HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Contestazione? No, i tifosi inneggiano a Silvio. Si riparte, il Milan vuole imitare Djokovic. Juve, parte Llorente per fare cassa. Inter, sarà vero closing?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
07.06.2014 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 34494 volte

Filippo Inzaghi, un uomo con il Giappone nel destino. Amatissimo a Tokyo e dintorni, era il più ricercato dai tifosi giapponesi, insieme a Pirlo, durante le trasferte mondiali del Milan. Ma c'è dell'altro, il Giappone accompagna Inzaghi ancora oggi. Nel senso dei giapponesi che non si sono ancora accorti che la guerra è finita. Insomma, che si rassegnino. Se c'è chi ha conti professionali da regolare con qualcuno, lo faccia in maniera anche meno patetica, non inventando contestazioni di pasta frolla che non arrivano mai e che servono solo a strumentalizzare inutilmente i tifosi. Se c'è chi ha comprensibilissimi, tenerissimi ma personalissimi mal di pancia, può curarli con un bel digestivo e non sulla pelle, ancora, dei tifosi in buona fede. La fame positiva di vittorie di Pippo sta contagiando tutti al Milan, a partire dal presidente Berlusconi, e sta compattando inesorabilmente ogni livello societario, molto di più della coesione quasi fortuita delle scorse settimane nata dalla visione comune delle vicende di Milanello. E Superpippo risanerà anche i pozzi cui si abbeverano i tifosi, avvelenati disordinatamente ma pur sempre avvelenati. I giapponesi fuori stagione ne prendano atto: ieri il presidente Berlusconi ha tratto grande carica da Casa Milan e al momento di parlare di passato e futuro la sua espressione è stata eloquente da uomo mai cattivo ma probabilmente deluso e forse tradito; Barbara Berlusconi è molto serena, gratificata dagli splendidi risultati di Casa Milan e convinta esattamente come il papà di guardare solo al futuro e non più al passato; Adriano Galliani è felice del rinnovato entusiasmo del presidente Berlusconi grazie anche alle iniezioni di energia positiva di Filippo Inzaghi e vive con serenità convinta i successi mediatici di Barbara Berlusconi. Esperimento difficile la governance a due teste, soprattutto all'inizio; ma adesso va sempre meglio e sarà sempre meglio. Spiace per loro, per i giapponesi delusi dalla piazza vuota di sabato 31 Maggio e dai cori pro-Silvio e pro-Barbara di ieri. Aizza oggi e aizza domani, le bolle di sapone e le mitomanie della foresta rimasta popolata a guerra finita rimangono a bocca asciutta. E già che ci siamo, lasciamola almeno una volta, asciutta, la bocca.

I tifosi rossoneri erano tutti per la non cessione di Cristante. E così sarà. Cristante, un giovane cresciuto nel Milan. Qualcosa funziona. Il Benfica ha fatto due offerte in settimana, una di 3 e una di 4 milioni, ma il Milan ha detto no. e spiegando il no al Benfica, ha motivato anche alla gentilissima Empoli il motivi per cui Bryan rimane rossonero. Il motivo è l'infortunio di Montolivo. Il Milan sa che non sarà semplice. Forza Monto, ma l'infortunio è lo stesso di Jankulovski nel 2005. Qualche mese, mese più piuttosto che mese meno, ci vuole. A proposito, il Milan trascorrerà la giornata di domani a tifare per il rossonerissimo Djokovic: se batte Nadal al Roland Garros, tornerà il numero uno del mondo. Nel suo sport, Nole è diventato grandissimo grazie all'alimentazione. Il libro di Nole che spiega come la sua svolta nutrizionista sia alla base dei suoi successi, viene letto con molto interesse. Lo farà anche il Milan della prossima stagione. Curare e migliorare i particolari, il Milan sta tornando. Senza alcun bisogno di introspezioni strampalate.

La notizia viene data per certa da ambienti torinesi. Llorente viene considerato la base per realizzare un'ottima plusvalenza in casa Juventus. Arrivato a parametro zero e protagonista di un'ottima stagione, il centravanti basco può portare soldi freschi e segni consistenti in bilancio dove l'ammortamento è a quota zero. Llorente piace sul mercato spagnolo. Potrebbe partire, con buona parte del ricavato reinvestita. Operazione da fare con attenzione da parte della Juventus: Vucinic, Quagliarella e Giovinco sono ai titoli di coda. L'attacco oggi è solo Tevez. E non basta. Ce ne vogliono almeno altri due, a questo punto.

C'è, la maggioranza che ci crede. Al closing. E c'è anche una minoranza che non ci crede. Non vogliamo fare i milanisti che non ci credono. Ma dal momento che la rivalità non riguarda la sopravvivenza e la funzionalità di un Club ma il campo, lo prendiamo per buono il closing. Bene. Che venga utilizzato come sanno gli uomini dell'economia nerazzurra e per rasserenare dipendenti e collaboratori. Ad esempio con una fissa dimora per il presidente Thohir. Bene i voli intercontinentali e i grandi alberghi, ma per un rapporto lungo, costruttivo e duraturo con una grande città come Milano, anche una casa in loco non guasterebbe. Piccole cose, ma prima del mercato, ci sono tantissime piccole cose che l'Inter è chiamata a risolvere dopo l'ultimo, difficilissimo, anno e mezzo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.