HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Conte, un solo titolo: lo hanno licenziato

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
20.07.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 72230 volte
© foto di Federico De Luca

Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni della Juve, gli hanno detto di no, lui avrà risposto "allora me ne vado" e loro "vada pure, mettiamoci d'accordo e chiudiamola qui", e blabla blabla blabla, Esonero mascherato o dimissioni mascherate: cambia poco. Resta un dato incontestabile: nel calcio, sport politicamente scorretto dove l'importante non è partecipare ma vincere, non basta più neppure vincere. Ti accompagnano all'uscio lo stesso, magari con buone maniere, addirittura con lettere strappacore, encomi solenni, comunicati generosi e lacrimosi. Ma ti mollano, ti cacciano. Non è il primo, Conte, e non sarà l'ultimo, ma certo è diventato il Numero 1 anche in questa nuova serie dei telefilm "Sport Crime". Splendido vincitore di due scudetti, già dovette discutere un anno fa con chi gli guastava la famiglia, ad esempio allontanando Giaccherini e Marrone i quali direte che avevano poco peso e invece solo il tecnico sa cosa valgono i suoi giocatori, anche i più modesti: me lo spiegava Bearzot, ossessionato da chi gli chiedeva cosa voleva dire aver portato a Spagna 82 Marini e Selvaggi; "so io" - spiegava il Vecio. E certo Antonio Conte aveva una spiegazione per tutti. Ma volevano decidere gli altri, tutti quelli che hanno firmato la lettera d'addio,anche dopo il terzo scudetto, Andrea, Beppe, anche Pavel.
Ci scandalizziamo, spesso, per le decine di allenatori che annualmente vengono sollevati dalle panchine e sbattuti in mezzo a una strada o avviati a un pensionamento dorato; ce la prendiamo quasi sempre con Zamparini che ne ha esonerati cinquantatrè (scusate se sbaglio il numero, resta la sostanza), con Cellino che adesso se vorrà potrà esonerarne in Inghilterra; ma dimentichiamo che lo stesso Allegri è arrivato sulla panca di Conte dopo avere subito una cacciata umiliante, lui che aveva vinto uno scudetto miracoloso e perso dopo che gli avevano vuotato la squadra, magari per il capriccio di una giovane signora e di un papà che poi han preso Seedorf e l'hanno cacciato dopo che aveva lavorato bene e in ogni caso senza dirci perchè. E quanti altri, in passato, sono stati fatti fuori perché vincitori: i Padroni del Vapore non sopportano chi gli cresce accanto e addirittura li supera. A Zaccheroni è successo due volte. E anche a Sacchi. A Fabio Capello, "liberato" dopo aver fatto vincere il campionato al Real dei Galacticos che non vincevano mai. In passato al mitico Rocco, al mio amico Bernardini. Miodio quanti ne ho visti, e sentiti, di tecnici inopportunamente rimossi dopo la vittoria. Ho da poco tempo celebrato il ricordo di Manlio Scopigno, il ""filosofo" che vinse lo storico scudetto con il Cagliari e fu subito eliminato per una pipì sbagliata: nel suo nome è stato istituito un premio che la scorsa primavera è toccato a Conte; per carità, soltanto una coincidenza, ma chi ci pensava allora all'improvviso addio di Mister Intensità? Eppoi sento spesso dire, a commento della buona stagione di un tecnico: "Diventerà il nostro Ferguson". Già, Ferguson: chi era costui?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Icardi giura amore eterno ed ecco la squadra per vincere. Il Milan scommette sul suo futuro, la Roma guarda in giro per le panchine, la Juve e gli attaccanti…  30.03 - Icardi lancia il messaggio d’amore all’Inter. Il problema del rinnovo di contratto di quest’estate sembra lontano anni luce, ora è nerazzurro a vita. E c’è da credergli, perché l’ha detto a tutto il mondo, senza filtri, rispondendo alle domande dei suoi tifosi. Vuole rimanere all’Inter,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.