HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Da brocchi a guerrieri il passo è breve, ma anche il salto all'indietro. Il passaggio dalla lira all'euro fra Zidane e Pogba. Mercato fermo, almeno fino a luglio

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
19.06.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 27670 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Europeo entrerà nel vivo dagli ottavi di finale in poi, ma queste prime partite danno già l'assaggio di quel che è un torneo a ventiquattro squadre: troppo semplice nel primo round, con le squadre a quattro punti che passeranno quasi certamente al turno successivo. Poi, certo, fa abbastanza sorridere che una squadra potenzialmente a nove - come l'Italia - poi vada a prendere una delle squadre più pericolose dell'Europeo, essa sia Spagna o Croazia. Certo, c'è la possibilità Repubblica Ceca (e gli azzurri non dovrebbero prendere scusanti), ma le migliori prime dovrebbero prendere le terze, pur di dare un giorno di riposo in più fra prima e seconda fase. In ogni caso Conte si sta togliendo qualche sassolino dalla scarpa. Macigni su Eder, peggiore in campo con Pellè contro la Svezia, ma poi decisivo all'ultimo respiro, sassi per altre cose: il ritornello "undici guerrieri" si sente quasi tutti i giorni a casa azzurri, ma bisogna essere equilibrati nei giudizi: brocchi prima non lo erano, fenomeni ora tantomeno, anche vista una sfida contro la Svezia abbastanza deludente, sia per contenuti che per reazione. Però appare certa una cosa: Brera sarebbe orgoglioso di questa squadra, capace di soffrire e poi pungere in contropiede. La cosa bella è che Buffon, in due partite, di miracoli non ne ha proprio fatti. La retorica è sempre pericolosa in questi casi, perché pompare troppo il gruppo e la squadra potrebbe avere poi riflessi decisamente negativi.

Da Zidane a Pogba passa una competizione in Francia, con un inizio simile. Certo, Zinedine si era fatto squalificate per una passeggiata su un calciatore saudita, mentre lo juventino (attuale) ha "solo" perso una maglietta da titolare nella seconda partita contro l'Albania, entrando e non facendo benissimo (per usare un eufemismo). Insomma, polemiche che montano e che continueranno per tutta la durata dell'europeo, forse anche oltre. E poi passa, da Zizou a Pogba, il cambio da lira a euro, perché 160 miliardi erano necessari per portare il numero 21 a Madrid, ora ne servono 160, sì, ma di euro, quindi praticamente il doppio. Ammesso e non concesso che si possa pagare un giocatore che, almeno per il momento, non è nei primi cinque a livello Mondiale una cifra del genere.

Pensieri sparsi: la Lazio, dovesse prendere Marcelo Bielsa, farà un salto nel buio. Sia dal punto di vista tecnico che da quello dirigenziale. Per vari motivi, in primis perché il 3-3-1-3 è tanto bello quanto spregiudicato e poco adatto a un calcio tattico come quello italiano. Poi perché non basta l'ingaggio di un grande allenatore per sopperire alle mancanze di un organico che un anno fa sembrava uno dei migliori d'Italia, anche grazie ai falsi positivi che hanno portato i biancocelesti al terzo posto. Certo, Felipe Anderson e Candreva - ma difficilmente rimarrà - potrebbero esplodere ulteriormente grazie al gioco offensivo dell'argentino. La Roma dovrà capire cosa fare da grande dopo la vicenda Pjanic, andato a rinforzare l'avversaria più diretta per il campionato e con un Nainggolan che potrebbe anche scegliere il Chelsea. Niente di sicuro, ma l'Europeo diventa un momento di riflessione (e di speranza) per far rimanere il belga. Al Milan è tutto bloccato, forse il tassello del domino che muove tutto quanto, mentre l'Inter ha sì cambiato proprietà ma ha tempi morti ancora tutti da scoprire. E il Napoli? Ha bisogno di fare chiarezza, come non succede da tempo: Higuain sì o Higuain no? Perché l'eventuale permanenza cambia tutti i piani di De Laurentiis. Mentre i vari Insigne e Koulibay chiedono qualche informazione su un eventuale prolungamento e ritocco. Certo è che, almeno fino alla fine del mercato, tutto rimarrà così, gattopardescamente: cambiare tutto per poi non cambiare nulla.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.