HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Credere che un uomo solo potesse internazionalizzare il Napoli, è stato un atto altamente provinciale

07.06.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 43102 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus con Buffon, Bonucci, Barzagli, Chiellini, Pirlo, Marchisio, Sturaro, Padoin; la Lazio con Marchetti, Parolo, Cataldi, Mauri, Candreva; la Roma con De Sanctis, Astori, De Rossi, Florenzi, Totti. Non è un caso se l'ossatura delle prime tre squadre del campionato di serie A sia composta prevalentemente da calciatori italiani, quelli che hanno tenuto il gruppo solido nei momenti difficili e ne hanno guidato la riscossa quando si è trattato di schiacciare il piede sull'acceleratore. Probabilmente ragioni economiche legate alla consegna delle fideiussioni all'atto dell'acquisto hanno consigliato alcuni presidenti di prendere la strada estera, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. A cominciare dal Napoli: in un biennio 135 milioni spesi in cartellini, un monte ingaggi da 70 milioni (netti) a stagione, senza raggiungere la Champions che avrebbe portato 80 milioni di euro nelle casse del Napoli. La Coppa Italia e la Supercoppa non possono di certo bastare per considerare sufficiente la gestione Benitez, pesata sul bilancio del Napoli per un ammontare di 20 milioni nel biennio, compreso gli stipendi dei suoi collaboratori. L'idea di rendere grande il Napoli con l'ingaggio di un tecnico dal nome altisonante è stato un errore del quale De Laurentiis ha preso coscienza con colpevole ritardo e adesso lo costringe ad un'opera di ricostruzione con l'utilizzo di gente di sostanza piuttosto che da personaggi celebrati dai risultati ottenuti altrove. Pensare che il Napoli potesse essere internazionalizzato con l'arrivo di Benitez è stato un flop, anzi, un atto altamente provinciale e per nulla rispettoso di ciò che l'Italia ha sempre prodotto in termini di calcio, quello puro e non condizionato dalle ricchezze portate da sceicchi e zar. E poi, quali e quanti spagnoli hanno fatto la differenza in serie A? Si contano sulle dita di una mano e lo stesso Benitez ha dovuto abbandonare la nostra realtà rapidamente, per assenza di risultati concreti: le piccole squadre sono andate a nozze tutte le volte che dovevano sfidare il Napoli. Di contro, ci sono due tecnici italiani, Capello e Ancelotti, che hanno lasciato il segno nella Liga. A me non dispiace che Emery abbia rifiutato il ricco contratto propostogli da De Laurentiis, si rischiava un altro buco nell'acqua, con un altro coach che avrebbe chiesto tanto e, forse, ottenuto poco. Ora De Laurentiis ha voluto sparigliare tutto con l'arrivo di un allenatore poco avvezzo ai palcoscenici internazionali, ma con quella fame da lupo che serve adesso che bisogn muoversi sulle macerie lasciate dall'ultima gestione tecnica. Il desiderio di rivedere un Napoli combattivo, tenace, mai domo e con quella dote tecnica che caratterizza le squadre di Sarri, è forte, anche se azzardato. Sì, De Laurentiis sta correndo un rischio, in effetti calcolato, perché con l'organico attuale difficilmente si potrebbe fare peggio del quinto posto. Dipenderà anche dalla capacità dei tifosi nell'accettare il cambiamento e pensare che il passo indietro era stato fatto investendo ingenti risorse per un allenatore che in due anni le ha sperperate tutte. Il Napoli internazionale va creato con i calciatori italiani e non cercandola nello straniero che troppo spesso porta con sè il forziere, ma senza i gioielli al suo interno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.