HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Conte, l'onore delle armi. Juventini: l'acciuga può allenare? Inzaghi: a Pippo il testimone di Conte. Ranocchia e la fascia: WM è d'accordo? Ischia: un esempio

19.07.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 51777 volte

Le cose si vedono. E la fretta di ripulire la fedina sportiva di Max Allegri per farlo digerire il prima possibile ai tifosi bianconeri, non è una buona cosa. Con tutte le aperture di credito cui Allegri ha comunque diritto, prima, se permettete, lui, Antonio Conte. Merita di essere considerato per quello che è: una persona vera, tutta d'un pezzo, non costruita. Antonio si sfibra, Antonio si sfoga, Antonio si spende. Lo scrivo da avversario: se un uomo di calcio ha la forza di essere fedele ai propri principi e al proprio carattere alla Juventus come al Bari, merita tutto pieno e tutto intero l'onore delle armi. Certo che Conte esagera, certo che Conte strumentalizza. Ma lo fa perchè il calcio gli scoppia nel petto e finchè non si libera del tarlo, non è sereno. La juventinità che Antonio lascia in eredità a tutto il Club è diversa da quella che ha trovato. Il complesso di superiorità è diventato orgoglio, l'abitudine è diventata fede. L'espressione di Conte al momento dei saluti a Juve Channel, dice tutto. Parlo ma soffro. Comunico ma vivo. Il nostro calcio, agonizzante dopo l'ultima finale di coppa Italia, ha bisogno di persone che lo amino e che ne soffrano. Persone che amano la propria famiglia e che sanno essere ugualmente sorridenti e ferme con il proprio gruppo di lavoro. Dopo tante polemiche e dopo tanti sorrisini provenienti da un comune amico ("Ti saluta il tuo amico Conte..."), l'onore delle armi non è solo una liberazione. E' soprattutto un piacere.

Carlo Ancelotti e Massimiliano Allegri sono molto diversi fra loro. Per carattere, per storia sul campo, per storia in panchina. Ma i tifosi bianconeri stanno prendendo di petto l'Acciuga nè più nè meno come avevano fatto con il predecessore di cui, per affetto e stima, mi rifiuto di scrivere il termine. Sbagliarono allora, 3 Champions vinte da Ancelotti..., e rischiano di sbagliare adesso. Finchè non rientrerà il senso di rabbia e scoramento che i tifosi bianconeri stanno riversando sulla scelta della loro Società e di riflesso su Allegri, la stagione della Juventus non potrà cominciare. Pirlo? Non sarà un problema. Al Milan, Allegri non dispondeva del centrocampo a cinque per proteggerlo. Alla Juve sì e questo non darà problemi. Per Allegri il calcio non è un feticcio ideologico, per lui il fascino del gioco sta nella tattica e nell'incastro della squadra. A costo di essere impopolare.

Quando Antonio Conte ha iniziato il suo ciclo alla Juventus, il suo principale avversario era Massimiliano Allegri al Milan. Oggi le parti si sono invertite. Filippo Inzaghi inizia il suo ciclo al Milan e il suo principale avversario è sempre Massimiliano Allegri questa volta alla Juventus. In tante delle frasi pronunciate da Inzaghi dal 10 Luglio ad oggi, sembra risuoni lontana, una sorta di eco presa in consegna dalla storia, quella celebra uscita di Conte dell'estate 2011: "La volete smettere di fare schifo?". Ecco: l'uscita di scena di Conte, consegna tutto intero e tutto pieno il cielo del calcio italiano a Pippo Inzaghi. E' lui adesso l'energia, è lui il catalizzatore. Se il Milan riuscirà a fare gli sforzi giusti sul mercato, Inzaghi ripagherà in pieno la sua Società e i suoi tifosi.

Mi fa tenerezza il recente scontro televisivo con l'amico Fabrizio Biasin sulla fascia di capitano determinante per il futuro di Ranocchia. Tenerezza perchè Fabri è un amico e tenerezza per tutti i colleghi, giornalisti e tecnici, che si sono sorbiti le urla della disfida, intensa e comunque sempre senza astio. Ma, e mi aspetto che martedì giunga puntuale la "resa", la recentissima intervista a Ranocchia conferma che senza fascia il difensore nerazzurro non si sarebbe sentito determinante per il futuro interista con inevitabili conseguenze sul rinnovo contrattuale. Resta adesso l'ultimissima spina: Mazzarri. A parole il tecnico si dice favorevole, Ma dietro le parole, una domanda: sa Mazzarri che d'ora in poi se e quando deciderà di farlo, manderà in panchina il suo Capitano?

Di recente un campione di tutto e un Nazionale come Giovanni Galli è stato a Ischia. Ha fatto gli auguri al suo ex compagno di squadra Taglialatela, nuovo presidente del sodalizio gialloblù, e si è appassionato alle storie dei tifosi in ansia per l'iscrizione al Campionato. Oggi però è tutto a posto. Ischia in Lega Pro, terza serie del calcio italiano, nonostante un punto di penalizzazione. Sanato dall'arrivo del centravanti brasiliano Cruz. Da Ischia arriva però un insegnamento dopo i patemi dell'iscrizione. Arriva dai tifosi, maturi e con i piedi per terra. Visto che uno dei problemi della scorsa stagione era stata l'organizzazione per la ristorazione della squadra, i tifosi ischitani si stanno autotassando per provvedere loro alla spesa di tutta la stagione, giovanili (affidate a Ciro Bilardi) comprese. Con tali regole e una tale ispirazione che potrebbero essere lodate anche dall'amico Matteo Salvini. Forza ragazzi, buon 2014-2015!

Consentitemi di inviare un saluto non retorico ma intenso ad Alessandro Jacobone, leader del gruppo rossonero dei Non Evoluti. Dice: agli antipodi di Suma. Mica vero. Da sempre con Alessandro è piacevole parlare di calcio e di Milan, anche se da prospettive diverse. Non c'è niente di più sano, nella vita, del riconoscere la dignità della posizione diversa dalla propria. Sulla macchinazione sleale e sporca con cui erano state deformate alcune frasi del sottoscritto sulla differenza fra tifosi in carne e ossa che salutano la squadra e che sperano in un mercato migliore rispetto ai tifosi definiti senza offesa da tastiera (mai chiamati tastieristi e mai detto nè pensato che sono loro il problema del Milan) del 31 Maggio scorso, Alessandro si è comportato da persona perbene. Prima ha verificato e poi ha detto la sua. Ad Alessandro, che ama il Milan come me e che per il Milan patisce e soffre anche sul piano personale, e a tutti i tifosi come lui, che meritano sì un mercato più intenso ma soprattutto di essere trattati da tifosi informati e non da seguaci, fornisco una spiegazione doverosa, letta, firmata e sottoscritta: Adriano Galliani non ha diritto ad un solo euro di liquidazione.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.