HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Da brocchi a guerrieri il passo è breve, ma anche il salto all'indietro. Il passaggio dalla lira all'euro fra Zidane e Pogba. Mercato fermo, almeno fino a luglio

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
19.06.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 27565 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Europeo entrerà nel vivo dagli ottavi di finale in poi, ma queste prime partite danno già l'assaggio di quel che è un torneo a ventiquattro squadre: troppo semplice nel primo round, con le squadre a quattro punti che passeranno quasi certamente al turno successivo. Poi, certo, fa abbastanza sorridere che una squadra potenzialmente a nove - come l'Italia - poi vada a prendere una delle squadre più pericolose dell'Europeo, essa sia Spagna o Croazia. Certo, c'è la possibilità Repubblica Ceca (e gli azzurri non dovrebbero prendere scusanti), ma le migliori prime dovrebbero prendere le terze, pur di dare un giorno di riposo in più fra prima e seconda fase. In ogni caso Conte si sta togliendo qualche sassolino dalla scarpa. Macigni su Eder, peggiore in campo con Pellè contro la Svezia, ma poi decisivo all'ultimo respiro, sassi per altre cose: il ritornello "undici guerrieri" si sente quasi tutti i giorni a casa azzurri, ma bisogna essere equilibrati nei giudizi: brocchi prima non lo erano, fenomeni ora tantomeno, anche vista una sfida contro la Svezia abbastanza deludente, sia per contenuti che per reazione. Però appare certa una cosa: Brera sarebbe orgoglioso di questa squadra, capace di soffrire e poi pungere in contropiede. La cosa bella è che Buffon, in due partite, di miracoli non ne ha proprio fatti. La retorica è sempre pericolosa in questi casi, perché pompare troppo il gruppo e la squadra potrebbe avere poi riflessi decisamente negativi.

Da Zidane a Pogba passa una competizione in Francia, con un inizio simile. Certo, Zinedine si era fatto squalificate per una passeggiata su un calciatore saudita, mentre lo juventino (attuale) ha "solo" perso una maglietta da titolare nella seconda partita contro l'Albania, entrando e non facendo benissimo (per usare un eufemismo). Insomma, polemiche che montano e che continueranno per tutta la durata dell'europeo, forse anche oltre. E poi passa, da Zizou a Pogba, il cambio da lira a euro, perché 160 miliardi erano necessari per portare il numero 21 a Madrid, ora ne servono 160, sì, ma di euro, quindi praticamente il doppio. Ammesso e non concesso che si possa pagare un giocatore che, almeno per il momento, non è nei primi cinque a livello Mondiale una cifra del genere.

Pensieri sparsi: la Lazio, dovesse prendere Marcelo Bielsa, farà un salto nel buio. Sia dal punto di vista tecnico che da quello dirigenziale. Per vari motivi, in primis perché il 3-3-1-3 è tanto bello quanto spregiudicato e poco adatto a un calcio tattico come quello italiano. Poi perché non basta l'ingaggio di un grande allenatore per sopperire alle mancanze di un organico che un anno fa sembrava uno dei migliori d'Italia, anche grazie ai falsi positivi che hanno portato i biancocelesti al terzo posto. Certo, Felipe Anderson e Candreva - ma difficilmente rimarrà - potrebbero esplodere ulteriormente grazie al gioco offensivo dell'argentino. La Roma dovrà capire cosa fare da grande dopo la vicenda Pjanic, andato a rinforzare l'avversaria più diretta per il campionato e con un Nainggolan che potrebbe anche scegliere il Chelsea. Niente di sicuro, ma l'Europeo diventa un momento di riflessione (e di speranza) per far rimanere il belga. Al Milan è tutto bloccato, forse il tassello del domino che muove tutto quanto, mentre l'Inter ha sì cambiato proprietà ma ha tempi morti ancora tutti da scoprire. E il Napoli? Ha bisogno di fare chiarezza, come non succede da tempo: Higuain sì o Higuain no? Perché l'eventuale permanenza cambia tutti i piani di De Laurentiis. Mentre i vari Insigne e Koulibay chiedono qualche informazione su un eventuale prolungamento e ritocco. Certo è che, almeno fino alla fine del mercato, tutto rimarrà così, gattopardescamente: cambiare tutto per poi non cambiare nulla.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.