HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Conte, un solo titolo: lo hanno licenziato

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
20.07.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 72226 volte
© foto di Federico De Luca

Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni della Juve, gli hanno detto di no, lui avrà risposto "allora me ne vado" e loro "vada pure, mettiamoci d'accordo e chiudiamola qui", e blabla blabla blabla, Esonero mascherato o dimissioni mascherate: cambia poco. Resta un dato incontestabile: nel calcio, sport politicamente scorretto dove l'importante non è partecipare ma vincere, non basta più neppure vincere. Ti accompagnano all'uscio lo stesso, magari con buone maniere, addirittura con lettere strappacore, encomi solenni, comunicati generosi e lacrimosi. Ma ti mollano, ti cacciano. Non è il primo, Conte, e non sarà l'ultimo, ma certo è diventato il Numero 1 anche in questa nuova serie dei telefilm "Sport Crime". Splendido vincitore di due scudetti, già dovette discutere un anno fa con chi gli guastava la famiglia, ad esempio allontanando Giaccherini e Marrone i quali direte che avevano poco peso e invece solo il tecnico sa cosa valgono i suoi giocatori, anche i più modesti: me lo spiegava Bearzot, ossessionato da chi gli chiedeva cosa voleva dire aver portato a Spagna 82 Marini e Selvaggi; "so io" - spiegava il Vecio. E certo Antonio Conte aveva una spiegazione per tutti. Ma volevano decidere gli altri, tutti quelli che hanno firmato la lettera d'addio,anche dopo il terzo scudetto, Andrea, Beppe, anche Pavel.
Ci scandalizziamo, spesso, per le decine di allenatori che annualmente vengono sollevati dalle panchine e sbattuti in mezzo a una strada o avviati a un pensionamento dorato; ce la prendiamo quasi sempre con Zamparini che ne ha esonerati cinquantatrè (scusate se sbaglio il numero, resta la sostanza), con Cellino che adesso se vorrà potrà esonerarne in Inghilterra; ma dimentichiamo che lo stesso Allegri è arrivato sulla panca di Conte dopo avere subito una cacciata umiliante, lui che aveva vinto uno scudetto miracoloso e perso dopo che gli avevano vuotato la squadra, magari per il capriccio di una giovane signora e di un papà che poi han preso Seedorf e l'hanno cacciato dopo che aveva lavorato bene e in ogni caso senza dirci perchè. E quanti altri, in passato, sono stati fatti fuori perché vincitori: i Padroni del Vapore non sopportano chi gli cresce accanto e addirittura li supera. A Zaccheroni è successo due volte. E anche a Sacchi. A Fabio Capello, "liberato" dopo aver fatto vincere il campionato al Real dei Galacticos che non vincevano mai. In passato al mitico Rocco, al mio amico Bernardini. Miodio quanti ne ho visti, e sentiti, di tecnici inopportunamente rimossi dopo la vittoria. Ho da poco tempo celebrato il ricordo di Manlio Scopigno, il ""filosofo" che vinse lo storico scudetto con il Cagliari e fu subito eliminato per una pipì sbagliata: nel suo nome è stato istituito un premio che la scorsa primavera è toccato a Conte; per carità, soltanto una coincidenza, ma chi ci pensava allora all'improvviso addio di Mister Intensità? Eppoi sento spesso dire, a commento della buona stagione di un tecnico: "Diventerà il nostro Ferguson". Già, Ferguson: chi era costui?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.