HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Conte, questione di stile. Il C.T. ci è ricascato. I record di Buffon, il più grande di sempre. Foggia, non sei maturo per la B. "I-Claud", folgorato da un '98...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.03.2016 13.54 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 67212 volte
Conte, questione di stile. Il C.T. ci è ricascato. I record di Buffon, il più grande di sempre. Foggia, non sei maturo per la B. "I-Claud", folgorato da un '98...

Come allenatore non lo abbiamo mai messo in discussione perché il temperamento e il talento non gli sono mai mancati. Ha vinto in una squadra che ha vinto anche senza di lui, dimostrazione di una società e proprietà forte alle spalle ma, ormai, gli scivoloni di Antonio Conte si contano sempre più con maggiore frequenza. Dopo Arezzo disse di vergognarsi dei suoi vecchi compagni juventini, per poi andare a Torino e aprire un ciclo insieme ai Buffon e Del Piero che in B erano a difendere i colori bianconeri. Poi il suo "agghiacciande" ha fatto il giro del mondo quando la Procura Federale lo ha accusato di essere un allenatore che insieme al suo vecchio Siena stabiliva prima se una partita dovesse finire in parità. Si è ritrovato in un Tribunale a difendersi, ma prima ha chiuso un accordo milionario con quella stessa Federazione che lo aveva accusato. Quei soldi non sono bastati per fare in modo che ai prossimi Europei avessimo un allenatore sul pezzo per provare a vincere in Francia, d'altronde la qualificazione agli Europei non conta nulla se poi agli Europei non fai bella figura. Conte si presenterà in Francia con un contratto triennale in tasca con il Chelsea, prima di fare la formazione azzurra penserà a fare il mercato del Chelsea e da Ct di un Paese dovrebbe avere almeno il buon senso di dire: "Signori cari, dal 14 luglio sarò l'allenatore dei blues". Conte ci ha abituati a tutto, per questo oggi ci preoccupiamo di come andrà l'Europeo dopo la brutta figura del mondiale in Brasile. In questi due anni ha cambiato mille calciatori e non ha ancora dato un'identità a questa Nazionale, Tavecchio lo ha voluto fortemente per arrivare in Francia motivato e lui in Francia, gioco forza, avrà la testa altrove. Non a caso sono settimane che si parla di Conte solo in ottica Premier. Il Ct è un ottimo allenatore e un grandissimo motivatore, ma sullo stile scivola troppo spesso su una buccia di banana. Ha creato anche imbarazzo in Federazione perché - prima dell'Europeo - è già partito il toto-commissario e, con Tavecchio in scadenza, avremo anche un problema nella scelta del sostituto. Conte dai tifosi juventini è stato dimenticato due ore dopo, merito di Allegri che a Torino neanche volevano e che è stato invece capace di fare addirittura meglio di quell'allenatore che andò via a ritiro già iniziato (anche qui questione di classe e di tempi) perché - non convinto dal mercato di Marotta e Paratici e convinto di un ciclo finito - volle abbandonare la barca prima che affondasse. La Juventus è andata avanti grazie a grandi uomini e professionisti. Gigi Buffon merita una laurea bianconera ad honorem. Persona seria, professionista esemplare, portiere straordinario e non un codardo che scappa alla prima difficoltà. Ha accompagnato la vecchia Signora zoppicante in serie B, quest'anno da una sua sfuriata si è ripartiti verso un tricolore (se sarà) più bello dei quattro precedenti; è un'icona per i giovani che sognano domani di fare questo mestiere. E' il più grande di sempre, uomo dei record e leader indiscusso per carisma e autorevolezza. Probabilmente per 30 anni non vedremo più un Buffon, ma vedremo ugualmente grandi portieri e Donnarumma è sulla strada giusta per iscriversi alla lista di quelli che sognano di diventare come Buffon, sebbene non Buffon.
E' stato un week end di tensioni, in diverse piazze d'Italia. Il caso estremo a Foggia, dove i pugliesi - reduci dal 3-0 nel derby di Andria - sono stati accolti dagli ultras con mazze e spranghe. Squadra aggredita. Fino a ieri tifavo per il Foggia in B perché per molti anni l'ha sfiorata e l'avrebbe meritata. Foggia in B significa 10.000, almeno, persone allo stadio ogni sabato. Passione, colore e calore. Foggia era, non è un caso che uso l'imperfetto, la piazza ideale per la quale tifare in questo rush finale. De Zerbi e la sua favola: in estate poteva andare in B ma ha rifiutato tutto per restare a Foggia per amore di un progetto. Di Bari, Direttore Sportivo giovane e preparato e una squadra che viaggiava all'unisono con il suo allenatore. Alt. Il Foggia non è ultimo in classifica e neanche a 12 posti dal primato. Il Foggia è in piena zona play off con il primato ancora raggiungibile. Forse, però, un motivo ci sarà se per tanti anni la società ha cambiato cento volte padrone e la piazza ancora non ha dimostrato maturità. Ovviamente i casi sono isolati ma la maggioranza deve prendere le distanze. Pochi "tifosi" hanno dimezzato le chance di promozione del Foggia. Per chi non lo avesse capito, il sistema prova ad allontanare le piazze che possono creare problemi. Il clamore mediatico dell'accaduto non agevola il lavoro di società e squadra. Addirittura si mette in discussione l'operato di De Zerbi e si parla di Gautieri o Novellino. Follie allo stato puro. L'allenatore si cambia se la squadra non lo segue, se commette errori evidenti e tangibili o perché il lavoro settimanale non è all'altezza. Non si cambia per una partita andata male o malissimo. De Zerbi ha sbagliato a restare un altro anno a Foggia, doveva accettare la serie B, quella B che non gli mancherà il prossimo anno, a prescindere dal suo amato Foggia. Stesso discorso vale per il Direttore Sportivo. In B, ormai, si sono prenotate Cittadella e Spal, manca da capire la terza del girone C e la quarta che uscirà dal frullatore assurdo dei play off.
Vi racconto che ieri mattina mi sono innamorato di un calciatore del Sassuolo. Guardavo Sassuolo-Juventus in diretta su Sportitalia e tra gli emiliani c'era un esterno destro alto che andava come una scheggia. Inoltre ha fatto due gol e ha dimostrato, contro una delle migliori difese di categoria, un cinismo unico. Si chiama Claud Adjapong. Ragazzino di colore con la faccia da bambino. Solitamente c'è qualche africano che dimostra qualche anno in più. Lui no. E' del 1998 e nasce terzino destro. Una follia. Giustamente l'allenatore della Primavera del Sassuolo ha avuto l'intuzione di alzarlo sulla linea di centrocampo. Uno con questa gamba non può fare il terzino se ha un tale fiuto del gol. L'ho visto per 90 minuti, quindi andrebbe seguito, ma ad impatto è stato colpo di fulmine. Non so da quanto tempo è in Italia, chi è il procuratore e da dove l'ha scovato il Sassuolo. Un lampo. A vederlo contro la Juve sembra adatto ad un 3-5-2 perché la fascia destra potrebbe coprirla tutta. Chissà se tra 3-4 anni scrivendo "Adjapong" su google uscirà questo mio articolo. Beh, sarei contento di aver raccontato in anticipo il valore del giovane Claud.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.