HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

D'Ambrosio e l'Inter: ci siamo. E il Toro chiede Botta. Pogba-Pjanic-Nainggolan: che girotondo... Caso Antonelli: a Napoli comanda Benitez. Le ultime su Paredes. Il Parma di Imborgia

Alfredo Pedullà è nato a Messina il 15 aprile 1964. Lavora a Sport Uno, giornalista per passione e convinzione. Il più bel premio ricevuto è l'affetto della gente
05.01.2014 00.00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 52215 volte
© foto di Federico De Luca

Danilo D'Ambrosio vede Milano, ma esclusivamente sponda Inter. Storia di una trattativa decollata all'improvviso nelle ultime 36 ore. C'era la Roma, ha mollato, scavalcata. Sorpasso Inter, traguardo vicinissimo. Per il Toro una contropartita tecnica individuata in Ruben Botta, l'estroso trequartista che era stato parcheggiato al Livorno durante il grave infortunio ormai smaltito. La comproprietà di Botta e un conguaglio di circa un milione. Si è ragionato su queste basi, una soluzione in grado di soddisfare tutti. L'Inter vorrebbe dare Botta solo in prestito, cosa che farebbe con il Livorno, tuttavia Spinelli deve aspettare. Il Toro preme per la metà, vedremo. Saltasse la contropartita tecnica, ma Botta piace molto al Toro, l'Inter potrebbe aumentare il cash. Quando tutto sarà chiaro e ufficiale avremo tempo di raccontare mille retroscena, depistaggi, qualche bufala. Faceva parte del gioco, importante non cascarci. I tempi per il nero su bianco potrebbero allungarsi di cinque o sei giorni, in fondo stiamo parlando della prima operazione dell'era Thohir. Per D'Ambrosio pronto un contratto fino al 2018, da 1,3 milioni a stagione più bonus. L'Inter saluterà Pereira, il Marsiglia è vicino, potrebbe restituire Wallace al Chelsea, poi si dedicherà al resto. Da qui la forte accelerazione, con D'Ambrosio nel mirino. Stand by Guarin, stand by Lamela, stand by Lavezzi. Magari esce Ranocchia, ma gennaio è lungo, non bisogna avere fretta. Della serie: ponderare e decidere.
I pezzi da novanta sono a centrocampo, mica soltanto in attacco. Sono i giorni di Pogba, Pjanic, Nainggolan, Jorginho. Qualcuno vorrebbe allargare a Verratti (per il futuro). E chissà quanti altri protagonisti ci sarebbero, soltanto se guardassimo oltre gennaio. Ma no, fermiamoci ai giorni nostri, saranno intensi fino al 31. Pogba: la Juve lo strablinda (forzatura) molto presto, gli offre quasi la luna. Pensate: fino a tre mesi fa in casa bianconera si immaginava che un adeguamento fino a due milioni e mezzo sarebbe stato sufficiente per accontentare il Polpo Paul. Adesso si parte da una base di quattro milioni almeno, sapendo che qualcuno presto potrà offrirgliene il doppio. Questo qualcuno è il Psg, ma fino a quando Pogba e il suo mentore Raiola non avranno lancinanti mal di pancia la Juve non correrà rischi. Anche se è giusto mettere in preventivo che i francesi dello sceicco per la prossima estate metteranno sul piatto dai 50 milioni in su. E magari Verratti che piace alla Juve (molto) e anche al Real, qui si aprirebbero gli incastri che coinvolgono Pirlo. Quest'ultimo non ha ancora deciso se restare o meno, può anche darsi che dica si, ma dobbiamo aspettare.
Nel frattempo il Psg ha memorizzato una cosa: è la stagione giusta per provare a vincere la Champions. Quindi, se bisogna spendere la cassaforte è completamente aperta. Piace molto Pjanic, che la Roma vuole trattenere con una clausola alta, a costo di mettere Pastore sul piatto della bilancia. E quando sente il nome di Pastore a Sabatini vengono i mal di testa e i mancamenti come se fosse un vuoto d'aria: prima o poi, più prima che poi, spera di tornare a lavorare con il suo figlioccio. Ma per Pjanic resiste, nel frattempo marca sempre Parolo. Esattamente come il Milan spera sempre di chiudere Nainggolan, number one della lista. Radja era stato proposto indovinate a chi? Al Psg che evidentemente non è così allupato sull'argomento. La Roma in questi giorni è isolata, l'Inter può tornare, la Juve alla finestra. Certo, se Nainggolan anche stavolta restasse a Cagliari, sarebbe come minimo sorprendente. Ecco perché qualcosa accadrà, le motivazioni sono tutto. E lo stesso Cellino ha tracciato la strada giusta, sa di non poterlo più trattenere. Su Jorginho bisogna capire quanto durerà la resistenza del Verona; i rapporti con la Fiorentina sono ottimi, dalla Premier potrebbero rilanciare, restando tutto bloccato fino a luglio magari tornerebbe in lizza il Milan. Considerato che il futuro del diesse Sogliano potrebbe/dovrebbe avere i colori rossoneri.
Saranno i giorni di Leandro Paredes: da novembre vi raccontiamo che la Roma ha il 90 per cento di possibilità, ultimamente il ragazzo non ha fatto benissimo al Boca, ma ha un talento straordinario. Era stato proposto alla Fiorentina, che ha il posto libero, ma non c'è stato un impulso. La Roma cercherà di piazzarlo per non correre rischi, la sicurezza di Sabatini è che stiamo parlando di un predestinato. E poi si concentrerà, tra le altre cose, sull'operazione Iturbe da chiudere con il Verona, prevedibilmente per luglio. Aspettiamo.
Nessuno è maestro, nessuno può fare il Prof, bisogna sempre mettersi in discussione. Ma se annunci "Antonelli andrà al Napoli", caschi il mondo Antonelli deve andare al Napoli. Altrimenti devi dire: ci sono buone possibilità, anzi ottime, sono vicini, quasi sicuramente troveranno un'intesa... No, tu dici che sicuramente lascerà il Genoa per andare al Napoli, poi non ci va e te la cavi con "sono storie di mercato". Storie di cosa? Cantastorie... A proposito della vicenda Antonelli, voi sapete come la penso (senza peli sulla lingua): Antonelli buonissimo interprete, ma non in grado di fare la differenza in un club dalle ambizioni europee come quello di De Laurentiis. Ritengo, quindi, siano stati soldi risparmiati. Anche perché Zuniga torna, Armero magari non parte, Mesto sarà nuovamente disponibile non tardissimo. Insomma, sulle fasce non sarebbe un dramma. Aspettando l'ultimo e decisivo scatto per Gonalons, una cosa mi colpisce: come il lavoro di cucitura di Bigon venga spesso azzerato e respinto al mittente da Benitez. La conferma che a Napoli conta solo Rafè: era accaduta la stessa cosa anche per Astori, il diesse a tessere la tela, inutilmente. Bigon è un bravo ragazzo, gode di ottima stampa, ma arriva il momento di capire quando si è protagonisti e quando no. Lo ha fatto anche Braida dopo quasi 30 anni vissuti magicamente con il Milan...
Leggo un'intervista di Antonino Imborgia che racconta i suoi successi al Parma. Saponara di qua, Belfodil di là, "se non ci fossi stato io", della serie "lei non sa chi sono io". Io ricordo Imborgia procuratore, da dirigente incompiute una dietro l'altra. Se fosse davvero così bravo, ispirato e competitivo non pensa il signor Nino che sarebbe ancora in Emilia? Perché non c'è più? Come mai ha rotto il contratto? Suvvia, non raccontiamo barzellette: in Italia sono bravi tutti a difendere l'indifendibile, a dire "ero il migliore" quando non tanto all'improvviso hanno indicato l'uscio, con tanti saluti. il Parma è rappresentato dal portafoglio di Ghirardi, dal genio tuttofare di Leonardi e dall'instancabile Preiti. Il signor Imborgia ripassi la prossima volta, spiegheremo meglio: oggi è chiuso per ferie. Buon anno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.