VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Conte, l'onore delle armi. Juventini: l'acciuga può allenare? Inzaghi: a Pippo il testimone di Conte. Ranocchia e la fascia: WM è d'accordo? Ischia: un esempio

19.07.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 51781 volte

Le cose si vedono. E la fretta di ripulire la fedina sportiva di Max Allegri per farlo digerire il prima possibile ai tifosi bianconeri, non è una buona cosa. Con tutte le aperture di credito cui Allegri ha comunque diritto, prima, se permettete, lui, Antonio Conte. Merita di essere considerato per quello che è: una persona vera, tutta d'un pezzo, non costruita. Antonio si sfibra, Antonio si sfoga, Antonio si spende. Lo scrivo da avversario: se un uomo di calcio ha la forza di essere fedele ai propri principi e al proprio carattere alla Juventus come al Bari, merita tutto pieno e tutto intero l'onore delle armi. Certo che Conte esagera, certo che Conte strumentalizza. Ma lo fa perchè il calcio gli scoppia nel petto e finchè non si libera del tarlo, non è sereno. La juventinità che Antonio lascia in eredità a tutto il Club è diversa da quella che ha trovato. Il complesso di superiorità è diventato orgoglio, l'abitudine è diventata fede. L'espressione di Conte al momento dei saluti a Juve Channel, dice tutto. Parlo ma soffro. Comunico ma vivo. Il nostro calcio, agonizzante dopo l'ultima finale di coppa Italia, ha bisogno di persone che lo amino e che ne soffrano. Persone che amano la propria famiglia e che sanno essere ugualmente sorridenti e ferme con il proprio gruppo di lavoro. Dopo tante polemiche e dopo tanti sorrisini provenienti da un comune amico ("Ti saluta il tuo amico Conte..."), l'onore delle armi non è solo una liberazione. E' soprattutto un piacere.

Carlo Ancelotti e Massimiliano Allegri sono molto diversi fra loro. Per carattere, per storia sul campo, per storia in panchina. Ma i tifosi bianconeri stanno prendendo di petto l'Acciuga nè più nè meno come avevano fatto con il predecessore di cui, per affetto e stima, mi rifiuto di scrivere il termine. Sbagliarono allora, 3 Champions vinte da Ancelotti..., e rischiano di sbagliare adesso. Finchè non rientrerà il senso di rabbia e scoramento che i tifosi bianconeri stanno riversando sulla scelta della loro Società e di riflesso su Allegri, la stagione della Juventus non potrà cominciare. Pirlo? Non sarà un problema. Al Milan, Allegri non dispondeva del centrocampo a cinque per proteggerlo. Alla Juve sì e questo non darà problemi. Per Allegri il calcio non è un feticcio ideologico, per lui il fascino del gioco sta nella tattica e nell'incastro della squadra. A costo di essere impopolare.

Quando Antonio Conte ha iniziato il suo ciclo alla Juventus, il suo principale avversario era Massimiliano Allegri al Milan. Oggi le parti si sono invertite. Filippo Inzaghi inizia il suo ciclo al Milan e il suo principale avversario è sempre Massimiliano Allegri questa volta alla Juventus. In tante delle frasi pronunciate da Inzaghi dal 10 Luglio ad oggi, sembra risuoni lontana, una sorta di eco presa in consegna dalla storia, quella celebra uscita di Conte dell'estate 2011: "La volete smettere di fare schifo?". Ecco: l'uscita di scena di Conte, consegna tutto intero e tutto pieno il cielo del calcio italiano a Pippo Inzaghi. E' lui adesso l'energia, è lui il catalizzatore. Se il Milan riuscirà a fare gli sforzi giusti sul mercato, Inzaghi ripagherà in pieno la sua Società e i suoi tifosi.

Mi fa tenerezza il recente scontro televisivo con l'amico Fabrizio Biasin sulla fascia di capitano determinante per il futuro di Ranocchia. Tenerezza perchè Fabri è un amico e tenerezza per tutti i colleghi, giornalisti e tecnici, che si sono sorbiti le urla della disfida, intensa e comunque sempre senza astio. Ma, e mi aspetto che martedì giunga puntuale la "resa", la recentissima intervista a Ranocchia conferma che senza fascia il difensore nerazzurro non si sarebbe sentito determinante per il futuro interista con inevitabili conseguenze sul rinnovo contrattuale. Resta adesso l'ultimissima spina: Mazzarri. A parole il tecnico si dice favorevole, Ma dietro le parole, una domanda: sa Mazzarri che d'ora in poi se e quando deciderà di farlo, manderà in panchina il suo Capitano?

Di recente un campione di tutto e un Nazionale come Giovanni Galli è stato a Ischia. Ha fatto gli auguri al suo ex compagno di squadra Taglialatela, nuovo presidente del sodalizio gialloblù, e si è appassionato alle storie dei tifosi in ansia per l'iscrizione al Campionato. Oggi però è tutto a posto. Ischia in Lega Pro, terza serie del calcio italiano, nonostante un punto di penalizzazione. Sanato dall'arrivo del centravanti brasiliano Cruz. Da Ischia arriva però un insegnamento dopo i patemi dell'iscrizione. Arriva dai tifosi, maturi e con i piedi per terra. Visto che uno dei problemi della scorsa stagione era stata l'organizzazione per la ristorazione della squadra, i tifosi ischitani si stanno autotassando per provvedere loro alla spesa di tutta la stagione, giovanili (affidate a Ciro Bilardi) comprese. Con tali regole e una tale ispirazione che potrebbero essere lodate anche dall'amico Matteo Salvini. Forza ragazzi, buon 2014-2015!

Consentitemi di inviare un saluto non retorico ma intenso ad Alessandro Jacobone, leader del gruppo rossonero dei Non Evoluti. Dice: agli antipodi di Suma. Mica vero. Da sempre con Alessandro è piacevole parlare di calcio e di Milan, anche se da prospettive diverse. Non c'è niente di più sano, nella vita, del riconoscere la dignità della posizione diversa dalla propria. Sulla macchinazione sleale e sporca con cui erano state deformate alcune frasi del sottoscritto sulla differenza fra tifosi in carne e ossa che salutano la squadra e che sperano in un mercato migliore rispetto ai tifosi definiti senza offesa da tastiera (mai chiamati tastieristi e mai detto nè pensato che sono loro il problema del Milan) del 31 Maggio scorso, Alessandro si è comportato da persona perbene. Prima ha verificato e poi ha detto la sua. Ad Alessandro, che ama il Milan come me e che per il Milan patisce e soffre anche sul piano personale, e a tutti i tifosi come lui, che meritano sì un mercato più intenso ma soprattutto di essere trattati da tifosi informati e non da seguaci, fornisco una spiegazione doverosa, letta, firmata e sottoscritta: Adriano Galliani non ha diritto ad un solo euro di liquidazione.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.