiano. E di cercare di garantire la qualità dello straniero. Vale a dire: nessuna preclusione nei confronti di chi arriva ma l'importante è che sia forte e non vada a discapito di un nostro prodotto. Questo è il primo passo necessario per cercare di migliorare la situazione. Senza poi dimenticare le squadre B. Prima si inizia meglio è. Altrimenti si rischia di proseguire con questa tendenza (a proposito altri numeri testimoniano come si sia saltata una generazione di italiani, soprattutto in difesa, ma magari ne parliamo con più calma) che porta solo a conferenze stampa dove si lanciano segnali d'allarme...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.