HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Da brocchi a guerrieri il passo è breve, ma anche il salto all'indietro. Il passaggio dalla lira all'euro fra Zidane e Pogba. Mercato fermo, almeno fino a luglio

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
19.06.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 27462 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Europeo entrerà nel vivo dagli ottavi di finale in poi, ma queste prime partite danno già l'assaggio di quel che è un torneo a ventiquattro squadre: troppo semplice nel primo round, con le squadre a quattro punti che passeranno quasi certamente al turno successivo. Poi, certo, fa abbastanza sorridere che una squadra potenzialmente a nove - come l'Italia - poi vada a prendere una delle squadre più pericolose dell'Europeo, essa sia Spagna o Croazia. Certo, c'è la possibilità Repubblica Ceca (e gli azzurri non dovrebbero prendere scusanti), ma le migliori prime dovrebbero prendere le terze, pur di dare un giorno di riposo in più fra prima e seconda fase. In ogni caso Conte si sta togliendo qualche sassolino dalla scarpa. Macigni su Eder, peggiore in campo con Pellè contro la Svezia, ma poi decisivo all'ultimo respiro, sassi per altre cose: il ritornello "undici guerrieri" si sente quasi tutti i giorni a casa azzurri, ma bisogna essere equilibrati nei giudizi: brocchi prima non lo erano, fenomeni ora tantomeno, anche vista una sfida contro la Svezia abbastanza deludente, sia per contenuti che per reazione. Però appare certa una cosa: Brera sarebbe orgoglioso di questa squadra, capace di soffrire e poi pungere in contropiede. La cosa bella è che Buffon, in due partite, di miracoli non ne ha proprio fatti. La retorica è sempre pericolosa in questi casi, perché pompare troppo il gruppo e la squadra potrebbe avere poi riflessi decisamente negativi.

Da Zidane a Pogba passa una competizione in Francia, con un inizio simile. Certo, Zinedine si era fatto squalificate per una passeggiata su un calciatore saudita, mentre lo juventino (attuale) ha "solo" perso una maglietta da titolare nella seconda partita contro l'Albania, entrando e non facendo benissimo (per usare un eufemismo). Insomma, polemiche che montano e che continueranno per tutta la durata dell'europeo, forse anche oltre. E poi passa, da Zizou a Pogba, il cambio da lira a euro, perché 160 miliardi erano necessari per portare il numero 21 a Madrid, ora ne servono 160, sì, ma di euro, quindi praticamente il doppio. Ammesso e non concesso che si possa pagare un giocatore che, almeno per il momento, non è nei primi cinque a livello Mondiale una cifra del genere.

Pensieri sparsi: la Lazio, dovesse prendere Marcelo Bielsa, farà un salto nel buio. Sia dal punto di vista tecnico che da quello dirigenziale. Per vari motivi, in primis perché il 3-3-1-3 è tanto bello quanto spregiudicato e poco adatto a un calcio tattico come quello italiano. Poi perché non basta l'ingaggio di un grande allenatore per sopperire alle mancanze di un organico che un anno fa sembrava uno dei migliori d'Italia, anche grazie ai falsi positivi che hanno portato i biancocelesti al terzo posto. Certo, Felipe Anderson e Candreva - ma difficilmente rimarrà - potrebbero esplodere ulteriormente grazie al gioco offensivo dell'argentino. La Roma dovrà capire cosa fare da grande dopo la vicenda Pjanic, andato a rinforzare l'avversaria più diretta per il campionato e con un Nainggolan che potrebbe anche scegliere il Chelsea. Niente di sicuro, ma l'Europeo diventa un momento di riflessione (e di speranza) per far rimanere il belga. Al Milan è tutto bloccato, forse il tassello del domino che muove tutto quanto, mentre l'Inter ha sì cambiato proprietà ma ha tempi morti ancora tutti da scoprire. E il Napoli? Ha bisogno di fare chiarezza, come non succede da tempo: Higuain sì o Higuain no? Perché l'eventuale permanenza cambia tutti i piani di De Laurentiis. Mentre i vari Insigne e Koulibay chiedono qualche informazione su un eventuale prolungamento e ritocco. Certo è che, almeno fino alla fine del mercato, tutto rimarrà così, gattopardescamente: cambiare tutto per poi non cambiare nulla.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.